Trump cerca un pretesto per invadere il Venezuela allo stile di Panama del 1989 per la sua rielezione?

di Alfredo Jalife Rahme

Dopo le sue vacillazioni epidemiologiche sul COVID-19 negli Stati Uniti – che ha provocato il caos a New York, Florida, California e Illinois – Trump sta cercando un modo di distrarre l’opinione pubblica dai suoi fallimenti, con il piano di invadere il Venezuela mentre si scatena la guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita che ha messo il bancarotta la potente industria petrolifera di scisto nel Texas.
Mark Esper, uomo di punta del Pentagono, ha annunciata la guerra americana alla droga nei Caraibi e nel Pacifico orientale.
La giustificazione di Esper si basa sull’ostruzione “alle varie organizzazioni criminali che cercano di capitalizzare” sulla crisi COVID-19 .
La massiccia operazione del Pentagono, secondo Trump, si coordinerà tra i 22 dei 31 paesi partner del Comando Sur per aumentare la sorveglianza, l’interruzione e la cattura del trasporto di droga. Non ha specificato quali sono i 22 paesi citati.
Va segnalato che il Messico è doppiamente sotto l’egida del Comando Norte degli Stati Uniti e del Comando Sur nella sua parte caraibica: sulla costa orientale della penisola dello Yucatan, dove spicca Cancun, e che comprende le isole di Cozumel e Isla Mujeres.

Funzionari del Pentagono hanno detto che la Marina degli Stati Uniti, la Guardia costiera e l’Aeronautica militare sono già “in guerra con i cartelli della droga in America Latina,” quindi gli Stati Uniti “avrebbero avviato operazioni antidroga potenziate nel Mar dei Caraibi e nel parte orientale dell’Oceano Pacifico.

Il governo del Venezuela ha respinto le minacce e il suo ministro degli Esteri Jorge Arreaza ha sottolineato che gli Stati Uniti devono “agire per proteggere i loro confini trascurati e vulnerabili dalle droghe che provengono dal traffico colombiano” (paese dove gli USA hanno 20 basi militari).
Per il momento, diverse navi della Marina degli Stati Uniti sono state schierate largo delle coste del Venezuela.

La settimana precedente, gli Stati Uniti avevano dichiarato il presidente Maduro come un criminale “narco-terrorista”, assieme ad altre personalità della spina dorsale militare e politica del paese, offrendo una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura del presidente venezuelano, azione che era in contemporanea con l’uscita della Compagnia petrolifera russa Rosneft per tutte le sue operazioni petrolifere in Venezuela.
Maduro si è scagliato contro Trump, che ha chiamò “cowboy razzista”.
A mio giudizio, ci sono due ipotesi.
La prima, quella che un server aveva diffuso l’idea di un baratto geopolitico tra il Venezuela e l’Ucraina, che è stato esposta in modo osceno dall’ex direttrice del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti con una specializzazione in Russia e in Europa, Fiona Hill – una subordinata al mega speculatore George Soros— durante le udienze di impeachment alla Camera dei Rappresentanti.

La seconda ipotesi, riguarda il momento della guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia e il conseguente crollo sull’orlo del fallimento dell’industria petrolifera o del gas di scisto che colpisce in particolare lo stato del Texas – oggi nelle mani del Partito Repubblicano e che conta con 38 voti elettorali. È al secondo posto dopo la California che detiene 55 voti elettorali, così che gli Stati Uniti possano controllare le abbondanti riserve di petrolio del Venezuela, il più alto al mondo quando si aggiungono petrolio convenzionale e non convenzionale o petrolio pesante. Questo dopo aver acquisito riserve di petrolio nella parte messicana del Golfo del Messico che gli è stata data dal duo Peña / Videgaray come parte della resa energetica che il presidente nazionalista López Obrador ha ereditato come contrappeso.

Come corollario delle mie due ipotesi, aggiungerei l’imperativo bisogno di un’invasione che è stata la costante di tutti i presidenti degli Stati Uniti e che Trump potrebbe ora cercare di applicare : o nel nord del Messico o nei Caraibi, in particolare, in Venezuela, come pregano i loro nemici cubani in esilio del Partito repubblicano della Florida i cui 29 voti elettorali (insieme a New York) sono in gioco per le elezioni del primo martedì di novembre.
Già a gennaio, gli Stati Uniti avevano inviato la nave USS Detroit che salpava al largo delle coste del Venezuela per fare pressione su Maduro, come ha detto senza mezzi termini l’ammiraglio Craig Faller, comandante del comando meridionale.

La realtà è che tutte le manovre e le sanzioni economiche statunitensi non sono riuscite a imporre il presidente ad interim spurio Juan Guaidó, che sarà presto gettato sotto un autobus (sarà un incidente?). Così il segretario di Stato ed ex direttore della CIA ,Mike Pompeo ha espresso il suo desiderio di creare la trappola di “un governo di transizione democratica , ” dove non appaiono né Maduro né Guaidó (per salvare le apprarenze).

Si mette in risalto la narco-ipocrisia dell’amministrazione Trump quando il loro fantoccio, Juan Guaidó, si era presentato in pubblico nella sua oscena associazione con Los Rastrojos : il cartello paramilitare della droga colombiano.

Guaido’ fotografato con elementi del gruppo narcos colombiano Los Rastrojos


Non mancano gli osservatori della regione caraibica che ricordano l’operazione Just Cause nel 1989 – all’unisono con la caduta del muro di Berlino e la partenza dell’esercito sovietico dall’Afghanistan – quando gli Stati Uniti hanno invaso Panama per rovesciare e catturare il presidente Manuel Noriega, che aveva è stato il suo osceno partner.

Già da parecchio tempo, il molto influente senatore Lindsey Graham, praticamente uno dei più stretti confidenti di Trump, aveva incitato all’invasione del Venezuela da parte del presidente degli Stati Uniti per effettuare un golpe, simile a quello che il presidente Reagan fece quando invase la piccola isola di Granada nel 1983.

María Zajárova, portavoce del Ministero degli affari esteri russo, ha indicato che gli Stati Uniti stanno approfittando della “difficile situazione epidemiologica in Venezuela” per cercare di rimuovere il legittimo presidente del Venezuela.

Come alibi per l’invasione del Venezuela, ora con il pretesto di combattere il traffico di droga – che curiosamente, gli Stati Uniti hanno coperto dall’asse Los Andes, Colombia e cartelli messicani -, il capo dello stato maggiore delle forze armate statunitensi, il Il generale Mark Milley, ha sostenuto che lo spionaggio statunitense dimostra che i cartelli della droga stanno cercando di trarre vantaggio dalla crisi del coronavirus e di “infiltrarsi in ulteriori farmaci” negli Stati Uniti.


Nota: Il Venezuela però non è la piccola Granada, è un paese molto vasto e cosparso di selve, di montagne e di grandi fiumi (fra cui l’Orinoco) dove una resistenza armata e ben organizzata all’invasione USA potrebbe rivelarsi per gli USA un nuovo Vietnam in salsa caraibica.

http://www.larazon.cl/2020/04/03/por-alfredo-jalife-rahme-trump-se-prepara-para-invadir-venezuela-al-estilo

Fonte: La Razon

Traduzione esintesi: Luciano Lago

5 Commenti

  • MDA
    5 Aprile 2020

    ormai è chiaro a tutti (tranne alla redazione e agli scemi che commentano) che il covid è stato pianificato a tavolino dagli AD delle multinazionali usa MSFT, GOOG, AMZN,EBAY per fottere e impedire rielezione trump
    con il concorso del partito comunista cinese che coi democratic va a nozze.
    PAESI + COLPITI: USA, SPA, ITA, GER, FRA. IRAN, CINA.
    toh

  • Teoclimeno
    5 Aprile 2020

    L’interesse degli USA per il Venezuela è di lunga data, e va messo in relazione al petrolio. Il prezioso liquido per raggiungere gli USA dal Venezuela impiega due giorni. Mentre dal Golfo Persico ce ne vogliono due mesi. Tuttavia, come già anticipato dalla redazione, il Venezuela potrebbe essere un boccone difficile da digerire.

  • kaius
    5 Aprile 2020

    Questo sito si sta riempendo di troll….

    • atlas
      5 Aprile 2020

      da cosa te ne accorgi, vai a fare la spesa all’MDA ? Lì c’è roba scadente

  • eusebio
    5 Aprile 2020

    Trump imponendo le sanzioni al Venezuela per far cadere Maduro, che tra l’altro ha cercato di far ammazzare attaccandolo con un drone durante una manifestazione tipo Soleimani, ha praticamente ammazzato le raffinerie degli stati USA del Golfo del Messico che erano specializzate nel lavorare il petrolio ultrapesante del Venezuela.
    Gli USA con la pandemia sono nei guai fino al collo, sia per le conseguenze sanitarie ed economiche interne, che sarebbero state molto più limitate in caso di presenza negli USA di un sistema sanitario pubblico, sia per il crollo del prezzo del petrolio, che ha messo fuori mercato l’industria dello shale, nonchè per le conseguenze sul dollaro, il quale essendo la valuta più usata per il trading del petrolio se il petrolio a causa del crollo dei consumi causa crisi economica globale perde la sua importanza, i paesi che comprano titoli di stato USA come strumento di accumulo di riserve valutarie in dollari non lo fanno e il debito pubblico USA di oltre 25 trilioni di dollari fa default.
    Sauditi e russi con il loro mancato accordo sul taglio della produzione hanno messo fuori mercato l’industria dello shale USA, i sauditi per prendersi la sua quota di mercato, i russi come vendetta per le sanzioni e il boicottaggio USA verso il North Stream, in combinazione con la vendita progressiva da parte cinese dei titoli di stato USA al ritmo di 20 miliardi di dollari al mese, tanto che a dicembre i cinesi detenevano solo 1,07 trilioni di dollari di bonds USA, obbligando la FED ad immettere continuamente dollari nel settore bancario onde permettergli di sostituire gli acquirenti stranieri.
    Dato che per gli USA è impossibile forzare Cina e Russia a ricominciare a comprare i loro titoli di stato e che l’Iran è blindato dalla Cina, la quale sta facendo arrivare tonnellate di medicinali al giorno a Teheran per combattere la pandemia, le uniche riserve petrolifere rimaste sono quelle venezuelane quindi l’aggressione è scontata.
    Come gli andrà agli americani è un’altra storia.

Inserisci un Commento

*

code