Testare le linee rosse della Russia potrebbe diventare un esperimento fatale


Potremmo scoprire di essere andati troppo oltre, solo dopo esserci trovati in conflitto diretto con Mosca, non prima.
Scritto da
George Beebe e Suzanne Loftus

Quali azioni americane in Ucraina potrebbero innescare un attacco russo diretto contro gli Stati Uniti o i suoi alleati? Questa è una domanda critica, poiché sbagliare la risposta potrebbe portare a una spirale di escalation che conduce alla guerra nucleare. Pochi metterebbero in discussione il fatto che non esiste un imperativo più importante per la sicurezza degli Stati Uniti e l’Europa che prevenire l’Armageddon.

Per molti nell’amministrazione Biden, il modo migliore per scoprire una risposta a questa domanda è stato sperimentare. Washington ha gradualmente aumentato nel tempo la sofisticazione e la letalità delle armi che sta fornendo all’Ucraina, valutando a ogni nuova consegna discreta se eventuali ritorsioni russe prenderanno di mira l’Occidente.

Man mano che l’assistenza americana si è spostata dalle armi anticarro ai carri armati M1A1 Abrams, Leopard e dai missili di superficie e aria a spalla alle batterie di difesa aerea Patriot, l’amministrazione Biden è diventata sempre più convinta che le “linee rosse” del Cremlino in Ucraina non siano nettamente disegnate come una volta temuto.
Nonostante la sua retorica minacciosa, la Russia non ha mostrato alcun desiderio di uno scontro diretto con la NATO. Secondo un recente rapporto del Washington Post , il segretario di Stato Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan sono entrambi giunti alla conclusione che i benefici di un sostegno militare americano sempre più audace all’Ucraina superino i potenziali rischi. Questa crescente fiducia ha spinto Biden a revocare i suoi precedenti rifiuti di fornire anche aerei da combattimento F-16 alle forze ucraine.

Per molti osservatori, questo approccio graduale alla verifica dei limiti della tolleranza russa è ragionevolmente prudente. Ma soffre di un difetto potenzialmente fatale. Le linee rosse di una nazione – quelle per cui andrà in guerra a difendersi – non sono sempre statiche. Possono cambiare nel tempo, a seconda delle mutevoli fortune militari e delle pressioni politiche interne del momento. Le azioni di un avversario che potrebbero essere sopportabili in una serie di circostanze possono diventare del tutto intollerabili in un’altra. È probabile che scopriremo di essere andati troppo oltre solo dopo esserci trovati in uno scontro diretto con la Russia, non prima.

Il successo nell’avvicinarsi con cautela alle linee rosse russe dipende anche da una variabile che controlliamo solo vagamente: le stesse azioni militari dell’Ucraina. Nonostante le ripetute ammonizioni statunitensi contro gli attacchi diretti alla Russia, gli ucraini hanno iniziato a colpire il territorio russo attraverso attacchi di droni e incursioni di terra, in alcuni casi utilizzando armi fornite dalla NATO .
Con i missili Storm Shadow a lungo raggio che il Regno Unito ha recentemente fornito, per non parlare degli aerei da combattimento F-16 in cantiere, l’Ucraina avrà una capacità ancora maggiore di attaccare oltre il confine russo.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano valide ragioni per evitare il coinvolgimento diretto nella guerra contro la Russia, gli ucraini potrebbero credere che coinvolgere Mosca in uno scontro con l’esercito americano sia la loro migliore speranza di vittoria. Un approccio americano per prevenire l’escalation basato sulla rigida disciplina ucraina sembra sempre più imprudente.

Missili Russi contro la Nato ?

Come potrebbe essere l’escalation russa? Fortunatamente, probabilmente non inizierebbe con l’uso di armi nucleari tattiche. La più ampia strategia geopolitica di Putin dipende fortemente dal corteggiamento di Cina, India, Brasile e altri attori non occidentali. Attraversare preventivamente la soglia nucleare provocherebbe una condanna quasi universale, rendendo la Russia un virtuale paria a livello internazionale.

