Terroristi ed Elmetti Bianchi pronti per la “provocazione” con il gas su Idlib

I terroristi e gli elmetti bianchi si sono incontrati in Idlib per prepararsi all’attacco finale di “false flag”  chimica: il MoD russo.

L’esercito russo ha ottenuto dati “irrefutabili” che gruppi terroristici, tra cui Jabhat al-Nusra, e gli infami elmetti bianchi si sono incontrati domenica nella provincia di Idlib, secondo il portavoce del ministero, Igor Konashenkov.
I miliziani hanno tracciato gli scenari finali per gli attacchi chimici che dovrebbero essere imputati  all’esercito siriano nelle città di Jisr ash-Shugur, Serakab, Taftanaz e Sarmin, come l’esercito russo ha rivelato.

“La piena disponibilità di tutti i partecipanti coinvolti nella messa in scena delle provocazioni è assicurata dalla sera dell’8 settembre”, ha dichiarato Konashenkov. Ha aggiunto che i terroristi riceveranno un segnale “speciale” da alcuni “amici stranieri della rivoluzione  anti-siriana” per avviare l’operazione.

La dichiarazione arriva dopo i precedenti avvertimenti di Mosca che i miliziani si stanno preparando a organizzare un attacco chimico nella provincia siriana per dare alla coalizione occidentale un pretesto per colpire la Siria. Ad agosto, il Ministero della Difesa ha detto che otto contenitori di cloro erano stati consegnati in un villaggio vicino alla città di Jisr al-Shughur, e che un gruppo di miliziani addestrati all’estero era arrivato nell’area per simulare un’operazione di salvataggio dopo l’attacco.

Elmetti bianchi e terroristi: stesse persone

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ripetutamente sottolineato la loro disponibilità a colpire la Siria in caso di attacco, ignorando tutti gli avvertimenti della Russia. L’inviata di Washington all’ONU Nikki Haley ha recentemente dichiarato di conoscere già in anticipo i perpetratori in caso di incidente chimico in Siria. Una vera “preveggente”, hanno commentato gli osservatori russi all’ONU.

Alla fine di agosto, le forze americane hanno schierato il cacciatorpediniere lanciamissili USS “Ross” nel Mediterraneo e l’altra unità navale,  “Sullivan” degli Stati Uniti nel Golfo Persico. La preparazione delle forze militari statunitensi è stata indicata  dalla Russia, con il ministero della Difesa che ha definito la mossa “l’ultima prova dell’intenzione degli Stati Uniti” di approfittare di un attacco di “false flag”.

Venerdì scorso, i leader dei tre paesi coinvolti nel cosiddetto “processo di Astana”, il turco Recep Tayyip Erdogan, il russo Vladimir Putin e l’iraniano Hassan Rouhani, si sono incontrati a Teheran per discutere della situazione a Idlib e nel resto della Siria. Tutti e tre hanno concordato sul fatto che gli islamisti radicali rappresentano una minaccia per la Siria, ma non vi è stato alcun sostegno unanime per una grande offensiva nell’ultima roccaforte dei terroristi. Il documento finale del summit ha invitato tutti i gruppi armati di Idlib a deporre le armi ea cercare una transizione politica nel paese.

Gli USA sono decisi ad impedire ad ogni costo che cada l’ultima roccaforte dei terroristi da loro sostenuti nel nord della Siria. Per questo hanno studiato una provocazione che fornisca loro il pretesto per un bombardamento contro le forze siriane. Questo si scontra tuttavia con la determinazione russa nel sostenere l’offensiva delle forze siriane ad Idlib che è testimoniata dallo schieramento preventivo di una grande flotta navale russa nel Mediterraneo orientale a protezione e difesa della Siria.

Fonti:   Press Tv  Russia Insider

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

 

8 Commenti

  • Idea3online
    9 Set 2018

    Passeranno anni e decenni prima che odieranno la Meretrice, intanto tutto il Pianeta segue le sue direttive, l’ONU e tutte le Organizzazioni Umanitarie non vedono, non sentono e non parlano, gli USA sono un Impero potentissimo, possono fare cosa vogliono, possono colpire con l’inganno addossando le colpe, se non fosse che Dio limiti e limiterà la sua influenza nessuno potrebbe fermare la Grande Signora. La Russia che è Impero potente non riesce ad evitare gli attacchi contro la Siria, con tutte le prove disponibili, gli USA possono tutto, è sotto gli occhi di tutti che nessuno può fermarli.

    • pesce ernesto
      9 Set 2018

      Egregio Signor Idea3online.
      Hai oltrepassato la linea rossa.E hai esagerato nell’adulare gli USA. In Vietnam abbiamo visto la loto vera natura “TIGRE DI CARTA.

      «L’adulazione non viene mai dalle anime grandi, è appannaggio degli spiriti piccini, che riescono a rimpicciolirsi ancor più per meglio entrare nella sfera vitale delle persone intorno a cui gravitano »
      (Honoré de Balzac)

    • PESCE ERNESTO
      9 Set 2018

      Egregio Signor Idea3online.
      Hai oltrepassato la linea rossa.E hai esagerato nell’adulare gli USA. In Vietnam abbiamo visto la loto vera natura “TIGRE DI CARTA.

      «L’adulazione non viene mai dalle anime grandi, è appannaggio degli spiriti piccini, che riescono a rimpicciolirsi ancor più per meglio entrare nella sfera vitale delle persone intorno a cui gravitano »
      (Honoré de Balzac)

  • Mardunolbo
    10 Set 2018

    Spero profondamente che questa volta, la Russia non si limiti ad indicare alla contraerea siriana i missili in arrivo, ma li intercetti e crei gravi difficoltà alla flotta dei criminali pronti al lancio per devastare ancora la Siria !
    Mi auguro che Putin decida una buona volta di fermare in ogni modo l’attacco che si sta delineando da parte dei SOLITI criminali, inviati dai soliti centri di potere.
    E Trump ,il biondino dal genero giudeo, cosa farà ?

  • bazil
    10 Set 2018

    MSM preparing the ground:
    http://www.foxnews.com/world/2018/09/10/syrias-assad-approves
    -gas-attack-in-idlib-despite-warning-report-says.html

Inserisci un Commento

*

code