“Transizione” e costanza delle campagne belliche di Washington

Editoriale

Si parla molto di “transizione” a una nuova amministrazione statunitense ora che il 20 gennaio è prevista l’inaugurazione del candidato alla presidenza democratica, Joe Biden. Ci sono le solite speculazioni dei media su chi nominerà il presidente eletto nel suo gabinetto.

Un potenziale team di Biden sta reclamizzando i politici che hanno ricoperto posizioni di rilievo nelle precedenti amministrazioni Obama quando Biden era anche l’allora vice presidente. Questi nomi includono Susan Rice, che era consigliere per la sicurezza nazionale, Michelle Flournoy che era un alto funzionario al Pentagono, e l’ex politico del Dipartimento di Stato Anthony Blinken. Tutte queste persone furono associate al lancio di guerre disastrose in Medio Oriente e Nord Africa, come lo stesso Biden.

Prima di diventare vicepresidente nelle due amministrazioni Obama (2008-2016), Biden ha trascorso 47 anni come legislatore al Congresso dove ha ricoperto posizioni chiave a sostegno delle guerre americane in Afghanistan e Iraq.

Non vi è alcun segno che nella sua vita più vecchia (Biden questa settimana ha compiuto 78 anni, il più anziano presidente eletto degli Stati Uniti di sempre) possa aver ammorbidito la sua posizione di politica estera. Ha rapidamente abbandonato ogni suggerimento di nominare membri più progressisti del Partito Democratico nel suo futuro gabinetto. Biden sottolinea “l’unità nazionale” e lavora con il partito repubblicano. Ciò significa che la sua amministrazione assumerà una posizione convenzionale di destra sulle relazioni internazionali.

In effetti, negli ultimi decenni il partito democratico è diventato il partito d’elezione dell’establishment della politica estera statunitense, dell’apparato di intelligence, del Pentagono e di Wall Street. Insomma, la classe dirigente, o “deep state”. Biden con i suoi discorsi rassicuranti sul riavvicinamento con gli “alleati” e la NATO è quindi una figura presidenziale molto preferita rispetto al maverick Donald Trump il cui stile sfacciato e irregolare è servito solo a frustrare le ambizioni egemoniche di Washington.

Truppe USA in Afghanistan

Quando Biden dice che “l’America è tornata”, ciò che in realtà intende dire è “tornata al normale”, che fa presagire un ritorno al militarismo e all’interventismo statunitensi senza ostacoli negli affari esteri.
È degno di nota il fatto che la candidatura di Biden alla presidenza abbia ricevuto un pieno sostegno da ex figure repubblicane della Casa Bianca, capi del Pentagono e neoconservatori e liberali imperialisti allo stesso modo. Queste conferme sono un presagio di cosa aspettarsi da un’amministrazione Biden.

Durante i dibattiti presidenziali, Biden ha cercato di apparire più aggressivo di Trump per quanto riguarda Russia e Cina. Il democratico ha lanciato accuse ridicole sulla presunta interferenza russa nelle elezioni e ha detto che avrebbe tenuto conto del presidente Vladimir Putin. Biden si è anche degradato definendo il presidente Xi Jinping un “delinquente”.
Non molto tempo fa, quando Biden era vicepresidente e faceva affari con la Cina, ci sono immagini di lui che brinda a Xi con il bicchiere in mano. Quindi le opinioni di Biden sono utili e malleabili a seconda delle necessità del giorno. Questa qualità di cinismo senza scrupoli dovrebbe servire da avvertimento che questo nuovo presidente non agirà per principio o nell’interesse della pace.

Sotto Biden, le relazioni internazionali non saranno meno tese che sotto l’amministrazione Trump, o addirittura qualsiasi altra amministrazione passata. Allora cosa significa parlare di “transizione” quando la nave di stato americana – come sempre – rimane su una condotta estera aggressiva?
Ogni amministrazione statunitense dalla seconda guerra mondiale è stata in guerra o in qualche altra campagna di aggressione. Trump non era diverso, e nemmeno Biden.

Truppe USA in Iraq

Joe Biden ha accennato che si impegnerà con la Russia nei colloqui sul controllo degli armamenti. Giusto. Ha anche accennato che restituirà gli Stati Uniti all’accordo nucleare internazionale con l’Iran. Di nuovo, abbastanza giusto. Tutto quello che resta è però da vedere.

Nel frattempo, Washington continua a perseguire una politica di blocco del commercio energetico russo con l’Europa, nonché di aumentare le tensioni esplosive con la Cina sul Mar Cinese Meridionale, Taiwan, Hong Kong e altre controversie. Biden e il suo futuro vicepresidente Kamala Harris sono ardenti sostenitori di Israele e senza dubbio soddisferanno gli ordini di Israele di continuare ad adottare una politica spericolata e ostile nei confronti dell’Iran.

Che sia Donald Trump alla Casa Bianca o Joe Biden, sia un repubblicano che un democratico come presidente, la cinica realtà è che la politica estera americana rimane costantemente aggressiva e militarista. Questa è la realtà del potere degli Stati Uniti nel mondo e l’imperativo è quello di servire il capitalismo aziendale ei suoi diktat. Ciò che cambia sempre e solo è la retorica e lo stile personale. La presidenza americana è davvero uno spettacolo di marionette per nascondere la macchina da guerra.

Forse in futuro, se gli Stati Uniti cominceranno a rompere la loro struttura di potere oligarchica e corporativa attraverso una vera rivolta democratica, allora potremmo essere in grado di parlare in modo significativo di “transizione”. Fino ad allora, il mondo può solo prepararsi a qualche cosa di più della stessa cattiva condotta degli stati canaglia americani e alla sua nauseabonda patina di virtuoso “eccezionalismo”.

Guarda anche

Gli Stati Uniti hanno bombardato Iraq, Siria, Pakistan, Afghanistan, Libia, Yemen, Somalia nel 2016: nel 2016 gli Stati Uniti hanno sganciato una media di 72 bombe al giorno – l’equivalente di tre all’ora –
Fonti : Information Clearing House ” – ” Strategic Culture Foundation “

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • giulio
    21 Novembre 2020

    Qui almeno non si alzano inni nè a Biden nè a Trump! e’ già qualcosa!

  • eusebio
    22 Novembre 2020

    Gli USA hanno speso per le guerre in medio oriente, in cui sono morti milioni di musulmani onde fare spazio ai sionisti, i quali restano comunque quattro gatti in diminuzione, e muovere altre centinaia di migliaia di profughi contro l’Europa onde farla aggredire per punirla della presunta shoah (e invece a rimetterci sono spesso i pochi ebrei rimasti, tipo una vecchia ebrea francese di 85 anni ammazzata durante una rapina nel 2018), almeno 5 trilioni di dollari, oltre due volte il PIL italiano, se consideriamo che il debito pubblico USA è di 27 trilioni di dollari, mentre il PIL è di 19, hanno un debito su PIL di circa il 140%, sostenibile solo perchè stampano un paio di trilioni di dollari a trimestre per finanziare l’enorme deficit federale e l’acquisto da parte delle banche e società finanziarie dei titoli di stato USA, sia quelli di nuova emissione che quelli svenduti dai partner esteri sul mercato secondario, tipo Cina che ne cede un paio di centinaia di miliardi di dollari a trimestre, per non rimetterci.
    La situazione degli USA somiglia a quella della Gran Bretagna degli anni 50-60,hanno una moneta leader a livello globale ma non più sostenuta dall’egemonia industriale, con un’enorme deficit commerciale, pertanto soggetta a breve a colossale svalutazione.
    Per il Regno Unito ci fu una svalutazione di due terzi della sterlina tra la metà degli anni sessanta e quella degli anni ottanta, per gli USA appena smettono di stampare dollari, sono arrivati ad otto trilioni in nemmeno un anno, ci potrebbe essere una svalutazione di almeno un terzo.
    Forse fanno tutta questa manfrina su chi ha vinto le presidenziali per avere il pretesto di continuare a stampare dollari, comunque appena si saprà chi ha vinto (quasi certamente Trump mentre i Biden e i Clinton finiranno in carcere) finirà la stampa e partirà la svalutazione.

    • atlas
      22 Novembre 2020

      intanto Obama ha appena detto che se Trump rifiutasse potrebbe essere cacciato dalla casa bianca dalle forze speciali…

Inserisci un Commento

*

code