Ma Mosca ha una serie di opzioni diverse dalla prevenzione nucleare che causerebbero comunque gravi danni agli Stati Uniti e alla NATO. Gran parte dello sforzo bellico ucraino dipende dai sistemi di comunicazione, ricognizione e guida americani basati sullo spazio che sono vulnerabili agli attacchi russi. La Russia ha evidenziato questa capacità nel novembre 2021 , quando ha distrutto uno dei suoi satelliti in orbita con un missile intercettore a terra, una dimostrazione che quasi certamente era intesa come un avvertimento per gli Stati Uniti mentre le tensioni sull’Ucraina aumentavano. Anche se Mosca si aspetterebbe una reciprocità occidentale, la Russia è molto meno dipendente dai sistemi spaziali rispetto agli Stati Uniti.

Ci sono poche ragioni per credere che Washington o Mosca possano contenere la crisi che ne deriverebbe. I livelli di fiducia tra i due governi sono ai minimi storici. Putin è sotto la crescente pressione dei critici nazionalisti, i quali sostengono che il suo fallimento nel contrattaccare l’Occidente ha solo incoraggiato un sostegno militare più minaccioso per l’Ucraina. La strategia di logoramento del Cremlino di ridurre lentamente la capacità di guerra dell’Ucraina è stata progettata per ottenere la vittoria senza combattere direttamente la NATO, ma dipende dalla pazienza del popolo russo, che potrebbe esaurirsi se l’Ucraina continua a colpire il territorio russo.

A sua volta, Biden deve affrontare la pressione dei falchi di Washington e degli alleati dell’Europa orientale convinti che opporsi a Mosca produrrà concessioni russe piuttosto che un’escalation.

Bombardiere russo Tupolev 160 M, attaccherà le basi Nato?

In questo contesto, un approccio sperimentale per testare le linee rosse della Russia è una formula per lo scorrimento della missione e una spirale verso la guerra tra le due maggiori potenze nucleari del mondo. Dovremmo ricordare che l’invasione della Russia è iniziata circa due mesi dopo che Biden ha dichiarato sul prato della Casa Bianca nel dicembre 2021 che non avrebbe “accettato le linee rosse di nessuno”, e Washington ha successivamente respinto la richiesta di Putin di rinunciare all’adesione alla NATO per l’Ucraina. Con l’offensiva in Ucraina, Putin ha già dimostrato la volontà di sostenere la retorica con la forza, anche se finora si è astenuto dall’attaccare direttamente la NATO.

Piuttosto che indagare per scoprire quanto possiamo farla franca in Ucraina, dovremmo concentrarci su ciò che è vitale per la sicurezza nazionale americana. Prevenire l’escalation in una guerra diretta con la Russia è di gran lunga il nostro interesse più impellente. Garantire che la Russia non soggioghi nuovamente l’Ucraina è importante e realizzabile senza fornire all’Ucraina nuove capacità offensive potenzialmente provocatorie.

Al contrario, consentire la riconquista della Crimea da parte dell’Ucraina, perseguire i leader russi per crimini di guerra e indebolire l’esercito russo può essere auspicabile in astratto, ma questi obiettivi sono tangenti alla sicurezza americana e premere per raggiungerli aumenterà inevitabilmente i rischi di escalation.

Washington potrebbe ritenere che testare l’appetito della Russia per la guerra con gli Stati Uniti sia una buona politica. Ma abbiamo opzioni migliori. Ora è il momento di combinare un misurato sostegno difensivo all’Ucraina con un’offensiva diplomatica per porre fine ai combattimenti prima che si intensifichino al di fuori del nostro controllo. Il popolo americano dovrebbe insistere su questo.

Nota: L’analisi ed il ragionamento degli analisti che hanno scritto questo articolo si basa su un presupposto: che i neocons che decidono la politica di Washington siano persone perfettamente razionali. Purtroppo questo non corrisponde alla realtà. Nella pratica si tratta di un gruppo di fanatici imbevuti della ideologia suprematista che vogliono fermamente andare fino in fondo nel progetto di distruggere la Russia, costi quello che costi. Non a caso appartengono tutti alla stessa setta. Di conseguenza possiamo aspettarci il peggio, grazie anche alla totale sudditanza dell’Europa e degli altri alleati. In particolare di personaggi come Sholz, Macron, Giorgia Meloni e della Von der Leyen, totalmente eterodiretti da questa consorteria di fanatici.

Fonte: responsiblestatecraft.org/

Traduzione e nota: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM