Trump corrotto/ricattato ammette la partnership con Israele sull’omicidio di Soleimani

(quando ci dirà di Khashoggi?)

VT: Questa storia dei media statali russi seppellisce le sue parti più importanti che coinvolgono l’ex presidente degli Stati Uniti in disgrazia, Donald Trump, che probabilmente dovrà presto affrontare la prigione.

Trump, attualmente impegnato in un tour di “odio per gli ebrei” con l’ADL che fornisce la necessaria pubblicità, anche se probabilmente è solo parzialmente ebreo (come molti di noi lo sono), ha avuto un’appartenenza permanente al Kosher Nostra… e questa è certamente un’organizzazione ebraica.

Il primo impeachment di Trump è stato per aver pianificato l’interferenza elettorale con l’Ucraina, la capitale del mondo Kosher Nostra. Nota che la Russia, nonostante le sue alleanze militari con l’Iran, passa ancora molto tempo a leccare il culo a Israele, nonostante Israele bombarda quotidianamente le città siriane.

RT: L’ex capo dell’intelligence delle forze di difesa israeliane (IDF) maggiore generale Tamir Hayman ha ammesso il ruolo del paese nell’assassinio del comandante iraniano Qassem Soleimani, descrivendo l’uccisione come “significativa e importante”.

In un’intervista con l’Israel Intelligence Heritage and Commemoration Center, Hayman, che si è dimesso a ottobre, ha rivelato il coinvolgimento di Israele nell’attacco dei droni statunitensi che ha abbattuto l’ufficiale militare iraniano.

Funerali generale Soleimani

L’uccisione di Soleimani, che ha servito come comandante della Forza Quds nel Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, è stata descritta come uno dei “due omicidi significativi e importanti” da parte dell’ufficiale israeliano. L’altro era Baha Abu al-Ata, un militante islamico ucciso in un attacco missilistico a Gaza.

“L’assassinio di Soleimani è un successo, dal momento che il nostro principale nemico, ai miei occhi, sono gli iraniani” , ha detto Hayman, sottolineando il lavoro del paese per interrompere le attività del suo rivale nella regione.

Soleimani è morto in un attacco di droni il 3 gennaio 2020 a Baghdad, in Iraq, dopo che l’allora presidente Donald Trump aveva ordinato l’assassinio mirato. All’epoca, i media statunitensi hanno riferito che l’intelligence israeliana aveva lavorato con funzionari americani per localizzare il funzionario iraniano.

La rivelazione dell’ex capo dell’intelligence dell’IDF arriva giorni dopo i commenti dell’ex presidente Trump sull’assassinio.

Secondo i rapporti, in un’intervista per un libro in uscita, Trump ha affermato che l’allora primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu era “disposto a combattere l’Iran fino all’ultimo soldato americano”.
L’ex leader americano ha espresso disappunto per il fatto che Israele non abbia svolto un ruolo maggiore nell’assassinio, fornendo solo l’intelligence. Tuttavia, i commenti di Trump sembrano contraddire i funzionari israeliani intervistati per il libro che, secondo quanto riferito, hanno affermato che gli Stati Uniti hanno insistito sul fatto che fossero loro a condurre l’attacco, rifiutando l’assistenza militare da Tel Aviv.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 12:06h, 22 Dicembre Rispondi

    condanna ad Israele al risarcimento di miliardi di dollari per la ” Shoah dei Palestinesi “

    • Giorgio
      Inserito alle 18:44h, 22 Dicembre Rispondi

      Ottima definizione Antonio ……… “Shoah dei Palestinesi” ………..
      ritorciamogli contro la loro shoah …………

  • eusebio
    Inserito alle 19:07h, 22 Dicembre Rispondi

    Qualche giorno fa è venuto a mancare l’ambasciatore iraniano nello Yemen Hassan Irloo, ufficialmente per complicazioni per il covid, ma quando succede qualcosa ad un alto esponente iraniano. soprattutto nello Yemen, si può sospettare qualcosa.
    Negli ultimi giorni l’attività anglosionista è stata frenetica, in occasione delle elezioni presidenziali in Transinistria pare che il 2 dicembre forze speciali NATO abbiano cercato di infiltrarsi nella repubblica senza segni di riconoscimento, nel Donbass personale di compagnie di mercenari USA pare abbiano trasportato bidoni di sostanze tossiche vicino al fronte, un bidone si è rotto ed alcuni soldati ucraini sarebbero rimasti gravemente intossicati.
    I russi temono un attacco alla rete idrica del Donbass che proviene dal territorio controllato dagli ucraini, farebbe anche decine di migliaia di morti, non a caso negli ultimi giorni Putin avrebbe parlato di tentato genocidio.
    Tra l’altro in questi giorni Mariupol, che si rifornisce dalla stessa rete idrica, è passata ad una fonte locale, l’Ucraina è ormai senza gas e carbone ed un disastro ambientale che farebbe scappare centinaia di migliaia di novorussi sarebbe il modo migliore per rimettere le mani sul carbone novorusso.

Inserisci un Commento