TRA ITALIA E BIELORUSSIA C’E’ DI MEZZO IL MARE (OCEANO ATLANTICO)

di Massimiliano Bonavoglia

La Bielorussia è oggi nell’occhio del ciclone mediatico (occidentale). Sino a poco tempo fa molti manco sapevano esattamente dove fosse collocata geograficamente, ma dopo quelle deprecabili elezioni ora tutti finalmente sanno che laggiù, anzi lassù, la democrazia non è di casa.

Lasciamo per un momento questo argomento e andiamo dall’altra parte dell’Atlantico. La cosiddetta pandemia ancora in corso nel pianeta ha colpito duro anche gli USA. La FED ha stampato trilioni di dollari su ordine di Trump, si sono dati sussidi a fondo perduto come non mai nella storia americana, enorme ossimoro per il Paese più capitalista del mondo, gesto voluto da un presidente repubblicano, liberale e molto ricco di suo, il 2020 è un anno che troverà ampio spazio nei libri di storia dei prossimi secoli. Il PIL americano è calato, la disoccupazione è esplosa, i volumi nei mercati sono scesi, ma gli indici azionari, dopo un grande tonfo sono risaliti. Che sta succedendo? Proprio quest’anno, i colossi multinazionali si sono arricchiti in modo impressionante, come mostra un recente articolo di Forbes:

(https://www.forbes.com/sites/niallmccarthy/2020/06/22/us-billionaire-wealth-surged-since-the-start-of-the-pandemic-infographic/#5e03e8643f8b)

Jeff Bezos (Amazon) ha incrementato il suo patrimonio di 43,8 miliardi di dollari, Mark Zuckerberg (Facebook) 32,1 miliardi di dollari, Bill Gates soli 11,5 miliardi, passando però da 98 a 109,5. Questo multimiliardario, che grazie alla pandemia ha guadagnato undici miliardi e mezzo di dollari, ha chiamato Giuseppi nei mesi della esplosione (o implosione) sanitaria per farsi elargire 140 milioni di euro per la sua fondazione (Bill & Melinda Gates) per la ricerca sul vaccino anticovid, e lui naturalmente glieli ha dati. Soldi nostri, nel momento in cui l’Italia era il Paese più colpito al mondo dal virus dopo la Cina, con una sanità a brandelli grazie ai tagli degli ultimi trent’anni. Oltre ad essere il creatore di Microsoft, Gates ha doti divinatorie in campo medico, soprattutto epidemiologico. Da anni sosteneva l’imminente scoppio di una pandemia mondiale, predicendo nel 2015 che vi sarebbero stati milioni di morti a causa di un nuovo virus (https://www.youtube.com/watch?v=6Af6b_wyiwI). Per meglio occuparsene, la fondazione di Gates (che a differenza di società commerciali vive di donazioni e non paga tasse) finanzia direttamente diversi laboratori e centri sperimentali di virologia e batteriologia, tra i quali quello di Wuhan, nella regione di Hubei, diventata tanto famosa purtroppo in questo turbolento 2020. Complottismo? No no, lo riporta il sito web della fondazione stessa (https://www.gatesfoundation.org/How-We-Work/Quick-Links/Grants-Database/Grants/2018/11/OPP1199760):

Si fa interessante, anche perché Gates è nel contempo il maggior finanziatore dell’OMS, l’organizzazione mondiale dealla sanità, che in quanto tale non dovrebbe dipendere economicamente da privati, che perseguono finalità privatistiche. Aggiungiamo che un documentario della RAI, anch’esso del 2015, pubblicava le preoccupazioni di tanti scienziati per gli esperimenti eseguiti in Cina, proprio a Wuhan, dove si innestava “una proteina superifciale di un coronavirus presa da pipistrelli sul virus della SARS ricavato da topi, per produrre un supervirus che potrebbe colpire gli uomini, che resta chiuso nei laboratori – si diceva – ovvio, serve solo per motivi di studio, ma – chiedeva il conduttore televisivo – vale la pena correre il rischio, creare una minaccia così grande solo per poterla esaminare?” (https://www.youtube.com/watch?v=uwyU5P5AuMk). Il dottor Giuseppe Tritto, notissimo esperto in biotecnologia e nanotecnologia con carriera accademica stellare, nonché presidente della WABT (Accademia Internazionale di Scienze Biomediche e tecnologiche) “collega il laboratorio di Wuhan alla Francia e agli Stati Uniti, mostrando come entrambi i Paesi abbiano fornito aiuto finanziario e scientifico ai cinesi quando hanno iniziato a condurre esperimenti di bioingegneria sempre più pericolosi. Sebbene né i virologi americani né quelli francesi siano responsabili del risultato finale – un coronavirus altamente contagioso e una pandemia globale – il loro coinvolgimento precoce potrebbe spiegare perché così tanti insistono sul fatto che la “chimera” deve provenire dalla natura. L’ultima cosa che vogliono ammettere è che potrebbero averci contribuito” (https://www.zerohedge.com/medical/renowned-eu-scientist-covid-19-was-engineered-china-lab-effective-vaccine-unlikely)

La tv che non ha parlato d’altro dall’inizio del 2020, ci ha informati? Macché, a reti unificate è stato immediatamente dichiarato che la molecola SHCO14 di cui si parla nel video della RAI non c’entra nulla con il COVID-19, si è frettolosamente tacciato di complottismo delirante ogni supposizione che anche quest’ultimo virus potesse risultare creato in laboratorio, prodotto artificialmente e deliberatamente là dentro, piuttosto che pervenuto attraverso il salto di specie sostenuto dalla versione ufficiale sin dal primo giorno. Questa però non è scienza, perché quando gli indizi cominciano ad essere numerosi, sia nella biologia che nella criminologia, si procede per indagini e investigazioni approfondite, invece che immediata smentita e deliberato attacco contro chiunque si azzardi a porre domande. Sovviene un dubbio… non è che i media sono controllati da grandi multinazionali in Italia come un po’ ovunque nel mondo “libero” delle grandi democrazie occidentali? Ma noooooh, tutte mere illazioni partorite da menti malate populiste e complottiste! Da queste parti si respira democrazia a pieni polmoni!

Torniamo ora alla Bielorussia, ma quella del mese di giugno, quando il Fondo Monetario Internazionale offre 940 milioni per affrontare i contagi, a condizione che si proceda alla chiusura totale come in Italia e nel resto del mondo. I soliti aiuti disinteressati e incondizionati insomma, dati per il piacere di dare e sentirsi tanto buoni. Ti offriamo quasi un miliardo, ma fai quello che diciamo noi, un ritornello che in Italia abbiamo già sentito, e che ahimè conosceremo molto bene nei prossimi mesi, con l’avvento del MES, “finalmente” accettato dalla mansueta Italia. In Bielorussia lo scorso giugno il presidente rese pubblica quell’offerta e la condizione cui era subordinata, motivando il rifiuto con la catastrofe economica che ne sarebbe conseguita, per un Paese povero come quello, quando il tasso di mortalità, comunicava il ministero della salute nazionale, era del 0,7%, quindi inferiore ad altre malattie infettive (come l’influenza stagionale). Cosa ha fatto il presidente della Bielorussia? Ha denunciato pubblicamente il tentativo di imporre una chiusura totale al suo Paese mediante l’offerta di quattrini. Ha smascherato una modalità di esercitare pressioni politiche e imporre misure eccezionali in Paesi ancora sovrani, senza permettere che sia davvero il governo di quel Paese a decidere cosa fare con gli emolumenti elargiti. Il suo discorso non è mai stato fedelmente riportato in nessun telegiornale main stream dalle nostre parti, ed è molto probabile che quei soldi siano ora transitati a oppositori del presidente per farlo deporre, al punto che si sono viste manifestazioni di piazza che non si ricordavano da parecchi decenni. Ora per tutto il mondo la Bielorussia è oppressa da un terribile dittatore che senz’altro si deve dimettere, come dice la tv.
Lo scrivente c’è stato tre volte negli ultimi cinque anni, senza avere l’impressione di trovarsi sotto il Terzo Reich. L’autostrada è gratis, ma solo per i cittadini bielorussi, se hanno un terzo figlio le coppie ottengono un appartamento gratis donato dallo Stato, basta essere cittadini bielorussi, i parchi pubblici non sono transennati come nelle nostre città, sono aperti e accessibili 24 ore su 24. In aeroporto a Minsk, c’è un primo scaffale con le maggiori marche di Vodka bielorussa a prezzi decisamente popolari, mentre tutte le altre marche estere sono negli scaffali misti, con prezzi più alti per via della tassazione. Si protegge la produzione nazionale. Sono vietati gli allevamenti intensivi, la carne ha un sapore che rimane in mente, anche quella di suino, che rufola a terra in spazi sufficienti a far crescere ogni capo in condizioni ottimali. Persino le uova hanno un sapore diverso, e quasi ogni famiglia ha galline e un orto, così da essere parzialmente autosufficiente. Il vestiario non offre la nostra varietà ed il nostro stile estetico, però pare indistruttibile, non c’è l’obsolescenza programmata da quelle parti, i prodotti d’abbigliamento sono fatti per durare, non per passare di moda dopo sei mesi. È solo questione di tempo, ma Lukashenko verrà deposto, anche aizzando la folla contro di lui, perché non si è piegato al volere di forze straniere che rappresentano immensi interessi finanziari, e non solo ha difeso il proprio popolo, ma ha anche comunicato esplicitamente il tentativo di coercizione. Non si è venduto a potenze straniere. Chi non si può comprare, deve essere eliminato nella logica imperialistica a stelle e strisce, gli esempi sono innumerevoli.

Conte

Sarà per questo che si sono messi tutti sull’attenti, dopo che Trump ha nominato Giuseppi capo del nuovo governo, senza che vi fosse stato un cane favorevole prima: Zingaretti e Di Maio erano per non fare alcun inciucio, persino Giuseppi aveva promesso che mai ci sarebbe stato un Conte bis, quando nei giorni precedenti la rottura voluta da Salvini gli veniva chiesto un parere. Nel frattempo, metteva a disposizione di Trump gli 007 italiani , questione mai chiarita né fuori né dentro il parlamento (https://www.open.online/2019/10/07/perche-e-come-conte-ha-permesso-al-procuratore-di-trump-di-incontrare-il-capo-dei-nostri-007/). In tanti ancora oggi non si spiegano perché un reazionario come Trump debba simpatizzare per uno come Conte, quando aveva Salvini che per anni lo lodava e si ispirava al suo modello.
La risposta è facile. Salvini parla spesso, dichiara simpatie e antipatie pubblicamente, è un libro aperto, mentre Conte fa i fatti, e poi li nega, secondo l’antica scuola democristiana del potere che logora chi non ce l’ha. Seguito quindi da Di Maio, che da anti-euro è diventato garante della stabilità europea (parole sue) e da tutto il carrozzone cinque stelle, che ne perde una per strada a settimana. Giuseppi tuona sotto il governo gialloverde: “Metteremo fine al business dell’immigrazione. Stop a finta solidarietà”
(https://www.youtube.com/watch?v=TsQM1ehkBgQ), e poi firma per processare Salvini sotto quello giallorosso e adotta la politica piddina. Si dichiara ora di sinistra, ma per rimanere al potere i giorni post-Papete non ha mancato di compiacere Trump, il vero padrone di casa. Conte si prende i pieni poteri, dichiara lo Stato di emergenza a inizio 2020, mentendo innumerevoli volte in pubblico, dopodiché qualche mese dopo, a tasso di letalità azzerata del virus proroga lo Stato di emergenza così, se le cose si mettono male, nonostante l’alleanza Pi-di-stelle, può rinviare le elezioni regionali.
L’unica votazione sicura sarà quella sulla riduzione dei parlamentari, deputati e senatori, atto che era nel programma della P2 di Licio Gelli (https://www.grandeoriente-democratico.com/I-Neo-piduisti-che-spingono-per-il-taglio-dei-parlamentari-italiani-misura-che-era-auspicata-nel-Piano-di-Rinascita-post-democratica-della-Loggia-P2-di-Licio-Gelli.html), perché riducendo rappresentatività territoriale, si controlla meglio la cabina di comando di uno Stato. Il popolo-bue si lascia condurre alla spasmodica caccia del politico che ha usufruito dei 600 euro, affinché si sappia chi è indegno del voto ricevuto, ma non cerca di sapere chi ha firmato il MES, magari tra coloro che lo hanno ufficialmente criticato (cosa forse leggermente più grave…).

Proteste in piazza

Il popolo si accontenta di sapere che con la riduzione del numero dei rappresentanti parlamentari si risparmierà qualche milione, senza pensare che sarebbe bastato abbassare gli stipendi a tutti, e vincolarli un po’ di più alle promesse fatte in campagna elettorale (altro cavallo di battaglia, rivelatosi poi cavallo di troia dei cinque stelle e ora dimenticato) per ottenere anche un risparmio maggiore e serietà estesa a tutti. Siccome sarà senza quorum, e i dibattiti in pubblico sono sospesi per l’emergenza sanitaria, puntano sulla distrazione di massa per sfangarla anche questa volta. Passato il referendum, sanno di dover scomparire, e questo sarà un motivo in più, se mai ce ne fosse bisogno, per cementare ulteriormente questo governo Frankenstein fino al 2023. Proprio no, Giuseppi non è come Lukashenko.

Quando un italiano (medio, quasi mediocre) sente che in Bielorussia vengono picchiati i manifestanti anti-Lukashenko, inorridisce e invoca i bombardieri yankee come quelli del premio nobel per la pace Obama che sistemarono Gheddafi, e fecero della Libia un esempio quale è ora di democrazia e libertà, e che dal 2011 ci regala sonni tranquilli.

Quando un bielorusso sente dalla tv che Conte ha ad un certo momento stabilito di interrogare tutti i passanti e accertarsi che si stiano recando da un congiunto, si porta le mani al viso e probabilmente pensa: “Speriamo che Putin faccia qualcosa per non farci cadere in mani americane e finire come gli italiani!”.

Massimiliano Bonavoglia

Fonte: Marco Della Luna

20 Commenti

  • Michele
    25 Agosto 2020

    Complimenti, sono italiano e vivo in Bielorussia, Minsk, da 2 anni. Quello che hai scritto e’ la verita.
    Sei un vero giornalista. Gente , leggetevi anche questo commento. Ah, dimenticavo di dirvi che sono un Ingegnere.

    • Marte
      26 Agosto 2020

      MARTE26 Agosto 2020
      Si potrebbe emigrare dall’Italia e vivere in Bielorussia da pensionato italiano? Io credo che questa nazione non cadrà in mano alla NATO perché è davvero al limitare del territorio russo e di certo vi si vive meglio che in questa Italia, povero e miserabile paese con le sue imprese più grandi già svendute al tempo del Britannia approdato a Civitavecchia con la fottutissima Elisabetta II° e con Rotschild e W. Churchill Junior eccetera eccetera nel 1992 e nel 1993 (svalutando la nostra Lira) a Londra tramite Giuliano Amato, Draghi, poi con la svendita dell’IRI grazie a Prodi, eccetera. Le morti dei poveretti della strage delle Ginestre nel 1947, di Mattei, Moro, Falcone, Borsellino, Libatino, Chinnici e tanti altri dovrebbero pesare sul collo degli Americani e degli Inglesi come macigni per la loro materiale dannazione già su questa terra, visto che ormai hanno passato ogni limite e monta sempre più l’odio nei loro confronti.

    • atlas
      26 Agosto 2020

      ecco cosa mi aspetta

      quì cagano fuori della tazza del cesso e loro si prendono solo la merda. Di Leggi a tutela dei lavoratori manco a parlarne in democrazia, quella nuova

      Ben Arous: solo 15 persone possono partecipare alle feste di matrimonio

      https://www.tunisienumerique.com/ben-arous-seulement-15-personnes-peuvent-assister-aux-fetes-de-mariage/

  • maramaldo
    25 Agosto 2020

    sará…!! ma non mi tornano i conti…
    come mai un governo teleguidato da Trump apre le porte ai cinesi, mentre Trump continua a far la guerra, per ora a parole, ai cinesi?
    E Trump avrebbe preferito Giuseppi a Salvini…solo perché é Salvini é un chiacchierone…ma questa é analisi politica o semplicemente psicanalisi?

    • Marte
      26 Agosto 2020

      Si potrebbe emigrare dall’Italia e vivere in Bielorussia da pensionato italiano? Io credo che questa nazione non cadrà in mano alla NATO perché è davvero al limitare del territorio russo e di certo vi si vive meglio che in questa Italia, povero e miserabile paese con le sue imprese più grandi già svendute al tempo del Britannia approdato a Civitavecchia con la fottutissima Elisabetta II° e con Rotschild e W. Churchill Junior eccetera eccetera nel 1992 e nel 1993 (svalutando la nostra Lira) a Londra tramite Giuliano Amato, Draghi, poi con la svendita dell’IRI grazie a Prodi, eccetera. Le morti dei poveretti della strage delle Ginestre nel 1947, di Mattei, Moro, Falcone, Borsellino, Libatino, Chinnici e tanti altri dovrebbero pesare sul collo degli Americani e degli Inglesi come macigni per la loro materiale dannazione già su questa terra, visto che ormai hanno passato ogni limite e monta sempre più l’odio nei loro confronti.

  • Idea3online
    26 Agosto 2020

    L’articolo racconta bene le dinamiche dettate e scritte dall’Impero. Ma è chiaro che ci sono forze opposte, è chiaro che il Paneta non è tutto in mano allo Zio Sam, altrimenti era iniziato NWO unipolare. Come se in Italia non esistessero altre organizzazioni criminali, oltre quelle italiane,
    Certo che in Italia operava anche la Libia, Berlusconi legato all’Impero, ma faceva affari con la Russia e la Libia nel 2011. Non dimentichiamo che esiste la globalizzazione, l’Occidente è presente in Cina, e la Cina in Occidente. Ma il problema è che lo Zio Sam, desidera essere il Supremo, l’unico Boss del globo. L’articolo spiega bene le dinamiche del potere unipolare made in USA.

    • atlas
      26 Agosto 2020

      globalizzazione anche dell’informazione. Mentana è nato con BerLuxCohen

      mentire e negare sempre portando il terrore e insicurezza nella gente è la prima caratteristica del giudeo massone democratico

      ” La bambina di 5 anni ricoverata da giorni in terapia intensiva all’ospedale di Padova ha un quadro clinico grave, ma per un’altra patologia, non per il Covid”. Weltanschauung Italia
      “La bimba è positiva – ha spiegato il governatore – ma la diagnosi differenziale è stata fatta, e non è in questa situazione per il coronavirus. La patologia che l’ha portata in terapia intensiva è di tutt’altra origine, ci sono tre casi in Italia, ci ha riferito l’ospedale Spallanzani”.

      Signori, dopo questo ennesimo titolo vergognoso FALSO è giunta l’ora di chiedere il conto a questi signori.
      Costoro non solo disinformano ma dicono di combattere le fake news. Incredibile.

      Non si puó agire in questa maniera, che qualcuno di competente intervenga per frenare questo scempio. ”

      https://www.open.online/2020/08/16/padova-bambina-5-anni-terapia-intensiva-positiva-coronavirus/

  • atlas
    26 Agosto 2020

    Negare il tradimento

    Perché anche di fronte ad evidenze innegabili, molte persone rifiutano di considerare possibile che un governo li abbia ingannati, sfruttati, o persino abbia sacrificato volontariamente migliaia di loro concittadini? Perché anche di fronte ai documenti che lo provano così tante persone rifiutano di accettare che medici e funzionari della sanità siano al soldo delle case farmaceutiche? Perché nemmeno davanti alle evidenze più chiare si rifiuta di accettare che una spiegazione ufficiale sia semplicemente una montagna di bugie?

    Mostri l’evidenza che la versione ufficiale è una menzogna, ti rispondono: “e allora come lo spieghi tu?” – come se necessitasse una spiegazione alternativa per accettare che quella ufficiale è falsa.

    Mostri l’evidenza che un professionista blasonato mente, ti rispondono: “e tu che titoli hai?” – come se necessitasse un qualche titolo accademico per accorgersi che un titolato accademico sta mentendo.

    Mostri l’evidenza che una strategia definita utile è inutile, rispondono: “mi fido di loro” – come se il punto fosse “di chi fidarsi” e non semplicemente valutare secondo logica delle evidenze.

    Ma perché? Premesso che non si tratta, il più delle volte, di soggetti con insufficienti funzionalità cerebrali, che cosa limita l’accesso stesso alla logica da parte di queste persone?
    Tu chiamale emozioni

    Sono chiaramente reazioni illogiche, basate su meccanismi emotivi, non razionali. Nel dettaglio, gli esempi forniti indicano con chiarezza anche di quale meccanismo emotivo si tratti, infatti la necessità di una spiegazione è una necessità di rassicurazione: “qualcuno deve dirmi come stanno le cose”, perché, semplicemente, doverlo decidere io è troppo complicato, troppo impegnativo. E deve essere “titolato”, così che io non mi senta stupido a fidarmi di lui. Il tutto si traduce con: “mi serve un papà di cui fidarmi“.

    Ma quali radici ha questo meccanismo? Da dove arriva questa necessità? Il rifiuto di credere che l’autorità possa “volere il tuo male” ha radici profonde.
    Le leggi dell’universo

    Il bambino vede il genitore come un dio, colui che determina le leggi dell’universo. Onnipotente, infallibile, e ovviamente buono. Perché buono? Semplicemente perché l’idea di un dio onnipotente e infallibile e anche malvagio sarebbe insopportabile. DEVE essere buono. Se anche facesse cose spiacevoli, DEVE trattarsi di una spiacevole parentesi, di un caso, qualcosa che non siamo in grado di capire noi, ma lui sì. Qualcosa comunque fatto per il nostro bene. Molti bambini abusati dai genitori semplicemente accettano gli abusi come normalità: essendo parte del rapporto coi genitori, l’alternativa è accettarli o rifiutare l’intero rapporto, ma tale opzione è per il bimbo inconcepibile.

    Questo paradigma per moltissimi resta valido anche da adulti: le autorità, i competenti, gli esperti, NON POSSONO essere malvagi. Nemmeno quando le evidenze, la logica, ce lo dimostrano in modo chiarissimo.
    La mela marcia

    Qui emerge il concetto di “mela marcia”, per salvare una qualche razionalizzazione. Se proprio si deve accettare che qualcuno, tra i potenti, fa cose sbagliate o malvagie, allora era “lui e basta”. Uno, o pochi individui. “Schegge impazzite”, “servizi deviati”, “quel partito lì”, “quel gruppetto”. Insomma, dev’essere “solo una parte”, non il tutto.

    Non può essere il sistema che non funziona, che mette strutturalmente al comando gente di merda, gente che si approfitta sistematicamente della popolazione. I telegiornali e i giornali non POSSONO ingannarci, altrimenti avremmo creduto a un intero mondo FALSO. I medici, l’OMS, non possono mentire, non possono essere semplicemente scorretti, perché sono loro a salvarci la vita, a tenere lontano il male, la vecchiaia, la morte. Se smettiamo di fidarci di loro, di chi potremo più fidarci? Saremmo indifesi.
    Il rischio insopportabile

    Di fronte al rischio di un crollo totale della percezione di realtà, ad una revisione completa delle regole del mondo così come lo viviamo, TUTTO si può rimuovere dalla nostra consapevolezza. La sofferenza di una simile rinuncia è troppo elevata, per cui la maggior parte delle persone rifiuta semplicemente di considerare la possibilità che le autorità ci mentano, ci sfruttino, non vogliano affatto il nostro bene, anzi ci stiano in effetti danneggiando. È una potente reazione emotiva, la razionalità non può farci nulla.
    L’amore è cieco

    Molte persone, quando sono innamorate, anche scoprendo che il partner gli è infedele, rifiutano di accettarlo. Mettono in discussione le proprie stesse percezioni, rimuovono qualsiasi prova, qualsiasi evidenza. Molte donne abusate dal partner, negano o minimizzano gli eventi, si assumono la colpa: “sì è vero che mi ha rotto quattro costole, ma lo ho provocato io“. Pur di non perdere il proprio investimento emotivo, accettano qualsiasi abuso.

    Il meccanismo è sempre lo stesso. Per moltissimi è impossibile accettare che il proprio governo, o peggio ancora gli enti di sanità, gli abbiano mentito, li stiano sfruttando, stiano facendo loro del male. Come donne maltrattate, come amanti ingannati, come bambini abusati dai genitori. Non è che non capiscano o non vedano le prove del tradimento che subiscono, è semplicemente troppo doloroso accettarlo. Per questo lo negano, lo rifiutano a priori.

    E questo, chi comanda, lo sa benissimo.

    Stefano Re

  • atlas
    26 Agosto 2020

    non nego di avere delle debolezze. Sono anch’io, come tutti, un semplice e complicato essere umano. E’ vero che non mi arrenderò mai. E’ vero che non smetterò mai di odiare con tutto me stesso gli stati uniti d’america, è vero che non cambierò mai la mia Religione dell’Islam, è vero che non sarò mai democratico. E’ vero che non avrò mai il terrore di morire, nè della fame, nè della galera nè di qualsiasi altra cosa. Ed è vero pure che non smetterò mai di di amare e di combattere per il Regno delle Due Sicilie occupato; da itali ani e ameri cani. E’ la mia terra, la mia Patria, la mia Nazione, abitata dalla mia gente, dai miei Popoli, della mia razza

    Adolf Hitler sosteneva che al mattino si è più recalcitranti ad obbedire ad ordini diretti, se pure ad alta voce, più penetrante e diretta al cervello, cosa più facile, l’ubbidire, invece alla sera, quando si è più fiaccati dal proprio onesto lavoro e da una giornata vissuta in società con le sue gerarchie

    è vero che il carcere è brutto, bruttissimo. Com’è vero che può (possono rendertelo) essere insopportabile: la mancanza per anni di relazione con donne, l’isolamento per molto tempo, l’umiliazione di tenerti in mutande senza nulla se non la tazza del cesso e farti vedere in quello stato da un’infermiera, da una donna, il caldo estremo, il freddo estremo, lo scarso vitto ed anche quel poco a volte inquinato di proposito, la mancanza dei suoni, dei rumori naturali…le percosse di tanti contro uno (solo la ‘polizia’ è stata capace di tanto), la lontananza apposita dalla Famiglia, nè colloqui, nè telefonate, il metterti in cella con detenuti alterati con la speranza che ti scannino (difficile, sono ancora quì)…solo, se concesso, tv in bianco e nero di regime. Il sorbirsi il falso, quello per contro cui si è lì dentro, senza via d’uscita, costretti. Negli anni ’90 era ancora così, primi ‘protocolli’ ameri cani di polizia

    ma nemmeno questo mi porta traumi o ‘incubi’ sono forte abbastanza per superarli, anzi, farne tesoro nel costrutto di anche brutte esperienze, non rimuoverli, non serve. L’angoscia, a volte, è sempre la stessa, che ho sempre avuto in qualsiasi circostanza di tempo e di luogo, in carcere e fuori dal carcere: ovvero che un giorno gli usa vincano del tutto, vincano qualsiasi resistenza, che si diventi tutti come loro, con i loro atteggiamenti, con il loro sistema democratico barbaro, con il loro tipo di società alla quale solo un sistema forte e che non accetta compromessi come l’Islam può resistere. Non è impossibile, ma è difficile, è una prova del Dio sulla propria Fede. E’ quì che si vede la sostanza, quanto vali. Ma è fiaccante, distruttivo. A volte si è proprio contro tutti

    ogni democratico, ogni liberale, ogni astuto intrallazzatore interessato, ogni traditore trafficante, ogni poliziotto (oggi), ogni vigliacco infame, ogni falso musulmano wahhabita salafita, ogni giudeo nascosto è un nemico

    quanti sono (?). Duosiciliani, italiani, europei, arabi …

    nel 1975 avevo 10 anni e già avevo la passione per la musica. E’ un piacere ‘gratuito’ dono del Creatore che ci ha fornito di orecchie, come degli occhi per guardare il mare limpido e azzurro e le belle donne, della lingua per assaporare cibi gustosi e le bellissime donne che ha creato per l’Uomo, del naso per sentire i buoni profumi…ma non avevo nemmeno 900 lire per acquistare un 45 giri. Non avevo neanche lo ‘stereo’ appena apprezzabile. Sì, a 10 anni o anche subito poco dopo in una metropoli tendenzialmente anglosassone come Milano si poteva capire tanto; e anche da che parte stare. E anche con chi era obbligatorio stare. Per semplicemente, ‘da terrone’ (e non era facile) vivere. O ‘non vivere’ chiuso a casa. La ‘tv’ cominciava alle 18 e si spegneva a mezzanotte, c’erano solo la rete uno e la rete due, una democristiana e l’altra sinistra. Quella proclivicità alla trasgressione la si respirava da tutte le parti, anche quella era veicolizzata. Le femmine a 14 anni si facevano ‘toccare’ davanti a tutti, ‘scopavano’ con tutti, si era pieni di riviste e giornaletti a sfondo sessuale. Per quanto resisteva il cristiano ? Il puro, il retto. E c’era violenza. In ogni ambito. A scuola, nelle piazze, in ogni occasione.

    Ma c’era libertà di fatto, non il liberismo americ ano attuale. Non avevamo niente della tecnologia e delle comodità di adesso (e magari dei soldi di adesso) e mi accorgo che avevamo tutto. Mi stanno facendo rimpiangere quegli anni violenti, barbari

    perchè si era VIVI, ci si poteva semplicemente MUOVERE, cosa rimane ora (?)

    https://www.youtube.com/watch?v=F6LFS61ZkkU&list=RDF6LFS61ZkkU&start_radio=1

  • atlas
    26 Agosto 2020

    Tyler Durden, il direttore di Zero Hedge, aggiunge:

    Recentemente ho esaminato quasi ventimila donazioni di beneficenza che la Fondazione Gates aveva concesso fino alla fine di giugno e ho scoperto che più di 250 milioni di dollari sono destinati al giornalismo. I destinatari includevano operazioni di notizie come BBC, NBC, Al Jazeera, ProPublica, National Journal, The Guardian, Univision, Medium, Financial Times, The Atlantic, Texas Tribune, Gannett, Washington Monthly, Le Monde e il Center for Investigative Reporting ; organizzazioni di beneficenza affiliate a testate giornalistiche, come BBC Media Action e Neediest Cases Fund del New York Times; società di media come Participant, il cui documentario Waiting for “Superman” supporta l’agenda di Gates sulle charter school; organizzazioni giornalistiche come il Pulitzer Center on Crisis Reporting, la National Press Foundation e l’International Center for Journalists; e una varietà di altri gruppi che creano contenuti di notizie o lavorano sul giornalismo, come la Leo Burnett Company, un’agenzia pubblicitaria che Gates ha incaricato di creare un “sito di notizie” per promuovere il successo

    la fondazione [Bill e Melinda Gates] ha citato spontaneamente altri legami che ha con i mezzi di informazione, tra cui “la partecipazione a dozzine di conferenze, come il Perugia Journalism Festival, il Global Editors Network, o la World Conference of Science Journalism”..

    Basta pensare all’integrità della più rispettata rivista medica, Lancet, che a maggio ha pubblicato un articolo “scientifico” per dichiarare che la clorochina non solo non curava, ma uccideva i malati di Covid – di cui è è immediatamente scoperto che era rozzamente e platealmente falso. I media sono stati corrotti alla radice da Gates, come ha corrotto l’Organizzazione Mondiale della Sanità coi suoi miliardi. D’ora in poi non c’è media di cui non si possa e debba sospettare…

    Ma i nostri media sono pieni di Briatore che s’è ammalato di Covid, ben gli sta. Questa sì che è una notizia, sull’orlo dell’abisso.

    Che poi Briatore è in clinica per una prostatite, al contrario di quel che strombazzano i media. I media dovrebbero farsi pagare di più, per il “lavoro” che fanno spendendo la loro credibilità smerdandola fino a questo punto.

    • Mardunolbo
      26 Agosto 2020

      Ehilà Atlas, con questi tre commenti hai superato te stesso e l’animo logico cristiano, secondo i ragionamenti di San Tommaso d’Aquino, ti è ri-saltato fuori !
      Ah,ah,ah !,

      • atlas
        26 Agosto 2020

        forse non sai che per i russi la Bielorussia è un baraccone. Un carrozzone. Un vagone che hanno sempre trainato per geopolitica. E mi sa che questo Lukashenko, del quale anch’io avevo massima fiducia, invece si stia barcamenando quà e là per voracità. Quì o si mette in riga e saluta militarmente Putin o se ne va a cagare il cazzo da un’altra parte

        tanto la Bielorussia e i suoi abitanti sono destinati in Russia, non può essere altrimenti, fa prima a scoppiare la guerra nucleare

        magari

  • Idea3online
    26 Agosto 2020

    Riguardo alle masse, in una occasione Gesù disse: lasciate che i morti seppelliscano i loro morti Dobbiamo ben capire, che viviamo, ma se non conosciamo la realtà, siamo paragonati a dei morti, spirituali, nei sensi, nella percezione. Perciò lasciate che i morti parlino con i morti, ma che i vivi continuino a vivere. Se un morto desidera morire, non invitatelo alla vita, potrebbe ingannarvi ed eliminarvi.

    • atlas
      26 Agosto 2020

      ma che cazzo stai scrivendo pure tu

      • Idea3online
        26 Agosto 2020

        Io non ho detto niente. Parole del tuo signore e capo Gesù.

      • Sandro
        27 Agosto 2020

        IDEA3ONLINE può non aver detto una cosa insensata. In un recente commento ho sostenuto che noi abbiamo un concetto del tutto distorto del tempo. Non abbiamo la benché minima idea di cosa sia e come agisca sugli eventi. Un prova di quanto sostengo ci viene proprio da ciò che SEMBRA disse Gesù di Nazareth o di Gerusalemme, dal momento che neppure l’origine ne è sicura. Ma quest’Uomo ben aveva chiara la dimensione del tempo quando invitò i suoi discepoli a non distogliersi da un evento funebre quando disse loro “lasciate che i morti seppelliscano il loro morti”. Quelli del corteo funebre li vedeva già defunti, come e il destino di tutti noi.
        Gesù, di sicuro, si riferiva al loro destino che già viveva al momento essendo gli eventi contemporanei.

        In merito, invece, al libero arbitrio, molto sghignazzato dagli uomini in nero per incolparci di colpe non nostre – sai chi mi scaraventò per la strada come hai detto? Non certo colei che si candidò nell’ambire a ergersi a mia mogie, cosa che nonostante la mia magnanimità non vi riuscì, ma un mio carissimo amico che re-incontrandolo dopo esserci persi per 15 anni, mi fece conoscere colei che non comprendendo l’origine dell’azione indotta, fu costretta ad eseguire quel comandamento che la portò ad un profondo stato depressivo per essere costretta dallo Stato a calpestare per 26 anni la pavimentazione di diversi patri tribunali, civili e penali, nonché a vita natural durante ad essere guardinga per non perdere il mal tolto, nel qual caso volesse lenire i morsi della solitudine con una compagnia clandestina di seconda mano alla stregua di una ladra che cela il bottino.

        Ecco, questo è il ibero arbitrio concesso da Colui che gli è imposta – forse Suo malgrado – la presenza eterna nel nulla circostante per portare a compimento il poterci giudicare alla fine dei tempi, che, per per Egli stesso, sono già trascorsi.

        • atlas
          27 Agosto 2020

          ti auguro tutto il bene possibile, anche se andrai a farti ricoverare un’altra volta, perchè secondo me tanto bene non stai. Cmq tutto si aggiusta

          Il Corano mi dice che gli ebrei furono maledetti dalla bocca di Gesù. E già questo mi basta

  • Mardunolbo
    26 Agosto 2020

    Riguardo all’articolo , ringrazio perchè mi ha ricordato che Lukaschenko (furbastro, comunque…) aveva illustrato in parlamento che gli era stato proposto dall.OMS pri,ma e dal Fondo Merdario Internazionale cospicue somme per chiudere Bielorussia (Belarus) come l’Italia !
    Voglio ricordare qui agli smemorati (del resto le notizie sono talmente tante ed avvicinate che capisco sia difficile ricordare tutto !) che per evitare che il Fondo Merdario I. rimanesse nelle mani di Strauss-Kahn (ebreo ma ribelle ) venne inventato il finto scandalo della cameriera negra violentata.
    Venne nominata la Lagarde , devota satanista meglio asservita ai poteri, ora presidenta di Banca centralmerda Europea..
    Così va il mondo ora !

  • Mardunolbo
    26 Agosto 2020

    Per i commentatori usuali, una bella notizia che rallegra oggi !
    I russi titolano:” schiacciato come uno scarafaggio !” (fare traduzione con google per chi non mastica russo). Questa notizia e video mi hanno reso felice x oggi…
    https://avia.pro/news/razdavili-kak-tarakana-rossiyskiy-btr-protaranil-amerikanskiy-broneavtomobil-na-ogromnoy

    • atlas
      26 Agosto 2020

      e invece non c’è nulla da ridere nè da stare allegri (per uno che guarda spesso il crocifisso poi …)

      Le norme anti-covid in Australia: “rimozione” dei bambini per proteggere dal virus i loro genitori.

      Allontanamento dei bambini

      (1) Senza derogare alla sezione 25, un ufficiale autorizzato può, al fine di garantire il rispetto di qualsiasi direzione in quella sezione, rimuovere un bambino da qualsiasi locale, luogo, veicolo o nave fino al luogo di residenza del bambino o in un ospedale o in una struttura di quarantena come il funzionario autorizzato ritiene opportuno (e può, in tal modo, utilizzare tale forza ragionevolmente necessaria).

      (2) In questa sezione – bambino indica una persona di età inferiore a 18 anni; luogo di residenza comprende, nel caso di un bambino che si trova in custodia o sotto la tutela, del capo Dirigente sotto l’infanzia e i giovani (sicurezza).

      Mi torna l’angoscia della democrazia anglosassone con la quale ogni tanto mi sveglio al mattino

      e finchè siamo pieni dei mardunolbo che s’inginocchiano … preferisco l’apocalittico monk, ‘sballato, gasato e completamente fuso’

Inserisci un Commento

*

code