Tensione Russia-Usa in una nuova fase: Washington crea una base in Albania

L’esercito americano installerà un posto di comando in Albania per lo spiegamento delle sue forze speciali nei Balcani, ponendo una sfida alla Russia.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, il Comando per le operazioni speciali europee (SOCEUR) dell’esercito americano ha annunciato giovedì che stabilirà una base militare in Albania per aumentare l’efficacia della sua presenza nell’area.

Il maggiore generale David H. Tabor, comandante SOCEUR, ha affermato che l’iniziativa rafforza i partenariati con gli alleati dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) nella regione e “aumenta la flessibilità delle operazioni e delle forze speciali convenzionali nella regione”.

“La capacità di muoversi e addestrarsi rapidamente nei Balcani, in stretto coordinamento con altre forze alleate e associate, ha reso l’Albania il posto migliore per questo sforzo”, ha spiegato.

Secondo una dichiarazione SOCEUR, l’ubicazione del quartier generale in Albania “fornirà una maggiore interoperabilità” con gli alleati albanesi dell’Alleanza Atlantica e “un accesso significativo agli snodi di trasporto nei Balcani e una maggiore flessibilità logistica”.

Cosa sta succedendo nei Balcani?

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno manifestato la loro volontà di rafforzare la propria presenza nei Balcani, in mezzo alla crescente influenza della Russia in questa regione. In effetti, la penisola balcanica è diventata un terreno di gioco di potere nel mondo.
In effetti, Washington mantiene contingenti militari di lunga data in Kosovo, Albania, Bosnia e Macedonia, in risposta alla crescente presenza della Russia nella penisola balcanica che la vede come una minaccia al suo dominio.
Tutto questo mentre Russia e Occidente non hanno superato le tensioni sorte dopo la crisi in Ucraina e l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014, poiché la tensione tra le due potenze si è intensificata con la militarizzazione dell’Europa da parte della NATO e degli Stati Uniti.

Le autorità russe hanno avvertito, in particolare, dell’aumento del militarismo dell’Alleanza Atlantica nei paesi balcanici, misura che il blocco militare occidentale ha approvato nel 2016 nell’ambito di un piano di espansione nell’Europa orientale, che prevedeva il dispiegamento di battaglioni multinazionali in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia, nel quadro di una politica di contenimento russa.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM