Trump: è ora che gli Stati Uniti riconoscano il Golan siriano come territorio israeliano


Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha scritto che è tempo di sostenere quella che ha definito la “sovranità” del regime israeliano sulle alture del Golan, un territorio siriano sotto l’occupazione israeliana dal 1967.

“Dopo 52 anni è il momento per gli Stati Uniti di riconoscere pienamente la sovranità di Israele sulle alture del Golan, che è di importanza strategica e di sicurezza per lo Stato di Israele e la stabilità regionale!”. Questo ha scritto Trump giovedì su Twitter.

Nel dicembre 2017, il riconoscimento di Trump di Gerusalemme, al-Quds come la cosiddetta capitale israeliana ha provocato un’ondata di proteste che continuano ancora oggi.

Il tweet di Trump arriva nell’imminenza della visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Washington prevista la prossima settimana per incontrare il presidente degli Stati Uniti e rivolgersi all’American Israel Public Affairs Committee (AIPAC).

Netanyahu aveva insistito perché Washington riconoscesse la sua pretesa sulle alture del Golan occupate. Prontamente è arrivato il riconoscimento di Trump, sempre pronto ad accontentare Netanyahu come anche il suo genero, l’ultra sionista, Jared Kushner

All’inizio di questo mese, il Dipartimento di Stato americano ha cambiato la sua solita descrizione delle alture del Golan da “occupate da Israele” a “controllate da Israele” in un rapporto annuale sui diritti umani a livello mondiale.

Il riconoscimento da parte di Washington dell’area occupata da Israele segnerà un importante cambiamento nella politica statunitense. Le Nazioni Unite hanno sempre sottolineato la sovranità della Siria sul quel territorio.
Nel 1967, Israele intraprese una guerra su vasta scala contro i territori arabi, durante il quale occupò una vasta fascia di Golan e la annetté quattro anni dopo, una mossa mai riconosciuta dalla comunità internazionale.

Nel 1973, scoppiò un’altra guerra e un anno dopo entrò in vigore un cessate il fuoco negoziato dalle Nazioni Unite, secondo cui Tel Aviv e Damasco accettarono di separare le loro truppe e creare una zona cuscinetto sulle alture del Golan.

La Siria ha dichiarato il mese scorso che è pronta ad andare in un’altra guerra con Israele per liberare i suoi territori occupati.
Negli ultimi decenni Israele ha costruito dozzine di insediamenti sulle alture del Golan, sfidando le chiamate internazionali affinché il regime interrompesse le sue attività illegali di costruzione.

La Siria ha ripetutamente ribadito la sua sovranità sulle alture del Golan, affermando che il territorio deve essere completamente ripristinato al suo controllo.

Dal 2011, quando era scoppiato il conflitto in Siria, sponsorizzata dall’estero, Israele ha utilizzato il Golan per sostenere i terroristi Takfiri con l’obiettivo di rovesciare il governo di Damasco.
La Russia si oppone al riconoscimento dell’annessione del Golan da parte di Israele
In un comunicato emesso questa sera, la Russia ha dichiarato che si opporrà decisamente a qualsiasi cambiamento dello status delle alture del Golan siriane, come ha dichiarato una fonte diplomatica russa.
“Qualsiasi cambiamento di questo tipo dovrebbe fra l’altro realizzarsi in modo molto diverso che con un twitter, piuttosto con una decisione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU”, ha aggiunto il portavoce diplomatico russo.

Fonti: Press Tv Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

12 Commenti

  • amadeus
    21 Marzo 2019

    Parimenti potremmo riconoscere Cicciolina presidente degli stati uniti, é la stessa cosa!

  • atlas
    21 Marzo 2019

    è ora che tutti i popoli del mondo riconoscano che i giudei non hanno diritto di occupare la Palestina né il mondo intero

  • Max Dewa
    22 Marzo 2019

    Donald trump e’ un noto pedofilo nelle Mani di israele digitate” jenny guskin Donald trump ” su hugequestions c’e’ anche in Italiano , tutti sti governanti soon LA feccia del popolo vedi berlusca depravato mafioso massone faccendiere palazzinaro come trump ,hanno dei curriculum delle fedine penali che jack lo squartatore a confronto e’ l’allegro chirurgo

    • Anonimo
      22 Marzo 2019

      Il cancro ebraico sionista che domina il mondo, si espande!

