Tony Blair (ex idolo della sinistra europea) viene preso a calci nel culo, e questo è un bene


Tony Blair: ” Mi scuso anche per alcuni degli errori nella pianificazione e, certamente, per il nostro errore nella nostra comprensione di ciò che sarebbe accaduto una volta rimosso il regime in Iraq. “

Di Jonas E. Alexis –

Tony Blair è ovviamente affetto da memoria a breve termine. Di recente ha dichiarato che il “populismo” sta crescendo in Gran Bretagna, e per lui è davvero pericoloso. Egli ha detto:

“C’è spesso una conversazione sulla cui politica è più folle [nel mondo]. Sono d’accordo che in questo momento la competizione è feroce. Ma credo ancora che la politica britannica sia purtroppo in testa al gruppo ”. [1]

Ovviamente Blair non è così stupido. Dovrebbe sapere che questo movimento populista è una reazione alle guerre perpetue in Medio Oriente. Ma poiché è politicamente cieco – deliberatamente, oserei dire – gli manca il coraggio morale di dichiarare esplicitamente che forse la debacle in Iraq potrebbe essere una delle ragioni per cui le persone si ribellano contro il sistema oligarchico praticamente ovunque, in particolare in Inghilterra. Uno scrittore britannico-iracheno di nome Amrou Alkadhi ha ricordato all’ex primo ministro:

“Considerando che non c’era nulla di ‘folle’ nel bombardare la mia terra d’Iraq in rovina e uccidere milioni di civili nel processo senza motivo, a parte i tuoi interessi economici condivisi con l’America? Tony Blair – È UFFICIALMENTE il momento per te di andartene. ” [2]

Un’altra persona ha dichiarato: “Tony Blair non ammetterà ancora di essere un populista. Un populista che ha mentito, imbrogliato, ha introdotto la privatizzazione del SSN e ci ha portato in una guerra illegale. ” [3]

Forse Blair ha bisogno di metterlo nella sua pipa e fumarlo. Blair ha confessato di essere stato uno degli strateghi che hanno prodotto il massacro del popolo iracheno nel 2003. Come diceva il Daily Mail nel 2015:

“Tony Blair ha finalmente chiesto scusa per la guerra in Iraq – e ha ammesso che potrebbe essere in parte responsabile della nascita dello Stato islamico.

“La straordinaria confessione dell’ex Primo Ministro arriva dopo 12 anni in cui si è rifiutato di scusarsi per il conflitto.

“Blair realizza la sua drammatica” mea culpa “durante un’intervista televisiva sull’inferno causato dalla sua decisione di George Sad e Bush di estromettere Saddam Hussein.” [4]

Ora ascolta molto attentamente:

“Nello scambio di opinioni, Blair chiede ripetutamente scusa per la sua condotta e fa persino riferimento alle affermazioni secondo cui l’invasione era un” crimine “di guerra – mentre negava di averlo commesso.

” A Blair è stato chiesto, senza mezzi termini nell’intervista della CNN, per essere ritrasmessa oggi: ‘La guerra in Iraq è stata un errore?’ Egli risponde: “Mi scuso per il fatto che l’intelligence che avevamo ricevuto fosse sbagliata.

“Mi scuso anche per alcuni degli errori nella pianificazione e, certamente, per il nostro errore nella nostra comprensione di ciò che sarebbe accaduto una volta rimosso il regime.”

“A Blair è stato quindi chiesto se l’invasione dell’Iraq fosse la ‘causa principale’ dell’ascesa dell’ISIS. L’ex primo ministro ha dichiarato: “Penso che ci siano elementi di verità in questo. Ma dobbiamo stare estremamente attenti, altrimenti fraintenderemo quello che sta succedendo oggi in Iraq e in Siria …

“Ovviamente non si può dire che quelli di noi che hanno rimosso Saddam nel 2003 non abbiano alcuna responsabilità per la situazione nel 2015.” ‘Ma è anche importante rendersi conto – uno, che la primavera araba, iniziata nel 2011, avrebbe avuto un impatto anche oggi sull’Iraq. E due: l’ISIS è effettivamente diventato famoso da una base in Siria e non in Iraq. “” [5]

Blair sta cercando disperatamente di essere lucido qui. Sa che sarà nei guai se ammette che lui e Bush erano semplicemente burattini. Questa ammissione è arrivata dallo stesso “Prince of Darkness”, Richard Perle. Il Neocon ebreo aveva dichiarato:

[Bush] non è stato lui a prendere decisioni, in parte perché la macchinazione del governo da lui nominato in realtà lo stava gestendo.” [6]

Blair ha incolpato sottilmente la debacle dell’Iraq per causa di informazioni sbagliate che lui e Bush ricevettero dalla comunità dell’intelligence. Il semplice fatto risulta che è che è stato il contrario.

Era risaputo che l’amministrazione Bush aveva manipolato quanto la CIA e altre quindici agenzie di intelligence statunitensi avevano dichiarato sul programma iracheno delle armi di distruzione di massa. Il rapporto NIE dell’ottobre 2002 sul programma iracheno di armi di distruzione di massa ha rivelato che alcuni esperti credevano, nonostante la mancanza di prove conclusive, che l’Iraq avesse armi di distruzione di massa.

L’amministrazione Bush, assetata di prove, classificò il rapporto e pochi giorni dopo pubblicò una versione non classificata con una formulazione deliberatamente modificata che sosteneva la teoria secondo cui l’Iraq possedeva armi di distruzione di massa. [7]

Non era la prima volta che l’amministrazione Bush aveva deliberatamente ignorato le prove a fini ideologici. Nel febbraio 2002, la CIA riferì che non c’erano prove conclusive che Saddam stesse acquistando la partita di uranio in Niger.

Tuttavia, nel settembre 2004, Tony Blair dichiarò che “l’Iraq aveva cercato quantità significative di uranio dall’Africa”, a cui il portavoce della Casa Bianca, Ari Fleischer, aveva aggiunto: “Siamo d’accordo con le loro scoperte”. [8]

Studiosi come Stefan Halper e Jonathan Clarke hanno dichiarato che questa “scoperta” era ovviamente “nel discorso più importante dell’anno del presidente” [9] , discorso sullo stato dell’Unione del 2004. Mentre il pubblico di Bush ha elogiato il suo discorso, la CIA ha definito l’affermazione “altamente dubbia”. [10]

La conclusione inevitabile quindi è che l’amministrazione Bush, nelle parole del noto avvocato Vincent Bugliosi, ha deliberatamente mentito sulla guerra in Iraq. Inoltre, se le armi di distruzione di massa fossero l’unica questione per andare in guerra, allora l’America sarebbe in guerra in tutto il mondo, per paesi come Francia, Cina, Russia, Pakistan, tutti avrebbero armi di distruzione di massa.

La vera domanda è se Saddam rappresentasse una minaccia per l’America, e sedici agenzie di intelligence statunitensi dichiararono che Saddam non era una minaccia imminente per gli Stati Uniti (l’unico posto in cui rappresentava una minaccia era nelle menti dei neocon desiderosi di trovare argomenti per la guerra ).

Paul R. Pillar, un veterano di ventotto anni nella CIA e professore ospite presso la Georgetown University, ha fatto esplodere tutti con la pubblicazione del suo provocatorio libro Intelligence and US Foreign Policy .

Le informazioni nel lavoro di Pillar non sono tutte nuove. Ma le parole di Pillar hanno molto peso perché ha avuto una lunga e illustre carriera come membro del CIA Pillar non solo concorda con la valutazione secondo cui la guerra in Iraq è stata orchestrata dai Neocon , ma sostiene il caso convincente su cui Bush ha mentito quello che la CIA ha effettivamente riferito su WMD.

Ad esempio, quando il capo dell’antiterrorismo Richard Clarke disse a Bush dopo molti esami che non vi era alcun legame tra Saddam e al-Qaida, Bush gli disse di tornare indietro e di trovare nuove prove. [11]

Pillar in seguito dichiara che l’amministrazione stava facendo pressioni sulla comunità dell’intelligence per fabbricare prove da presentare al popolo americano come base per l’invasione dell’Iraq. [12] Quando il vice DCI John McLaughlin presentò le informazioni sulle armi irachene, il presidente gli disse:

“Non è abbastanza buono. Bel tentativo, [ma] non è qualcosa che Joe Public capirà o da cui trarrebbe molta fiducia. ” [13]

In altre parole, creare una logica per “vendere la guerra al pubblico” era molto più importante che fornire prove concrete per la guerra. [14]

Inoltre, “Il 21 novembre 2001, nove giorni dopo che i talebani furono cacciati da Kabul, Bush ordinò a Rumsfeld di costruire in segreto un nuovo piano per la guerra contro l’Iraq. Quando Rumsfeld ha suggerito che avrebbe dovuto coinvolgere DCI Tenet nella pianificazione, il presidente gli ha negato il permesso di farlo, dicendo che avrebbe potuto essere fatto in seguito. ” [15]

Quindi l’amministrazione iniziò a diffondere la falsa idea che l’Iraq stesse acquistando uranio dal Niger. Quando un ex diplomatico ha iniziato a confutare quelle false idee, è stato ostracizzato e rimproverato dall’ufficio del vice presidente per averlo fatto. [16]

Sebbene la comunità dell’intelligence abbia ripetutamente detto all’amministrazione che l’idea che Saddam stesse comprando l’uranio dal Niger era falsa, ha fatto poca impressione sull’amministrazione. Bush lo usò come motivo per andare in guerra nel 2002 e ne parlò ancora nel Discorso sullo stato dell’Unione del 2003, nonostante il fatto che la comunità dell’intelligence continuasse a dirgli di non farlo. [17]

Quando è diventato chiaro che l’amministrazione stava inventando prove, Condoleezza Rice ha incolpato la CIA, dicendo che non ha fatto il suo lavoro. “Non sei riuscito a impedirci di abusare dell’intelligence quando, nonostante i tuoi ripetuti sforzi e avvertimenti precedenti, abbiamo insistito per farlo. È colpa tua perché non ci hai impedito di comportarci male “, ha detto l’ex segretario di Stato. [18]

Più tardi, quando Richard Haass, capo della pianificazione politica del Dipartimento di Stato, cercò di esprimere le sue riserve sull’invasione dell’Iraq, Condoleezza Rice gli disse:

“Trattieni il respiro, Richard. Il presidente ha già deciso in Iraq “. [19]

Il segretario agli Esteri Jack Straw dichiarò: “L’azione militare era ormai vista come inevitabile. Bush voleva rimuovere Saddam, attraverso un’azione militare, giustificata dalla congiunzione di terrorismo e armi di distruzione di massa. ” [20]

La mentalità era che qualsiasi cosa, anche fingendo prove, era accettabile se il risultato finale sarebbe stato un Iraq senza Saddam, qualcosa che in realtà ha sorpreso Thomas Powers del New York Times . [21]

Pillar dichiara che non c’è mai stato un momento in cui la CIA ha presentato all’amministrazione prove concrete che Saddam rappresentava una minaccia imminente per gli Stati Uniti. Invece, hanno presentato prove che dimostrano l’esatto contrario! [22]

La cosa più vicina alle prove era il fatto che il potere della Cina era in aumento, forzando il problema della proliferazione delle armi; L’Iraq è stato appena menzionato. [23] Considerando che l’amministrazione ha accentuato l’Iraq più di ogni altra cosa, nonostante il fatto che non esistesse un caso convincente per la guerra, Pillar ha dichiarato:

“I giudizi di intelligence sull’Iraq e sui programmi di armamento iracheni non stavano chiaramente guidando alcuna decisione su azioni più energiche contro l’Iraq. La storia sordida in seguito dell’intelligence, la questione delle armi di distruzione di massa e la vendita della guerra al pubblico è una storia di manovratori politici, non di servizi segreti ”. [24]

Pillar concorda con Mearsheimer e Walt nel fatto che anche la guerra in Iraq aveva a che fare con Israele; mentre la guerra costò una fortuna agli Stati Uniti, “I costi diretti per Israele erano sostanzialmente zero”. [25]

Distruzioni e morte in Iraq a Falluja

Quando le crescenti prove che non esistevano armi di distruzione di massa in Iraq non potevano più essere ignorate, i Neocons cambiarono lo scopo della guerra da difensivo a umanitario: i soldati erano lì per liberare il popolo iracheno dal regime di Saddam e portare la democrazia in Iraq. Eppure quelli che decidevano che aspetto avrebbe avuto quella democrazia erano, ovviamente, i neocon.

Una delle menzogne ​​è stata perpetrata dal segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, che ha dichiarato nel 2002 che l’amministrazione aveva prove “a prova di proiettile” che Saddam era strettamente alleato con Osama bin Laden. ” [26]

Nello stesso anno, il senatore Mark Dayton chiese a Rumsfeld perché l’amministrazione ci stava “costringendo ora a prendere una decisione precipitosa e ad agire precipitosamente” contro l’Iraq; Rumsfeld rispose citando di nuovo questo immaginario “nesso tra reti terroristiche come al Qaeda e stati terroristici come l’Iraq”. [27]

Due anni dopo, tuttavia, Rumsfeld ritrattò, dicendo: “Per quanto ne sappia, non ho visto alcuna prova forte e concreta che colleghi i due”. [28]

Colin Powell ha anche cercato di stabilire un collegamento tra Saddam e bin Laden prima della guerra, affermando che il noto terrorista era in “partenariato con l’Iraq”; tuttavia si ritirò anche nel 2004, dicendo:

“Non ho visto la pistola fumante, prove concrete della connessione, ma penso che esistesse la possibilità di tali connessioni ed è stato prudente considerarle al momento in cui lo abbiamo fatto.” [29]

Dick Chaney, da parte sua, ha dichiarato,

“Sappiamo che Saddam ha ripreso i suoi sforzi per acquisire armi nucleari. In poche parole, non vi è dubbio che Saddam Hussein abbia ora armi di distruzione di massa. ” [30]

Cheney, nel suo libro di memorie, dichiara che quando la notizia fallace cominciò a diffondersi che l’Iraq stava acquisendo uranio dal Niger, chiese ulteriori indagini e prove. In risposta, la CIA gli ha inviato un promemoria affermando che

“L’Iraq disponeva di scorte esistenti di Yellowcake, o minerale di uranio non arricchito, di cui duecento tonnellate erano state precedentemente acquisite dal Niger.” [31]

Eppure i funzionari della CIA credono a questa affermazione. Pillar sostiene ripetutamente che la CIA non ha mai affermato che Saddam stava acquisendo uranio dal Niger. Come afferma Pillar, i documenti furono resi disponibili alla Casa Bianca secondo cui “se fossero stati notati e ascoltati, avrebbero fornito le basi per forti argomentazioni contro l’invasione dell’Iraq”. [32]

Ignorando ciò che l’intelligence americana stava dicendo alla Casa Bianca, Cheney dichiarò all’epoca: “Non c’è dubbio che Saddam Hussain ora abbia armi di distruzione di massa”. [33]

Pillar afferma che la coraggiosa affermazione di Cheney qui era completamente “contraria al giudizio della comunità dell’intelligence in merito alla probabile disposizione e all’uso di tali armi”. [34]

Cheney dimostrò di nuovo di essere un ideologo quando nel settembre 2002 “espresse opposizione alle ispezioni internazionali per paura che qualcosa di meno di un rapporto di ispezione dannoso avrebbe indebolito il caso di depositare Saddam.” [35]

Qualsiasi opinione o prova che suggerisse che Saddam non costituisse una minaccia imminente per gli Stati Uniti è stata respinta senza esame. Douglas Feith ha dichiarato: “Nell’elaborare una strategia per l’Iraq, non possiamo accettare la resa.” [36] Cheney dichiara: “Non si tratta della nostra analisi o della ricerca di una preponderanza di prove. Riguarda la nostra risposta. ” [37]

Se non si trattava di prove, allora era ovvio che Cheney era disposto ad andare in guerra, nonostante le prove contrarie.

Poiché la guerra in Iraq si basava su audaci menzogne, Cheney dovette continuare a sostenere quelle bugie con più bugie per placare il popolo americano e il mondo e giustificare ciò che l’amministrazione Bush aveva fatto. E questo era il tipo di attività diabolica che Tony Blair sosteneva senza dubbio.

US Special forces in Iraq

Lo stesso Blair ha recentemente ammesso che ci sono stati alcuni “elementi di verità” nell’accusa che la guerra in Iraq ha scatenato l’ascesa di gruppi terroristici come l’ISIS. [38] Ha aggiunto: “Naturalmente non si può dire che quelli di noi che hanno rimosso Saddam nel 2003 non abbiano alcuna responsabilità per la situazione nel 2015”. [39]

Quindi, se Blair descrivesse la rimozione di Saddam Hussein come “il mio crimine” [40] se “avesse deliberatamente esagerato la minaccia dall’Iraq” [41] e se Obama avesse anche ammesso che la distruzione dell’Iraq ha portato alla nascita di gruppi terroristici come ISIS, [42] perché Bush e Blair non sono dietro le celle imbottite per il resto della loro vita naturale? Perché i jolly vogliono ancora provare un’altra guerra? [43]
L’ Iraq è ancora impantanato nella violenza e nel terrorismo, e Blair si sta ancora guadagnando milioni e si sta godendo la vita? [44] Come può quest’uomo guardare i genitori che hanno mandato i loro figli e le loro figlie in Iraq per morire per ordine di oligarchi corrotti e puttane politiche? [45]

Blair ha persino detto a Bush di usare i trucchi per sedurre le masse! [46] Blair era così deciso a distruggere l’Iraq che non accettò nemmeno un’offerta generosa che l’avvocato di Saddam gli aveva inviato. Saddam stava per dimettersi se ciò avrebbe impedito una debacle. [47]

Quindi la puttana politica e la prostituta Tony Blair meritano di farsi prendere a calci nel culo dallo scrittore iracheno britannico?

Note
[1] “Niente di” folle “nel bombardare l’Iraq a” smithereens “? Blair ha assunto l’incarico sui social media in merito alle osservazioni sullo stato della politica britannica “, Russia Today , 25 novembre 2019.
[2] Ibid.
[3] Ibid.
[4] “‘Mi dispiace’: il momento storico Tony Blair si scusa FINALMENTE per la guerra in Iraq e ammette nell’intervista televisiva che il conflitto ha causato l’ascesa dell’ISIS”, Daily Mail , 24 ottobre 2015.
[5] Ibid.
[6] Citato in David Rose, “Neo Culpa”, Vanity Fair , 3 novembre 2006.
[7] Per prove conclusive, vedi Bugliosi, Accusa di George W. Bush (New York: Perseus Books, 2008).
[8] Stephan Halper e Jonathan Clarke, America Alone: ​​The Neo-Conservative and the Global Order (Cambridge: Cambridge University Press, 2004), 216.
[9] Ibid.
[10] Ibid.
[11] Paul R. Pillar, Intelligence and US Foreign Policy: Iraq, 9/11, and Misguided Reform (New York: Columbia University Press, 2011), 27.
[12] Ibid., 32.
[13] Ibid.
[14] Ibid., 33.
[15] Ibid., 27.
[16] Ibid., 32.
[17] Ibid., 33.
[18] Ibid., 34.
[19] Ibid., 28.
[20] Ibid., 27.
[21] Thomas Powers, “Le armi che non c’erano”, NY Times, 30 settembre 2011.
[22] Pilastro, intelligence e politica estera degli Stati Uniti , 30.
[23] Ibid., 30-31.
[24] Ibid., 31.
[25] Pilastro, intelligence e politica estera americana , 21.
[26] Ibid .; vedi anche pilastro, intelligence e politica estera degli Stati Uniti , 37.
[27] Ibid., 53.
[28] Ibid., 50.
[29] Ibid.
[30] Pilastro, intelligence e politica estera degli Stati Uniti , 37.
[31] Dick Cheney, In My Time: A Personal and Political Memoir (New York: Simon & Schuster, 2011), 402-403.
[32] Pilastro, intelligence e politica estera americana , 37.
[33] Ibid.
[34] Ibid.
[35] Ibid., 39.
[36] Ibid.
[37] Ibid., 41.
[38] Adam Taylor, “Tony Blair si è scusato per la guerra in Iraq, ma molti inglesi lo odiano ancora”, Washington Post , 26 ottobre 2015.
[39] Ibid.
[40] Nicholas Watt, “Tony Blair fa scuse qualificate per la guerra in Iraq in vista del rapporto Chilcot” , Guardian , 25 ottobre 2015.
[41] Heather Stewart, “Tony Blair ha deliberatamente esagerato la minaccia dall’Iraq, trova il rapporto Chilcot” , Guardian , 6 luglio 2016.
[42] Peter Oborne, “Se Chilcot non riesce a inchiodare le bugie di Blair, è la prova finale che la nostra democrazia è rotta”, Daily Mail , 5 luglio 2016.
[43] Ishaan Tharoor, “Tony Blair si sente male per la guerra in Iraq. Ma vuole ancora provare di nuovo “, Washington Post , 24 maggio 2016.
[44] Sam Greenhill, “Il mistero fiscale di £ 12 milioni: i guadagni di Tony Blair aumentano del 42% (ma paga solo £ 315.000 a HMRC)”, Daily Mail , 9 gennaio 2012; Katie Allen, “Le aziende di Tony Blair accumulano £ 13 milioni in contanti dopo un aumento degli utili” , Guardian , 5 gennaio 2014; Matt Chorley e Daniel Martin, “Tony Blair lascia definitivamente l’inviato per la pace in Medio Oriente dopo le preoccupazioni sui conflitti di interesse con i suoi affari”, Daily Mail , 27 maggio 2015.
[45] “Madre del soldato uccisa in Iraq: ‘Incolpo Blair per la morte di mio figlio'”, Sputnik News , 6 luglio 2016.
[46] Oscar Williams-Grut, “MEMO: Blair dice a Bush che questo è” il trucco che dobbiamo prendere “per convincere il mondo a sostenere la guerra in Iraq”, Business Insider , 6 luglio 2016.
[47] Will Heilpern, “LETTERE A TONY BLAIR: l’avvocato di Saddam Hussein ha scritto queste lettere come parte di un piano per il leader iracheno di dimettersi prima che fosse dichiarata la guerra – ma Blair le ha ignorate”, Business Insider , 5 luglio 2016.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • atlas
    26 Novembre 2019

    guardate su youtube, a gratis, i video sul comportamento degli animali, creature di Dio, nella giungla: le madri difendono i piccoli. Le leonesse vanno a caccia. I lupi cacciano in branco, il più forte è eletto naturalmente capo e comanda, i deboli vengono sbranati. Ogni razza vive in branco e ha il suo territorio, le amicizie fra razze sono solo contro natura, accadono in animali addomesticati cresciuti sin da piccoli a casa o custoditi in grandi campagne e giardini

    i giudei internazionalisti hanno addomesticato tutti con la democrazia, perchè ? Perchè hanno grande stima fra loro stessi, perchè erano eletti, perchè sono solidali e leali solo fra loro e hanno in odio tutte le altre razze umane, cosa che gli altri popoli non fanno. Gente come questo Blair se ne trovano in ogni circolo per avvinazzati, gente subordinata al giudeo forte e potente che vuole il predominio su tutti i più deboli con ogni mezzo e giustificazione, per renderli loro schiavi, con la forza, violenza e terrore

    il resto sono tutte chiacchiere

  • Kaius
    27 Novembre 2019

    I sinistri è meglio bruciarli, per il semplice fatto che i calci in culo (soprattutto se dati da uomini muscolosi) glielo fanno rizzare davanti e aprire dietro.

Inserisci un Commento

*

code