Tratto dalla nostra intervista alla radio Pars Today

WASHINGTON-“Partecipando al progetto “Via della Seta”, l’Italia diventerebbe il primo paese insieme alla Grecia del G7 a far parte del “Belt and Road”…

Quindi cooperando con la Cina, l’Italia può migliorare le vie di trasporto marittime e terrestre e motivare questo collegamento fra l’Europa e l’Asia. E questo è molto importante perchè tutto lo sviluppo del futuro sarà sull’Asia e così i prodotti italiani avranno più accesso al mercato cinese. E darà una forza a tutta l’economia italiana che si trova in fase di stagnazione.

http://parstoday.com/it/news/italia-i183959-luciano_lago_belt_and_road_ha_molti_benefici_per_italia_ma_%C3%A8_fumo_negli_occhi_usa(audio)?fbclid=IwAR2yl2FfwLxOjQoPko0qLAbBALC_jCz3fdhuyDT7SjTglfbiqOfNbNlvy1Q

Però l’Italia si viene a trovare in mezzo di una contesa tra Washington e Pechino. E quindi la partecipazione dei paesi europei tra cui anche l’Italia a questo progetto è come il fumo negli Occhi per gli Usa…”, queste le parole di Luciano Lago, il giornalista freelance e l’analista di geopolitica  italiano a Parstoday sulla partecipazione dell’Italia al progetto della “Nuova via della seta”………

Fonte: Pars Today.com

Inserisci un Commento

*

code