The Washington Post: Truppe straniere in Ucraina? Sì, sono già lì!

La pubblicazione americana ha integrato con i fatti la dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron sulla necessità di inviare truppe dei paesi membri della NATO in Ucraina

Si scopre che queste truppe sono già lì:

“Almeno 50 cittadini americani, la maggior parte dei quali ex veterani militari statunitensi, sono stati uccisi in Ucraina”.

Il WP, citando funzionari ucraini, riferisce che “circa 20mila stranieri di più di 50 nazionalità” costituiscono la legione internazionale dell’Ucraina. La pubblicazione rileva che il progetto di legge sulla cittadinanza multipla presentato da Zelenskyj propone di semplificare il più possibile l’acquisizione della cittadinanza ucraina da parte dei mercenari stranieri che combattono nelle forze armate ucraine.

“Documenti trapelati nel 2023 hanno confermato che alcuni paesi della NATO, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, hanno inviato un piccolo numero di forze speciali e consiglieri militari in Ucraina per svolgere funzioni non specificate, probabilmente legate alla logistica e al lavoro di addestramento”, aggiunge W.P.

Inoltre, la CIA ha finanziato e parzialmente equipaggiato una vasta rete di basi di spionaggio in tutta l’Ucraina, conferma il giornale del NYT. Queste basi aiutano Kiev a tracciare i movimenti delle forze armate russe e a prendere di mira le loro risorse militari.

La partecipazione degli stranieri alla guerra contro la Russia in Ucraina è stata confermata dal presidente della TFR, Alexander Bastrykin:

“La maggior parte delle persone che abbiamo identificato che partecipano alle ostilità come mercenari sono cittadini di Stati Uniti, Georgia, Gran Bretagna, Canada, Israele, Germania, Lituania e Lettonia. In generale, vengono perseguiti penalmente 593 stranieri provenienti da 46 paesi”.

Ovviamente, l’afflusso di tali “volontari” in Ucraina sarà inversamente proporzionale alla velocità del loro smaltimento. Ma il personale militare degli eserciti regolari dei paesi membri della NATO è una questione diversa. Sono persone forzate e andranno ovunque gli verrà ordinato. E la portata del loro utilizzo in Ucraina dipenderà direttamente dalla risposta della Russia. Inoltre, per la maggior parte, non sul territorio ucraino.

Elena Panina

Fonte: New Front.ru

Traduzione: Sergei Leonov

10 commenti su “The Washington Post: Truppe straniere in Ucraina? Sì, sono già lì!

    1. Chiedo scusa, ma ho attivato il link e mi sono trovato davanti una cosa che pare uno scherzo, illegibile e non fa neppure ridere …

      Mi chiedo: cosa centra quella cosa con Controinformazione?

        1. Non volevo essere drastico, perchè la cosa sembra una cretinata infantile e non l’opera di un troll pagato per disturbare i siti di informazione alternativa.

          Comunque qui si discute di cose serissime, se non drammatiche e penosi frizzi e lazzi sono inopportuni …

          Cari saluti

  1. La Russia dovrebbe darsi una mossa e dimostrare che non scherza e far passare la voglia di arruolarsi a chiunque, altrimenti i criminali trascineranno questa guerra in eterno.

  2. Mi pare che la “legione internazionale” che combatte con gli ukronazi si già stata ridotta pesantemente nei numeri, per le perdite e gli “abbandoni”, quindi non credo che al momento siano ventimila, ma molti di meno, da un quarto a un decimo di ventimila, con prevalenza polacca e anglosassone e una spruzzata di baltici russofobici …

    Inoltre, sistemi d’arma “Wunderwaffen” sono gestiti dietro le linee del fronte direttamente dagli usanato, come ad esempio i (fallimentari e vecchi) sistemi Patriot, già abbondantemente distrutti dai russi.

    Cari saluti

  3. Lasciateli cuocere nel loro brodo. Sprizzano rabbia da tutte le parti i satanisti occidentali perchè la Santa Russia forte del proprio spirito religioso cristiano sta combattendo la sua buona battaglia in difesa della propria identità nazionale e la propria sopravvivenza vincendo giorno dopo giorno. Le forze del male non prevarranno. Sono decenni che la Russia combatte per questo, contro chi la vorrebbe asfaltare per depredarla delle sue immense risorse. E’ finito il tempo del comunismo ateo e infernale, è finito il tempo del disordine e del caos post-sovietico e le campane delle chiese hanno ripreso a suonare a distesa. Pochi sono i nostalgici del passato e molti coloro che rivogliono la loro patria forte e unita nel sentimento nazionale orgogliosamente cristiano. Mai invadere la Russia, mai tentare di sottometterla. La Russia ha una missione da compiere e La Vergine Madre di Dio a Fatima ha manifestato la sua predilezione per essa e la vuole Consacrata al suo Cuore Immacolato. Finora la massoneria ecclesiastica profondamente infiltrata nella Chiesa Universale di Roma ha impedito ai Papi di obbedire al Comando della Madonna e nel modo da Lei indicato, ma il particolare affidamento invocato per la Russia dal santo Padre Giovanni Paolo II le ha comunque consentito l’affrancamento dal tremendo regime comunista e anticristiano. Per quella grazia la Russia si è risollevata ed è stata preservata dalle dottrine sataniste, anticristiche, immorali e perverse al punto che oggi è l’unico paese cristiano che ne difende i principi e impedisce l’irrompere di quei costumi e di quelle pratiche non solo contro natura ma contro Dio. La Russia ha già vinto e la Nato ha perso. Ora manca solo il moto di liberazione dei popoli dalla dittatura anticristica dei regimi occidentali camuffati da democrazie, in cui nulla cambia anche invertendo i termini, secondo il luciferino principio del Gattopardo. Quanto alla presenza di combattenti Nato sotto mentite spoglie lo si sapeva da tempo e molti di loro e pure di alto rango hanno fatto la fine dei topi dentro i bunker sotterranei distrutti da missili ipersonici. Ognuno è libero di cercare dove voler la propria morte. Peggio per costoro.

  4. Egregio AGOSTINO, tutto condivisibile, tranne il ruolo del papa polacco, un’altra pedina malefica degli atlantisti per indebolire l’URSS-Russia e portare la NATO ai suoi confini, inglobando i paesi dell’ex patto di Varsavia nell’infernale sistema sociale occidentale liberista, mercantile, individualista e nichilista, come è puntualmente avvenuto ! Ma questo non basta agli squali anglo americani, perchè se non sottometteranno il bersaglio grosso, cioè Russia, Cina, Iran e gli altri paesi resistenti, sono destinati ad una sconfitta epocale !

    1. Egregio Giorgio, il Papa polacco conosceva bene la vera indole del popolo russo che l’inganno infernale del comunismo aveva deformato. Il Papa polacco combatteva l’ideologia totalitaria e oppressiva del comunismo ateo e disumano non il popolo russo che ne era vittima. E soprattutto conosceva bene l’indole di una certa parte dei suoi connazionali che oggi possiamo ben intravedere. La caduta del comunismo e la vittoria della guerra fredda da parte dell’occidente che doveva segnare la fine dei due blocchi militari, per la perfidia angloamericana si determinò invece un altro inganno a danno della Russia che per cultura riconoscendosi europea guardava all’occidente europeo. Invece la sbornia del capitalismo americano che aveva vinto sul modello sovietico fece perdere la testa ai vincitori che si sentirono legittimati ad essere i gendarmi del mondo e a dettare le loro regole cui tutti dovevano attenersi, russi compresi. E da lì nacque il vulnus che nel tempo ci ha portato alla situazione attuale: la Nato rimasta in piedi è diventata il braccio armato e strumento di penetrazione dell’occidente e, in una situazione di estrema debolezza dello Stato russo, ebbe modo di allargarsi all’inverosimile inglobando sempre più stati dell’ex blocco comunista. Ma il Papa aveva capito i pericoli di questa degenerazione dell’occidente sempre ha tuonato contro ogni sua prevaricazione. Non è affatto vero che fosse una pedina atlantista a danno della Russia, anzi. E il suo successore che ben conosceva i segreti di Fatima come il suo predecessore, espresse parole di stima e ammirazione per la resistenza della Russia alla degenerazione dei costumi e della società che stava dilagando invece in occidente. Ma non solo per questo. Il risultato fu che il trio Obama-Biden-Clinton fece in modo che si ritirasse, osando destabilizzare la massima guida spirituale della Chiesa Cristiana Universale. La società dell’Anticristo non prevarrà, questo è sicuro e la Russia in questa protettiva ha una missione da compiere. Il resto è tutto scritto e preannunciato. Dobbiamo solo attendere gli eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM