Tre conflitti, due schieramenti?

di Markku Siira

A prima vista, la guerra in Ucraina, il massacro di Gaza e i problemi legati a Taiwan possono sembrare questioni regionali separate e non correlate.

Eppure, a un livello più profondo, questi tre punti caldi “ rappresentano gli ultimi sussulti del vecchio ordine mondiale in decadenza e l’avvento del nuovo mondo ”, afferma Ebrahim Hashem, un arabo degli Emirati.

“ Queste tre porte si aprono davanti ai nostri occhi mentre le fondamenta artificiali che le hanno sostenute finora crollano a causa di profondi spostamenti tettonici. Questi cambiamenti sono fondamentali e strutturali; nessuna propaganda o azione superficiale può prevenirli ”, afferma il signor Hashem.

L’escalation dei problemi in questi tre ambiti è il risultato di un “conflitto di punti di vista tra i due campi del nuovo ordine mondiale”: non esiste un “consenso globale” sulla “ (ri)distribuzione del potere ”, secondo Signor Hashem.

Il primo campo – che comprende principalmente l’“ Occidente collettivo” e i suoi Stati vassalli – “rappresenta una minoranza globale che sta perdendo visibilmente e strutturalmente il suo potere relativo, ma che, illogicamente e con arroganza, vuole ancora imporre il suo potere esclusivo sul resto del mondo. il mondo ”.

L’altro campo rappresenta “ una maggioranza globale che sta riconquistando iniziativa e potere relativo e giustamente chiedendo uguaglianza e giustizia nella governance globale ”.

Considerando i tre conflitti in corso e i loro diversi attori, il pensatore emiratino ritiene che “è facile vedere quale parte è barbara, irrealistica, fuorviante, insicura e che perde slancio, e quale parte è civilizzata, realistica, razionale, sicura di sé e sempre più forte.

L’ordine mondiale sta inevitabilmente cambiando. Quando i contorni del nuovo ordine saranno definiti e istituzionalizzati, il mondo non avrà più nulla a che fare con ciò che abbiamo visto per più di un secolo ”, afferma Hashem, facendo chiaramente eco alle conclusioni del leader cinese Xi Jinping.

Ai sionisti è ancora consentito continuare il genocidio dei palestinesi perché il loro sostegno politico, economico e militare a Washington, Londra e Bruxelles lo consente. Cosa resta da fare affinché questa tragedia, che dura da più di settant’anni, finisca?

Anche la guerra di logoramento in Ucraina continua, il denaro scorre e la NATO occidentale sta cercando di indebolire la Russia a scapito delle vite ucraine. Non si parla di colloqui di pace, ma l’Occidente sta già minacciando di inviare le proprie truppe; allo stesso modo, i sottomarini nucleari russi sono in movimento e la guerra dell’informazione si sta intensificando da entrambe le parti.

La Cina ha esortato gli Stati Uniti a seguire la politica concordata di “una sola Cina”, ma gli americani, cercando un’escalation, non ascolteranno questo consiglio. Taiwan è armata e una delegazione americana è appena tornata a Taipei per farsi vedere da Pechino. Lo scoppio dei combattimenti nello Stretto di Taiwan è probabilmente solo questione di tempo.

Sfortunatamente, sembra che il “nuovo ordine” non sarà raggiunto senza spargimenti di sangue e sacrifici umani, e quindi possiamo solo aspettarci ulteriori guerre e altre circostanze eccezionali per adattare il mondo e ridurre la popolazione umana in conformità con i principi dello “sviluppo sostenibile”. ”. Gli anni ’30 si avvicinano, come sarà il mondo?

Fonte: Markku Siira Tramite Eurosynergies

Traduzione: Luciano Lago

10 commenti su “Tre conflitti, due schieramenti?

  1. Ma, prendendo analogie dalla Storia, si verifica l’equazione di Lucio Anneo Seneca: “La crescita è lenta, ma la rovina è rapida”. Gli americani hanno impiegato troppo tempo nella crescita – è stata rallentata dai nemici e dalle incapacità militari e politiche degli stessi americani – . Ed ora sono in piena crisi generale, in declino dal 1944 (anno in cui il futuro “primo imperatore del Mondo”, il presidente americano Roosevelt, si accorse di essere stato preso in giro da Stalin) e la caduta …………………………… Gli ultimi giorni delle forze del male fessacchiotte …………………… Mi viene da ridere.

    1. Ciao ARMIN, grande la tua citazione di Seneca ! Ne aggiungo una di Socrate: una leggenda dice che Socrate abbia pronunciato la frase sarcastica “tanto tuonò che piovve” per il fatto che sua moglie Santippe gli avesse rovesciato addosso dalla finestra una secchiata di acqua fredda, appunto dopo un furioso litigio ! Ed è quello che sta per succedere, anzi sta già accadendo ! Miti, leggende, citazioni dalla cultura greco – romana, proverbi e antiche tradizioni popolari, di cui sono un estimatore, come si sarà capito, sono di grande insegnamento per capire che direzione prende la storia, molto più degli esperti di geopolitica e dei ministri degli esteri occidentali che scaldano le sedie di ministeri e dipartimenti di stato, lautamente stipendiati con i nostri soldi ! E’ evidente che i vari Blinken, Stoltenberg, Borrel, Baerbock, Sunak, Tajani e compagnia, non sanno manco chi sono Seneca e Socrate ! Del resto l’ideologia liberista e mercantile fa a pugni con la cultura classica, e infatti tenta in tutti i modi di limitarla e sopprimerla, considerandola inutile, per sostituirla con il culto del denaro !
      Saluti

      1. GIORGIO ciao ! Mi fa molto piacere il tuo commento e ti ringrazio. Socrate era un libero pensatore, e si è beccato la secchiata ! Non sapevo di questo episodio, so che egli era uno che insegnava a superare sé stessi con la conoscenza, disse “C’è un solo bene: la conoscenza, e c’è un solo un male: l’Ignoranza”. E’ vero, gli Antichi erano molto più saggi ed equilibrati degli odierni Europei occidentali, che si sono ridotti a nevrotici parossistici senza grandi valori, senza saper vivere bene, grazie alla “cultura” dei padroni mercanti da 4 soldi.
        Penso che neanche i ricchi in occidente siano tanto felici e ricchi veramente come gli Antichi ! Perché questo Sistema fa credere a tutti molte illusioni ………. e anche i ricchi occidentali sono pieni di illusioni. Ho parlato di Michael Rockefeller che cercava la Luna in un pozzo. Nerone, uno degli imperatori Populisti, (non era pazzo, era molto erudito e profondo) aveva dei lussi che, secondo esperti, i ricchi di oggi se li sognano. Mi risulta che aveva una sala da pranzo grande che idraulicamente ruotava lentamente, uno mangiava e cambiava il panorama. Gli Antichi erano umani, non contaminati da idiozie dei mercanti inferiori illusi.

  2. Gli schieramenti sono tre in realtà. Uno, quello americano sionista, armatissimo e potente almeno sulla carta. Anche se di sicuro tutt’ altro che imbattibile. Due, quello Russo Cinese, a mio avviso imbattibile al momento, ma anche in futuro e maggiormente. Poi c’ è il terzo ed il più sfigato, quello dei lacchè Nato. Un accozzaglia di ex colonialisti e colonie, di fatto un nulla cosmico o quasi senza americani a sostegno.

  3. Gli adunki non vogliono cedere. Governano indisturbati da secoli, prima l’Europa, e successivamente gli U.S.A. . Sono loro la causa di tutto il male mondiale. Stanno programmando l’armageddon, forzato a tutti costi, per la venuta del loro messia. Vogliono difendere, al contempo, i loro interessi mafioso lobbistici usurai del signoraggio bancario. Sono una infame e pervasiva mafia globale massonica e criminale incistata nel vecchio continente, e in America, da tempo immemore. Comandano loro tutto l’Occidente e non solo: a livello economico, bancario, informativo, militare, psicologico, esoterico e occulto. Qualcuno… però si è veramente stancato di tutto questo e vuole un mondo differente e multi polare. Gli adunki non cederanno, costi quel che costi, anche, e soprattutto, per i loro radicati e folli motivi escatologici. Prepariamoci dunque a tempi orrendi, come coloro che li stanno causando.

    1. Ciao, Massimo. Che gli ebrei fasulli dominano l’Esoterismo non è affatto vero. Sono intelligenti al livello degli anglosassoni, più o meno. Poco spirituali e molto materialisti. I massoni e c. sono occultisti …………………… Parlavo con un mio conoscente anni fa – che era amico di uno dei massimi gradi della massoneria (30esimo grado o più) – e gli ho raccontato che i cosiddetti ebrei non sono gli Ebrei, i Giudei dei tempi dei Romani. I quali sono scomparsi. Questi che si chi autoproclamano ebrei sono di razza affine ai turchi, sono di una etnia dell’Asia Centrale. Il massone di alto grado non lo sapeva.

      1. Ciao Armin, Ashkenaziti e Khazari, di semitico hanno pressoché nulla, lo so bene. Che sian dei furbi calcolatori è risaputo, ma Il rabbino Avraham Yitzhak Kook, fondatore del moderno Gran Rabbinato d’Israele negli anni Venti, affermò che la restaurazione dello Stato ebraico aveva lo scopo di “tikkun olam”, ovvero la guarigione del mondo.
        Rebbe Kook interpretò la Cabala esoterica in questo modo: l’essenza dell’ebraismo è il dialogo tra l’uomo e Dio che scaturisce dal monoteismo ebraico. Questo dialogo si svolge su due livelli: il livello dell’individuo e quello della nazione. L’ebraismo ha sviluppato l’idea del dialogo tra Dio e il popolo prima della distruzione del Secondo Tempio. Il cristianesimo e l’islam hanno sviluppato l’idea del dialogo tra l’uomo e Dio. Le scintille della luce ebraica – il monoteismo – erano sparse nell’umanità e gli ebrei erano sparsi in tutto il mondo.
        La creazione dello Stato di Israele è la raccolta di queste scintille e la restaurazione, la guarigione del mondo – “tikkun olam” – prima a livello di ripristino del pieno dialogo del popolo di Israele con Dio, con lo Stato e con il Tempio, e poi a livello di raccolta delle altre nazioni intorno a Israele. Un uovo ordine mondiale con Israele a capo del mondo.
        Dopodiché, secondo la logica della dottrina ebraica, dovrebbe arrivare la fine dei tempi del mondo.
        Le branche più radicali del sionismo religioso sono oggi le organizzazioni che sostengono la restaurazione del Tempio di Gerusalemme, distrutto dai Romani 2000 anni fa. Esse ritengono che il Tempio sia necessario per un dialogo completo tra Israele e Dio.
        La Cupola della Roccia e le moschee di Al-Aqsa, venerate dai musulmani, sorgono oggi su questo sito. Devono quindi essere demolite. E per cominciare, per ripulire il luogo dalla sporcizia.
        A questo scopo è necessario sacrificare “una giovenca rossa senza difetti, che non avesse difetti, [e] sulla quale non ci fosse un giogo” (Libro dei Numeri 1-10). Le giovenche sono già state allevate con l’aiuto di protestanti radicali americani del Nebraska e del Texas. Essi credono che porteranno alla fine del mondo,quando musulmani, ebrei e russi, combatteranno in Terra Santa e gli americani evangelisti sionisti saliranno in cielo per il rapimento divino. Un caro saluto.

        1. Massimo, ciao. Tu mi confermi che questi copioni di sedicenti ebrei si conformano con vecchi libri spacciati per esoterici o divini. Ed invece non sono assolutamente né esoterici né divini. Sono un’accozzaglia di storielle con grandi pretese, ma non hanno come gli originali Giudei, le capacità di dominare neanche questi ebrei fasulli. Chi domina Gerusalemme NON domina il Mondo. E la “terra promessa” è una presa in giro, una confutazione palese ! Essa è una terra povera. Posso concludere che gli Ebrei della Torah e i Neturei Karta -acerrimi nemici dell’Israele – sono quelli che ragionano meglio. Infatti per loro l’Israele è un ABOMINIO ! L’Israele è stato fatto dagli uomini, il vero Israele secondo loro deve essere fatto da Dio ! Quindi i due gruppi sono con i Palestinesi e ostili con l’Israele.

    2. Ciao Massimo, concordo con la tua visione. Anche se spero che ti sbagli sull’ Armageddon, meno che a tutti interessa a chi fa’ banca passami il termine. Saranno comunque tempi orrendo in cui come minimo, assisteremo al collasso del sistema neocon capitalistico sionista. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM