Trump dovrebbe tornare in Israele, da dove proviene: Analista

Se le donne del Congresso statunitense, provenienti da altre culture, devono tornare nei loro paesi, come ha suggerito il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, allora il capo dello stato americano dovrebbe tornare in Israele, dove si trova la sua affiliazione, dice uno studioso americano.

Il Dr. Kevin Barrett, studioso accademico e politico con sede nel Wisconsin, ha fatto le osservazioni all’indomani dei tweet razzisti di Trump, con cui ha invitato alcune donne membri del Congresso ree di criticare le sue politiche, invitandole a tornare nei loro paesi di origine.

In una serie di tweet di lunedì, Trump ha detto che le donne del Congresso – tre di loro musulmane – stavano “vomitando” “odio razzista”, e ha invitato loro a “tornare” ai paesi “infestati e colpiti dal crimine” da cui provenivano originariamente.

Trump ha fatto riferimento ai rappresentanti Alexandria Ocasio-Cortez di New York (origini portoricane) , Ilhan Omar del Minnesota, Rashida Tlaib Michigan e Ayanna Pressley Massachusetts.

Salva per Omar, che proviene da una famiglia di rifugiati somali, gli altri tre legislatori sono americani per nascita. La Tlaib ha un’origine palestinese.

Alexandria Cortez eletta alla Camera

.
“È abbastanza sorprendente che Trump pensi che questa sia una strategia vincente”, ha detto Barrett alla Press TV martedì. “Possiamo vedere perché crede di poter provare ad accusare queste deputate di opposizione di essere al di fuori della corrente principale tipica specialmente della sua base, dato che la base elettorale di Trump è quella di una popolazione nativa americana e in gran parte bianca” .

“Questo dimostra in realtà che la polarizzazione dell’elettorato americano è andata ben oltre il punto in cui era mai stata”, ha aggiunto.

Trump ha raddoppiato le sue osservazioni, affermando che i legislatori in questione hanno lasciato gli israeliani “abbandonati” (sic) avendo loro criticato i crimini di Tel Aviv contro i palestinesi.

“Quindi perché Trump sta equiparando l’ufficio del presidente con quello del popolo di Israele? Beh, forse è perché … Trump è in realtà un personaggio sionista o lo è stato “, ha sostenuto Barrett.

Riferendosi a Trump e alle molte politiche pro-Israele, fin dal suo insediamento, ha aggiunto l’esperto, che questa non era una teoria inverosimile.

“Forse Trump dovrebbe tornare da dove è venuto, che è la base del genocidio”, ha aggiunto.

”Non abboccate”, l’obiettivo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è quello di ”volervi distrarre dal caos e dalla politica corrotta di questa Amministrazione”. E’ quanto hanno detto in conferenza stampa le quattro DEPUTATE democratiche entrate nel Congresso americano dopo le elezioni di metà mandato dello scorso novembre e raggiunte da accuse razziste da Trump, che ha chiesto loro di ”tornare da dove sono venute”.

L’analista ha affermato che le osservazioni di Trump erano simili anche al caso del trafficante di bambini miliardari, il pedofilo Jeffrey Epstein, in quanto in entrambi i casi “ricchi, vecchi, uomini bianchi si sentono liberi di abusare di giovani donne provenienti da contesti più poveri” e di razze diverse.

Barrett ha detto che non è saggio per Trump usare questa retorica contro altre donne mentre lui stesso era uno dei molti uomini potenti che sono accusati di complicità con Epstein.

Fonte: Ptress Tv

Traduzione: L.Lago

5 Commenti

  • Max Dewa
    16 Luglio 2019

    Epstein ,Harvey Weinstein entrambi Maniaci sessuali dei veri Mostri e entrambi casualmente e stranamente Ebrei toh ! Che caso ! E pensare che siamo guidati da gente simile sono loro che ci guidano verso LA depravazione.verso l’abisso ,in Italia abbiamo solo qualche nullita’ squallida tipo Fiano che pero vale sempre piu di 100 deputati non ebrei buoni a nulla o LA nirenstein instancabile lavoratrice che nell’ombra tra I suoi blog e I suoi viaggi LA megera tiene sempre I’ll polso Della situazione sa tutto ai suoi osservatori non scappa niente , trump e’ solo I’ll roncoglionito ricattabile pupazzo di turno che recita tutto quel che gli viene viene messo in bocca e ordinato dai giudei bankster dell’AIPAC se non lo fa sa di finire in gattabuia e sputtanato in un secondo , I giudei con I Loro media possono tutto

  • atlas
    16 Luglio 2019

    ma che sprofondasse l’america con Trump dentro, ma quelle donne non mi attirano proprio: chi vi ha chiamato ad andare lì. Se siete andate a vivere lì vuol dire che ne condividete i principi capitalisti e materialisti e immorali. Ma non parlate nemmeno dell’Islam, non lo nominate neppure

  • Carmelo
    18 Luglio 2019

    Paragonare Israele alla Somalia è qualcosa fuori dal mondo, Trump è un eroe dei tempi moderni, la storia lo esalterà. Andrei a vivere volentieri in Israele, neanche da morto in Somalia o altro paese musulmano, compresa la “Palestinia” omofobia, corrotta, assassina e dittatoriale. I sinistroidi dovrebbero aprire gli occhi sulla verità dei fatti, non sulle favole. Viva Trump, viva la democrazia, viva Israele

  • atlas
    18 Luglio 2019

    ma perché rispondete a queste nullità

    quando scrivono così è solo per provocare altre risposte scritte da segnalare al fine di fare chiudere il sito

    faranno parte dei servizi deviati, quelli che non esistono, quelli che si arruolano i carmelitani ‘scalzi’ solo perchè non fare rumore

    sono invece le fuoriuscite di aria dagli ani rotti che non si sentono nemmeno …

Inserisci un Commento

*

code