The National Interest: il caso Khashoggi complica la politica statunitense in Siria

Fino ad allora, tutto sembrava andare bene per il piano di Trump in Siria e per il ruolo di Riad nella politica generale iraniana finché Khashoggi non è scomparso.

Il caso Khashoggi complica la politica di Trump in Siria e modifica i calcoli su un alleato chiave degli Stati Uniti nella regione: l’Arabia Saudita. Secondo un’ampia analisi pubblicata sul sito web di ‘The National Interest’, l’Arabia Saudita ha promesso 100 milioni di dollari ad agosto per sostenere l’ampia categoria di sforzi di “stabilizzazione” nella Siria orientale.

A tal fine, il Syria Transition and Response Team, noto come START, sta coordinando una serie di sforzi sotto il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Washington sta approfondendo la sua partecipazione, un anno dopo l’occupazione di Raqqa Gli Stati Uniti vogliono anche confrontarsi con l’Iran, e la Siria orientale fornisce una certa influenza per una politica più ampia in tutta la regione. Con le sanzioni in vigore il prossimo 4 novembre, Washington vuole vedere i suoi partner e alleati dalla stessa parte. Pagare un’infrastruttura che aiuti a puntellare la stabilità e un ruolo costante per gli Stati Uniti nella Siria orientale sembrava essere un obiettivo al quale Riad e Washington avevano lavorato insieme.

John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha dichiarato a Gerusalemme ad agosto che mentre sconfiggere l’ISIS era uno degli obiettivi, preoccuparsi della “presenza delle milizie iraniane e delle forze regolari” ne era un’altra. In questo senso, gli Stati Uniti hanno cercato di ridurre i fondi per la Siria orientale e incoraggiare l’Arabia Saudita a fare di più. Secondo il parere di National Interest, ciò significa esternalizzare la parte finanziaria della Siria orientale a Riad, mentre gli Stati Uniti mantengono sul campo forze militari e addestrano la SDF(Forze democratiche siriane a maggioranza curde) a fare il resto. La fonte ha ricordato che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto al re saudita Salman fino a 4 miliardi di dollari per la Siria orientale nel dicembre 2017.

Fino ad allora, tutto sembrava andare bene per il piano di Trump in Siria e per il ruolo di Riad nella politica generale iraniana finché Khashoggi non è scomparso. Ora, le relazioni tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita sono in crisi con gli appelli al Congresso per ridurre le vendite di armi o punire Riad. Nel bel mezzo della crisi, l’Arabia Saudita ha trasferito tranquillamente 100 milioni di dollari per la Siria orientale, secondo il New York Times. D’altra parte, la Turchia sta discutendo il modo migliore per perseguire il caso di Khashoggi, compresa la pressione esercitata su Riad e Washington.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e la Turchia erano estremamente tesa prima del caso Kashoggi, ma il ritorno del pastore Andrew Brunson e chiamate frequenti tra alti funzionari danno ad Ankara la possibilità di premere su Washington affinché l’appoggi. Manbij è un posto dove la Turchia vuole pattuglie congiunte. Ankara si è opposta al rapporto degli Stati Uniti con le Unità di protezione popolare curde (YPG), che sono una componente del SDF.

Il quotidiano turco Sabah, che riflette la posizione del governo, ha riferito il 4 ottobre scorso che le YPG sarebbero state ritirate da Manbij dopo l’ingresso delle pattuglie congiunte. Li ha definiti “terroristi YPG” e l’ala siriana del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).Inoltre, i media turchi a favore del governo hanno caratterizzato l’addestramento delle forze di sicurezza nella Siria orientale negli Stati Uniti come un “esercito terrorista del PKK”. A sua volta, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che gli Stati Uniti stavano “costruendo un esercito del terrore” lo scorso gennaio.

Secondo National Interest, questo presenta un dilemma. I partner statunitensi in Siria sono visti dalla Turchia come nemici, mentre Washington e Ankara cercano pattuglie congiunte. Allo stesso tempo, l’Arabia Saudita è nel mezzo di una crisi nel momento preciso in cui vengono applicate le sanzioni dell’Iran e gli Stati Uniti vogliono più finanziamenti da Riad nell’est della Siria. Entrambi i dilemmi forniscono la leva della Turchia e dell’Arabia Saudita.

Tuttavia, gli Stati Uniti potrebbero anche chiedere maggiore sostegno all’Arabia Saudita in cambio della sua alleanza e richiedere le concessioni della Turchia in cambio di esenzioni dalle sanzioni statunitensi sull’Iran. Questo è possibile dal momento che il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha dichiarato il 24 ottobre scorso che Ankara vuole delle esenzioni. Lo sviluppo della campagna contro l’ISIS nella Siria orientale con l’obiettivo di rimanere in quel paese fino alla riduzione della presenza iraniana è diventata una politica centrale dell’amministrazione Trump.

La sfida principale per il resto dell’anno è quella di chiarire i dettagli su come farlo con il supporto del Golfo, compresi gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain e l’Arabia Saudita, bilanciando le richieste turche.

Fonte: The National Interest

Inserisci un Commento

*

code