Tra l’incudine e il martello

di James Howard Kunstler

” …il presidente ha fatto del sostegno americano all’Ucraina il fulcro della sua causa per un’alleanza rivitalizzata in Europa, e aveva detto ai suoi consiglieri che voleva celebrare il primo anniversario dell’invasione come un modo per rassicurare gli alleati che la sua amministrazione rimane impegnata… ” (The New York Times, 20 febbraio 2023)

L’agente segreto “Joe Biden” si è presentato a Kiev lunedì mattina dopo essere atterrato in Polonia e aver attraversato il confine ucraino in treno per evitare il pericoloso cerimoniale dell’atterraggio dell’Air Force One in una zona di guerra. Si potrebbe indovinare il messaggio che Victoria Nuland ha incaricato di consegnare al suo fattorino. Penso che “JB” fosse lì per dire a Volodymyr Zelensky che gli Stati Uniti sono al cento per cento dietro di lui – un’ovvia bugia – perché è l’esatto opposto della realtà incombente: a meno che non si inneschi l’energia nucleare di Armageddon, non c’è davvero nulla che gli Stati Uniti possano fare per impedire alla Russia di concludere il nostro mal concepito progetto alle sue condizioni. Chi meglio del maestro “Scranton Joe”, che una volta combatté e sconfisse il tiranno Corn-Pop,

Ricordate, la scorsa settimana il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, stringendo le natiche, ha annunciato che la Russia aveva perso “strategicamente, operativamente e tatticamente” in Ucraina. E questo, dopo che il capo della NATO, Jens Stoltenberg, ha annunciato piuttosto goffamente che l’esercito ucraino stava finendo le munizioni, in particolare i proiettili di artiglieria, e che l’unico rimedio a questa situazione era che l’Europa stesse ricostruendo un’industria di armi – che era un modo indiretto per dire… siamo fregati.

Si potrebbe anche presumere che dietro tutta questa dissonanza cognitiva, gli Stati Uniti sarebbero impegnati in colloqui segreti con la Russia per trovare una via d’uscita salvavita da questo pasticcio. Ma davvero, qual è la nostra leva per questo? Possiamo minacciare di inviare stivali americani in Ucraina? Sarebbe un po’ come canalizzare il generale George Armstrong Custer, non credi? A quanto pare, tutto ciò che ci resta da fare è fingere, usando il corteggiatore principale come copertura.

Oserei anche dire che gli elettori americani non sono così entusiasti di questo spettacolo ucraino come sembravano esserlo l’estate scorsa, quando le bandiere gialle e blu sono spuntate sui portici di tutte le vongole, da Edgartown a Bar Harbor. I nostri delegati ucraini sembravano dare del filo da torcere ai Ruskoff in prima linea nel Donbass, come rappresaglia, sai, per aver aiutato Donald Trump a rubare le elezioni del 2016 a colui il cui turno doveva essere… il tailleur pantalone di Caesar United States, Hillary Clinton.

La rete dei globalisti

L’offensiva autunnale dell’Ucraina è stata, ahimè, un’illusione, preparando il suo esercito a una metodica decimazione, ormai quasi completa. Così è tutto il discorso sull’invio di carri armati per salvare la giornata. Lo stesso vale per l’esistenza stessa della NATO, che non è altro che la vetrina di un negozio vuoto. Se far saltare in aria gli oleodotti del Nord Stream, come ha affermato di recente il giornalista freelance Seymour Hersh, suona come un attacco al nostro presunto alleato, la Germania, allora come non è stato un attacco alla NATO, la cui Germania è il fulcro? E, infine, perché la Germania non dovrebbe impegnarsi in colloqui segreti con la Russia, alle spalle degli Stati Uniti?

La trama deve essere pervasiva in Europa e gli americani non ne sentiranno parlare dai media di proprietà del Deep State. C’è un motivo per cui l’Europa non potrebbe vivere con un’Ucraina neutralizzata? Ovviamente no. Se l’Ucraina è in subbuglio oggi, è semplicemente perché i geni del Dipartimento di Stato americano hanno pensato che sarebbe stato un buon modo per infastidire e inimicarsi la Russia. Il progetto era folle fin dall’inizio. Il risultato principale è che l’Europa non avrà più il gas naturale di cui ha bisogno a un prezzo razionale per continuare ad essere una società industriale.

Si deve concludere che la NATO sta cercando una via d’uscita. Ma non c’è altro modo che dichiarare, con parole o fatti, direttamente o in altro modo, che la NATO ha superato la ragione della sua esistenza. Qualsiasi analisi sensata da parte degli europei porterebbe all’inquietante constatazione che gli Stati Uniti sono diventati il ​​nemico della NATO, non la Russia. Se è così, è in atto uno spostamento sismico che lascerà gli Stati Uniti fuori dal progetto ucraino.
La Germania dovrà fare un accordo con la Russia per ricostruire il Nord Stream. Cosa possono fare gli Stati Uniti al riguardo? Imporre sanzioni a Germania, Francia, Paesi Bassi e al resto del branco? Dove finisce la società occidentale?

Te lo dico io: la civiltà occidentale è diminuita. Questo lascia il nostro paese a ribollire nei suoi rancidi succhi economici e finanziari in un abietto isolamento dal resto del mondo. (Addio sogno egemonico; ciao multipolarità!)
Lascia l’Ucraina neutralizzata e non sarà più un problema… Lascia la Russia in grado di sentirsi al sicuro entro i suoi confini e libera di essere una nazione normale… e lascia l’Europa con la speranza di poter riprendere la moderna la vita un po’ più a lungo con comfort e comodità familiari.

La fine del conflitto ucraino metterà anche a nudo la rete marcia di intriganti globalisti che hanno piantato i loro operatori in ogni nicchia della vita americana e in tutta la società occidentale: l’impero delle ONG di George Soros, lo spettacolo di marionette dell’Organizzazione mondiale della sanità di “Bill Gates”, la ridicola rete di servi nelle alte sfere del World Economic Forum, da Justin Trudeau a Larry Fink di BlackRock.

Bill Gates, e Larry Fink (Black Rock)

La fine del conflitto ucraino rivela la sottomissione del Partito Democratico a interessi dannosi volti a distruggere questo Paese. Anche la fine più benigna del conflitto ucraino – come, per impostazione predefinita, Europa e Russia che si risolvono per porre fine ai combattimenti – sarà un’ulteriore umiliazione per ‘Joe Biden’ e la sua squadra dietro di lui, grave come gli ultimi giorni a Kabul.
Gli altri loro crimini attendono la piena esposizione, dalla corruzione infida alla frode e al genocidio intorno al Covid-19. Ci dovrà essere un severo riallineamento politico negli Stati Uniti. Ma prima che ciò accada, aspettati molte stagioni di terribile caos.

fonte: James Howard Kunstler

Fonte: Reseau International

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus