Trasferimenti militari russi in Siria proseguono


Un pesante aereo da carico militare, llyushin “76” dell’Aeronautica Russa, è arrivato lunedì alla base aerea russa Hmeimim, a nord-ovest della Siria, attraverso lo spazio aereo turco.

Secondo siti occidentali per monitorare il movimento di aerei militari, l’aereo è partito da un aeroporto militare russo nella Repubblica Russa dell’Ossezia del Nord e ha effettuato il suo volo per la Siria, per tornare lo stesso giorno in Russia.

Prima di questo, è stato riferito che due aerei militari russi “Tu-154B-2” hanno attraversato lo spazio aereo turco domenica, senza alcun ostacolo fino alla base di Hmeimim.

Lunedì il Bosforo è stato attraversato dalla grande nave da sbarco russa “Novocherkassk”, diretta verso la costa siriana.

Il 28 febbraio, due fregate missilistiche “Kalibr” alati, le due “Ammiraglio Makarov” e “Ammiraglio Grigorovich”, hanno attraversato lo stretto del Bosforo e i Dardanelli sulla rotta per la Siria.

I missili Kalibr attraversano lo stretto turco verso la costa siriana

Due fregate russe armate di missili calibro attraversano lo stretto turco sulla strada per la costa siriana.
Il rappresentante della flotta russa del Mar Nero, Alexei Rullev, ha annunciato che due fregate russe che trasportano missili Kalibr ultra-precisi si dirigono verso il Mar Mediterraneo al largo della costa siriana.

Fregata lanciamissili russa

Rullev ha detto: “Le due fregate della flotta del Mar Nero, l’ammiraglio Makarov e l’ammiraglio Grigorovich, equipaggiate con missili da crociera Kalibr di alta precisione, hanno attraversato lo stretto del Bosforo turco e dei Dardanelli in rotta verso il Mediterraneo”.

Il portavoce ha spiegato che queste due fregate saranno di stanza nel Mar Mediterraneo, per far parte delle forze del gruppo navale russo in funzione nell’area.

Ha detto che durante le loro operazioni dal Mar Nero al Mediterraneo, queste due fregate hanno condotto una serie di esercizi di combattimento navale e manovre nelle procedure di addestramento della flotta nel Mar Nero.

Ha sottolineato che la terza fregata di questo modello, “Admiral Essen” della flotta del Mar Nero, svolge missioni nel Mediterraneo da dicembre 2019.

La fregata “Ammiraglio Makarov” e “Ammiraglio Grigorovich” avevano precedentemente partecipato all’operazione russa contro terroristi e gruppi armati al largo della costa siriana.

Il raduno delle navi russe si sta rafforzando nel Mediterraneo, sullo sfondo di un netto peggioramento della situazione nella zona di de-escalation siriana a Idlib.

Fonte: “Interfax”

12 Commenti
  • Cagliostro
    Inserito alle 23:02h, 03 Marzo Rispondi

    A questo punto, viste le poco notizie che possiamo avere, non riesco a formulare alcun giudizio,
    Ad eccezione di constatare che la flotta russa nel mediterraneo può contrastare la flotta americana, visto la sua presunta superiorità missilistica

  • Fabio Franceschini
    Inserito alle 23:41h, 03 Marzo Rispondi

    Scusa Cagliostro hai un idea di quanti missili porta un arley Burke ? Se poi mi dici che vista la ridotta estensione della costa siriana con la coperyura aerea terrestre e qualche batteria di oniks a terra e soprattutto con un paio di kilo migliorati possono essere un deterrente sufficiente a impedire colpi di testa sia ai turchi che complessivamente alla nato sono d’accordo . Ma se pensi che tre fregate russe anche se moderne e con una buona potenza di fuoco possano equiparare un gruppo da battaglia usa sei un po’ troppo ottimista

    • gianni
      Inserito alle 01:06h, 04 Marzo Rispondi

      non sarebbe la prima volta che la Russia fermi l’america davanti la costa siriana

    • Tiresia Branding
      Inserito alle 11:07h, 04 Marzo Rispondi

      non è che per (eventualmente) colpire le navi americane in prossimità della Siria i russi avrebbero bisogno di loro navi in loco a fronteggiarle (giusto per i sottomarini casomai); possono farlo comodamente da casa loro scegliendo tra una pletora di missili a media o lunga distanza 😉

  • atlas
    Inserito alle 23:57h, 03 Marzo Rispondi

    lettera aperta al sig. egregio giudeo Fabio Franceschini: quì siamo tifosi. Vada in un’altra curva a lanciare i suoi petardi

    • Monk
      Inserito alle 12:09h, 04 Marzo Rispondi

      Critichi max e poi lo emuli alla perfezione? Dove saresti costruttivo? La redazione non dovrebbe eliminare commenti come i tuoi? Bah! Bella roba la tifoseria, il cancro delle masse

      • atlas
        Inserito alle 14:59h, 04 Marzo Rispondi

        guarda, scrivi pure che mia mamma è una puttana, ma non mettermi sullo stesso piano di max Carlo, è un livello molto basso anche per i vermi

  • Niko
    Inserito alle 06:41h, 04 Marzo Rispondi

    Infatti….E’ un solo mostrare i muscoli e le vere intenzioni, a prescindere della potenza di fuoco, ma solamente a dimostrare che si ha intenzione serie….Sicuramente non accadra niente, come spero,

  • carlo
    Inserito alle 08:52h, 04 Marzo Rispondi

    CARO ATLAS OVVERO EMANUELE REHO, HAI ROTTO I COSIDDETTI.FALLA FINITA E COMPORTATI CIVILMENTE

    • atlas
      Inserito alle 15:02h, 04 Marzo Rispondi

      a chi ? A chi li ha. Di me si sa dove sono e chi sono, puoi venire a trovarmi quando vuoi

      ma i tuoi problemi sono altri

  • VUK
    Inserito alle 10:24h, 04 Marzo Rispondi

    Nessuno ha però notato che le unità russe sono passate tranquillamente nello spazio aereo e marittimo turco. Meditate.

  • atlas
    Inserito alle 15:59h, 04 Marzo Rispondi

    io sto con la Siria Sociale e Nazionale del Presidente Assad, la Russia del Presidente Putin, l’Egitto del Presidente Al Sisi e in parte con l’Iran e quei Nazionalisti Palestinesi; contro i giudei salafiti, wahhabiti, ameri cani, massoni, democratici, zingari e omosessuali

    chi la pensa al contrario lo disprezzo e lo combatto, quì a parole. Se mi cerca per aggredirmi mi trova: mi difenderò con le possibilità che mi darà Il Dio, ma non volterò le spalle (non l’ho mai fatto in vita mia)

Inserisci un Commento