  • Mardunolbo
    22 Marzo 2019

    Max Dewa detto anche Tuantuon-o è ritornato più vispo che mai e si da’ da fare nello scrivere le sue invettive (giuste) sui giudei sionisti. “Dall’Oriente con furore ! “

  • Monk
    22 Marzo 2019

    Il sionista Salvini cosa diceeeee????!!!! Traditore al soldo dei giudei, insieme a lui tutti gli altri! Bla bla bla bla bla, e la Palestina è dimenticata. Le zecche negriere schifose false dei centri sociali manifestano per difendere i diritti di sistema creati dal potere centrale (come farebbero a grattarsi i coglioni 24 ore su 24 sulle spalle dei coglioni che gli vanno dietro), mai che li vedi protestare contro gli amici dei giudei. Questo governo idem bla bla bla bla…ma si sa, siamo occupati dal ’45 , zerbini, senza midollo spinale, senza attributi e più che morire miseramente senza tirare fuori l’orgoglio che dovrebbe contraddistinguere qualsiasi Paese, non possiamo fare. I

  • Woland
    22 Marzo 2019

    Sul golan occupato con la guerra “bisogna riconoscere la sovranità dell’occupante”
    Sulla crimea annessa con un referendum “la russia ha aggredito l’europa”

    A chi dice queste cose risponde Catullo (il poeta latino):

    “Gli dei non si offendano, ma io non ho mai creduto che facesse differenza
    annusare la bocca o il c*lo di Emilio [sostituire nome].
    Non c’è nulla di più pulito del c*lo, non c’è nulla di più sporco della bocca;
    diciamo pure che il c*lo è più pulito e si presenta meglio……”

    (da Liber Catulli, 97)

    • silvia
      22 Marzo 2019

      Le cose che dicono gli USA e Co sulla Russia e la Crimea sono ovviamente assurde, Pero’, per quanto riguarda il Golan occupato con la guerra, ricorderei che anche l’Alto Adige e’ stato annesso all’Italia con la guerra. Cmq non credo che in pratica la Siria possa riaverlo; sarebbe meglio occuparsi di problemi piu’ importanti, anche in Siria

      • namelda
        22 Marzo 2019

        ai tempi della 1 guerra mondiale non c’era la Società delle Nazioni
        e una legge internazionale che decretasse i diritti di appartenenza dei territori occupati dal nemico;il destino delle terre conquistate era lasciato alle trattative di pace.cosa che avvenne per il sudtirolo,l’istria e la dalmazia.
        L’ONU( e conseguentemente tutti i membri) dichiara espressamente
        non legittimo il possesso di un territorio conquistato con la guerra.
        che poi lei abbia problemi più importanti
        lo si intuisce

      • Monk
        22 Marzo 2019

        Quali sarebbero i problemi più importanti? Le merde sioniste non sono da estirpare, Silvia???!!!

        • silvia
          23 Marzo 2019

          No, a differenza di Hitler io non ritengo che si debbano massacrare gli Ebrei.

  • Max Dewa
    23 Marzo 2019

    Vede com’e’ LA Silvia 2 righe 2 cazzate ,lei Silvia deve essere pagata per scrivere cosi tante cazzate in modo cosi sintetico ,dice che Hitler voleva massacrare gli ebrei non lo ha mai detto scritto o fatto tutte cazzate Della propaganda post guerra degli ebrei calunniatori menzogneri depravati ,Hitler voleva mandarli via dalla Germania si era pensato all’uganda I’ll Madagascar l’argentina ecc ma nessuno li voleva quei “Genii depravati” forse che Forse non avesse tutti I torti Adolfo a non sopportarli

Inserisci un Commento

*

code