Trump accusa la Cina e chiede risarcimenti per il Coronavirus

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha accusato la Cina di essere colpevole del coronavirus, sostiene adesso di cercare un risarcimento per la malattia da parte di Pechino.
” Non siamo contenti della Cina (…) ci sono molti modi per renderli responsabili (per la pandemia di COVID-19) ” , ha detto il presidente degli Stati Uniti.
Durante un incontro di lunedì alla Casa Bianca, a Trump è stato chiesto di un rapporto tedesco che chiedeva alla Cina di pagare 165 miliardi di dollari al Paese europeo per riparazioni a causa di danni economici causati dal nuovo coronavirus, che causa la malattia. COVID-19.
In questo contesto, l’inquilino della Casa Bianca ha annunciato che il governo degli Stati Uniti sta pensando a un risarcimento dalla Cina “per molto più denaro di quello di cui parla la Germania”, aggiungendo che “non abbiamo ancora determinato l’importo finale”.
Inoltre, il presidente americano, che secondo un rapporto pubblicato questo mese dal quotidiano americano New York Time ( NYT ), sapeva del pericolo che incombeva sul suo paese e sul mondo, ma aveva deciso di non fare nulla per fronteggiare il virus , e da allora, sta affrontando un’ondata di critiche per la sua gestione della pandemia, nonostante questo ha nuovamente accusato la Cina di “danni globali”causati dal virus.
“Non siamo contenti di tutta questa situazione perché crediamo che avrebbe potuto essere fermato alla fonte”, ha detto Trump.

“Gli Stati Uniti cercano di sfuggire alla responsabilità della propria situazione con COVID-19” e lo fanno gettando le colpe su altri.
Le accuse statunitensi Contro l’OMS, dimostrano che gli USA vogliono trasferire ad altri la responsabilità della situazione nel Paese, secondo quanto comunicato dal Ministero degli Esteri russo.

Di fronte alle accuse di Trump, il ministero cinese ha chiamato Washington lunedì per chiarire i dubbi sulla gestione della pandemia , aggiungendo che “la Cina è una vittima della disinformazione, non un iniziatore.
D’altra parte, il presidente degli Stati Uniti ha annunciato il 14 aprile la sospensione degli aiuti dal suo paese all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) accusandolo di “cattiva gestione” di fronte alla nuova pandemia di coronavirus e di essere molto “gentile” con La Cina, un fatto respinto da vari paesi e organizzazioni.
Secondo gli ultimi dati ufficiali forniti dal portale Worldometer , gli Stati Uniti, con oltre un milione di casi diagnosticati e quasi 57.000 morti, sono già diventati l’epicentro della malattia mortale.

Laboratorio Bio-militare USA


Nota: La cattiva gestione della crisi ha prodotto fortissime critiche all’Amministrazione Trump e questo spiega il tentativo del presidente di gettare la colpa sulla Cina, cercando di distogliere la sua opinione pubblica dalle sue responsabilità. Inoltre l’Amministrazione di Washington ha evitato di rispondere alle richieste di chiarimenti fatte dalla cancelleria russa sulle attività dei laboratori biologici-militari che gli USA hanno realizzato in vari paesi fra cui quelli in Georgia e in Ucraina. La Russia sospetta che il Pentagono stia attuando un programma di guerra biologica utilizzando agenti patogeni portatori di malattie infettive che vengono creati e analizzati all’interno di tali laboratori coperti da segreto militare.
I media occidentali accompagnano le accuse di Trump contro la Cina ma nascondono le notizie circa le attività dei laboratori bio-militari USA presenti in vari paesi.

Fonte: Hispan Tv Traduzione e nota : Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus