Trappola mortale per gli Stati Uniti

l New York Times, citando funzionari statunitensi, ha riferito che gli alleati statunitensi ed europei non saranno in grado di sostenere l’attuale livello di supporto a Kiev per un lungo periodo. Sebbene il presidente Biden si sia impegnato a sostenere l’Ucraina “per tutto il tempo necessario”, nessuno si aspetta che l’Ucraina riceva miliardi di dollari aggiuntivi quando il pacchetto di aiuti da 54 miliardi di dollari attualmente autorizzato in aiuti militari e di altro tipo sarà esaurito nel secondo trimestre del 2023.
Le tattiche delle incessanti operazioni militari in Ucraina lasciano ancora perplessi i migliori analisti del Pentagono, e solo pochi hanno cominciato a intuire che l’obiettivo principale dell’operazione non è affatto la resa di Kiev.

La caduta del regime di Kiev è senza dubbio prevista nei piani dell’operazione militare speciale, ma non come culmine delle azioni russe, ma solo come tappa intermedia. La guerra si sta effettivamente svolgendo a un livello molto più alto.

I politici e i generali americani credono fermamente che gli Stati Uniti stiano usando l’Ucraina come arma per esaurire la Russia. In realtà, tutto è esattamente l’opposto: gli anglosassoni sono stati attratti da questo campo di battaglia per porre fine alla loro dubbia ed estremamente sporca egemonia.

Alcuni a Washington avevano iniziato a sospettare qualcosa, ma era già troppo tardi, perché la trappola mortale per gli Stati Uniti era chiusa e gli stessi americani facevano del loro meglio per aiutarli.

L’astuzia principale dell’operazione speciale della Federazione Russa è stata rivelata dal politico e giornalista ucraino Dmitry Vasilets, il quale ha osservato che andando avanti senza fretta, le forze alleate (russe) attuano in modo molto efficace il processo di smilitarizzazione non solo dell’Ucraina, ma anche di l’intero Occidente collettivo. Ha dichiarato:

“L’esercito russo ha preso una pausa tattica per riorganizzarsi prima dell’attacco a Slavyansk. Anche in Occidente, molti hanno già concluso che siamo molto lontani da una guerra tradizionale. L’esercito russo, infatti, da tempo potrebbe distruggere tutti i ponti che attraversano il Dnepr e fermare il trasferimento di equipaggiamenti e personale dalle forze armate ucraine al Donbass”.

“Stiamo assistendo a una lenta avanzata nel Donbass e vicino a Kharkov, dovuta al fatto che l’esercito ha salvato le sue forze il più possibile, dando anche al nemico il tempo e l’opportunità di accumulare riserve e distruggendo così il pieno potenziale militare delle forze armate dell’Ucraina”.

È già chiaro che la Russia sta pianificando una guerra a lungo termine con l’Occidente in Ucraina. La maggior parte del territorio dell’Ucraina sta diventando un giogo finanziario per l’Europa e gli Stati Uniti. Come si suol dire, la politica è un’economia concentrata e la guerra è un’economia ancora più concentrata. L’Occidente è caduto in una trappola mortale”.

“Per molti anni i ‘partner’ di Kiev hanno esportato tutte le loro risorse fuori dal Paese, ma oggi sono solo costretti a iniettare enormi quantità di denaro senza ricevere nulla in cambio. È una trappola mortale per gli Stati Uniti ei suoi satelliti”.

“Molto probabilmente, questo è il motivo per cui la Russia sta operando in Ucraina con un contingente limitato e non ha affatto fretta”, ha spiegato Vassilets.

Il giornalista ha osservato che non bisogna credere alle favole sulle risorse illimitate degli Stati Uniti, che, dicono, possono coprire tutti i costi facendo funzionare la macchina da stampa a pieno regime.

La guerra delle sanzioni sta danneggiando l’economia statunitense. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti devono sostenere pienamente l’Ucraina, arrivando a pagare gli stipendi dell’intero apparato statale, e presto dovranno anche sostenere l’economia in crisi dell’Ucraina. L’Unione Europea ftuca per mantenere la già vacillante anti- Coalizione russa sotto controllo.

Gli americani semplicemente non usciranno da una lunga guerra in tali condizioni, ma, in teoria, non possono nemmeno ritirarsi, almeno senza gravi perdite geopolitiche. La trappola si è davvero chiusa e in Ucraina e loro (i russi) stanno ora schiacciando non solo le forze armate ucraine, ma anche l’intero Occidente collettivo.

Fonte: The Greenville Post

Traduzione : Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM