Terrorismo e “Valori” Francesi

placeholder

di Kim Petersen

Ci sono stati alcuni orrendi e spregevoli omicidi da parte di estremisti mussulmani in Francia. Tali uccisioni devono essere condannate.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha giocato la carta della vittima, dicendo che la Francia “non cederà al terrorismo”. Eppure, quando la Francia del 21 ° secolo si è impegnata in avventure militari d’oltremare, altrimenti note come terrorismo di stato, in luoghi con grandi popolazioni musulmane – paesi che non hanno mai attaccato la Francia – come Afghanistan, Costa d’Avorio, Burkina Faso, Ciad, Somalia, Libia, Mali settentrionale, Iraq, Siria e Yemen, allora cosa aspettarsi? Può essere che la Francia si impegni nel militarismo all’estero e non si aspetti alcun contraccolpo sul suolo francese? Non si deve condannare forse anche il terrorismo francese?

Soldati francesi in Mali

Il presidente francese, assalito e impopolare, ha colto il pretesto delle orrende uccisioni per denunciare il terrorismo e ha difeso i “valori francesi”, come la libertà di parola. [1]
Ancora una volta la controversa pubblicazione Charlie Hebdo ha provocato una risposta letale.
La pubblicazione di vignette che diffamano il profeta Maometto, come qualsiasi persona indiziata avrebbe potuto facilmente prevedere, ha suscitato accese proteste musulmane.
Queste vignette provocatorie sono difese come libertà di parola. Sono a favore della difesa del diritto alla libertà di parola. Non sono a favore del discorso stupido, discorso progettato per sminuire e incorrere nell’ira di un particolare gruppo. Certamente metterei in guardia contro la libertà di dire ciò che si vuole sapendo che si tradurrà in violenze e morti.

Ma i francesi, soprattutto i lorpo rappresentanti politici, sono ipocriti. Se la libertà di parola consente di deridere i dogmi di una religione, allora quel diritto di impugnare deve essere consentito a tutte le religioni. Prendiamo il caso del comico francese Dieudonné. È stato condannato in tribunale otto volte per aver sconvolto il sentimento ebraico e di conseguenza è stato sottoposto a espulsione da molti luoghi in cui normalmente esercitava il suo mestiere.

Il comico francese Dieudonnè, condannato più volte al carcre e multato per aver fatta satira su dogmi della religione ebraica

Molti anni prima, il professor Robert Faurisson , un estremo scettico della tipica narrativa dell’Olocausto (un dogma del mondo ebraico), fu colpito da procedimenti giudiziari, fu multato e perse il lavoro. Questo è rispetto per la libertà di parola? Il professor Noam Chomsky ha subito un contraccolpo per aver sostenuto la libertà di parola nel caso di Faurisson. Chomsky sosteneva: “… è stato per anni, anzi secoli, una verità lapalissiana che è proprio nel caso di idee orrende che il diritto alla libertà di espressione deve essere difeso con la massima forza; è abbastanza facile difendere la libertà di espressione per coloro che non richiedono tale difesa “. [2]

Truppe francesi in Siria

Per quanto riguarda la Francia che difende le libertà, osserva The Times of Britain ,

Le autorità francesi sono state accusate di “molestie giudiziarie” in un dannoso rapporto di Amnesty secondo cui più di 40.000 persone sono state condannate durante le manifestaziponi dei “gilet jaune” (giubbotto giallo) e le proteste per la riforma delle pensioni nel 2018 e 2019 “sulla base di leggi vaghe” volte a limitare i loro diritti all’assemblea pacifica e alla libertà di espressione.

Il controverso mezzo di comunicazione Charlie Hebdo non parla né della libertà di espressione né della parola. Ha licenziato un fumettista per presunto antisemitismo. [3] A prima vista, Charlie Hebdo segnala che l’islamofobia è kosher , ma la giudeofobia è haram .
Macron ha detto che “la Francia è sotto attacco”. [4] Afghanistan, Costa d’Avorio, Burkina Faso, Ciad, Somalia, Libia, Mali settentrionale, Iraq, Siria e Yemen non erano sotto attacco quando i francesi hanno inviato le loro soldati e armi in questi paesi? [5]

Kim Petersen è un ex co-editore della newsletter di Dissident Voice. Può essere contattato a: kimohp@gmail.com . Twitter: @kimpetersen .

Macron abbraccia il noto principe saudita criminale, Mohammed Bin Salman

Appunti

1)Agence France-Presse, “ ‘Nous ne cèderons rien’ sur les valeurs françaises, assure Macron ” TVA Nouvelles , 29 ottobre 2020.
2)Noam Chomsky, ” Some Elementary Comments on The Rights of Freedom of Expression “, apparso come prefazione a Robert Faurisson, Mémoire en défense , 11 ottobre 1980.
3)Vedi “ ‘Charlie Hebdo’ condamné pour le licenciement abusif du dessinateur Siné ”, Le Monde , 10 dicembre 2009.
“Attentat de Nice – ‘La France est attaquée’, 7000 militaires déployés, les églises et les écoles sous monitoring: ce qu’il faut retenir des annonces d’Emmanuel Macron” L’Indépendant , 29 ottobre 2020.
Nota che alcuni di questi conflitti del 21 ° secolo sono ancora in corso.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM