"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Tagliamo i lacci che collegano gli USA a Israele

di Philip Giraldi (*)

Ora che il 2017 si è concluso con una lamentela, è possibile guardare in avanti a cosa potrebbe portare il nuovo anno. La Corea del Nord, armata di armi nucleari, è il potenziale punto di infiammabilità per una nuova guerra ma, a meno che il leader Kim Jong-un non sia intenzionalmente disposto a suicidarsi a livello personale e nazionale, è improbabile che Pyongyang intraprenda i passi necessari per innescare un evento del genere.

Molto più pericolosa è la Casa Bianca di Trump, che sembra confondere la sceneggiata con la recitazione intelligente.

Ogni volta che il segretario di stato Rex Tillerson menziona i negoziati, questi viene contraddetto da Nikki Haley o dal presidente che afferma che la diplomazia non ha funzionato, ma la realtà è che l’incenerimento della penisola coreana e la morte di centinaia di migliaia o addirittura di milioni, che tale la guerra potrebbe  inevitabilmente produrre, potrebbe essere questa solo un testa di ponte troppo lontano anche per i generali e gli psicopatici assortiti che sembrano gestire lo spettacolo. Il che significa che a un certo punto i diplomatici, magari in un accordo con la Russia o la Cina, dovranno subentrare. Speriamo così comunque.

E anche gli Stati Uniti si sono sparati sui piedi da soli, per quanto riguarda la Russia, questo si era verificato tutto prima che accadesse un Russiagate guidato politicamente, trasformando Mosca come il nemico scelto, come era una volta durante la Guerra Fredda. In ogni caso, Trump non ha apprezzato il fatto che non è possibile migliorare i rapporti quando si minaccia un interesse vitale proprio di coloro con cui si desidera migliorare i rapporti. Gli Stati Uniti e i loro alleati continuano a condurre esercitazioni militari esattamente ai confini della Russia sotto la falsa ipotesi che il presidente Vladimir Putin sia a capo di una potenza espansionista. La recente decisione di vendere armi offensive all’Ucraina è una mossa che non serve alcun interesse americano e allo stesso tempo minaccia gli interessi vitali di Mosca dal momento che l’Ucraina si trova proprio sulla soglia di casa. È una cattiva mossa che garantisce che i rapporti con la Russia continueranno a essere nel congelamento profondo per il prossimo futuro.

Nota che tutti i principali problemi che l’America sta vivendo rispetto al resto del mondo sono praticamente autoinflitti. Dal mio punto di vista, guardando oltre la Russia e la Corea del Nord, i principali problemi di politica estera dell’America continuano a essere centrati sul Medio Oriente e tutti originano dalla deliberata instabilità generata da Israele, attualmente unita in un’alleanza infernale con l’ex-Arabia Saudita nemica. Tel Aviv (scusami, Gerusalemme) con l’asse di Riyadh sta lavorando duramente per portare una nuova guerra in Medio Oriente come parte del loro piano per far sì che l’esercito degli Stati Uniti distrugga l’Iran come una delle principali potenze regionali.

Si potrebbe ragionevolmente osservare che gli Stati Uniti non hanno alcun interesse vitale in ciò che vuole Israele o l’Arabia Saudita, ma hanno alcuni interessi minori nella regione, che includono di non permettere alla zona di diventare un terreno fertile per gruppi terroristici transnazionali e salvaguardando movimento di prodotti energetici, in modo che non ci sia un aumento dei prezzi che danneggerebbe l’economia statunitense dipendente dall’energia. Questo è tutto, e gli interessi non comprendono né giustificano l’inizio della Terza Guerra Mondiale.

Il problema con Israele è che essa e la sua potente lobby domestica da miliardi di dollari dispone di loro collegamenti così profondamente radicati nel sistema politico americano e nei media nazionali che lo stato ebraico è praticamente a prova di proiettile. Più di recente, abbiamo appreso che Facebook ha eliminato account critici su richiesta del governo israeliano. Nel frattempo, lo stesso governo ha lavorato duramente per far scomparire qualsiasi considerazione sulla Palestina o sui palestinesi, che recentemente ha richiesto con successoche la “National Basketball Association” rimuova un sito web di riferimento alla Palestina, che il ministro dello sport israeliano ha descritto come uno “stato immaginario”. Il commissario della NBA Adam Silver è apparentemente d’accordo. Persino le recenti rivelazioni sui successi che Israele, piuttosto che la Russia, avevano corrotto il Team Trump, hanno prodotto alcune storie su Israelegate prima di scomparire completamente nel buco della memoria.

Israele è stato costantemente in grado di far ballare la gente alla Casa Bianca senza subire gravi conseguenze. Con Donald Trump, si potrebbe anche obiettare che è stato in grado di condizionare il presidente che va in giro alla ricerca di cose da fare per compiacere Benjamin Netanyahu che Israele non ha ancora chiesto. Il trasferimento dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme è uno di questi regali, qualcosa che fa piacere a Israele così tanto che chiamerà una stazione ferroviaria dopo il presidente, ma che non dà altro che problemi gravi agli Stati Uniti e ai cittadini e alle imprese americane all’estero.

Naturalmente, si potrebbe sostenere che Trump ha avuto un aiuto nel prendere la sua decisione. È circondato da ebrei ortodossi e da sionisti cristiani come Mike Pence e Nikki Haley, che sembrano tutti mettere Israele al primo posto, non esattamente una buona formula per “Fare di nuovo l’America grande”. I consiglieri ebrei hanno anche legami finanziari e commerciali per Israele, suggerendo che Robert Mueller potrebbe guardare verso il Medio Oriente se in realtà vuole trovare le interferenze di un governo straniero nella politica degli Stati Uniti.

Per citare solo un recente esempio di come funzionino in pratica la costante pressione per compiacere Israele e minimizzare le sue trasgressioni , l’ambasciatore degli Stati Uniti in Israele David Friedman apparentemente si è imbattuto in un orribile matassa con il Dipartimento di Stato sulla sua politica di riferirsi alla terra palestinese che Israele illegalmente rubato e sistemato come “occupato”. Friedman, un appassionato sostenitore dei coloni fanatici che hanno fatto gran parte delle occupazioni, preferirebbe un aggettivo diverso, forse “migliorato” o “restituita ai proprietari originali”.

E Friedman potrebbe essere considerato poco più di una manovella sionista rispetto a Michael Makovsky, che dirige l’Istituto ebraico per gli affari della sicurezza nazionale (JINSA). Makovsky ed è molto esercitato sulle presunte ambizioni iraniane e vuole contrastarle ridisegnando la maggior parte dei confini in Medio Oriente. Intona “Mantenere la Siria, l’Iraq, il Libano e lo Yemen nelle loro forme esistenti è innaturale e serve gli interessi dell’Iran”. Makovsky vorrebbe scomporre tutti quei paesi nelle loro componenti tribali, etniche e religiose, iniziando con la separazione della regione curda dall’Iraq e spezzando la Siria in tre stati separati. Non dice che non è originale in questo modo di pensare in quanto riflette il piano israeliano Yinon degli anni ’80 e la proposta americana “Clean Break”, scritta da geni come Richard Perle, Doug Feith e David Wurmser e presentata a Netanyahu in 1996. Makovsky inoltre non menziona che se c’è un paese nel Medio Oriente che ha confini artificiali e forti divisioni settarie nell’area che governa su di esso è Israele.

Makovsky e Bibi Netanyahu

E i media sono pienamente complici nel suonare la sviolinata a Israele. Un recente tentativo di collegare Hezbollah al traffico di droga negli Stati Uniti, implicando per procura l’Iran, sembrerebbe una storia completamente inventata. Posso continuare a parlare del motivo per cui l’America per motivi morali non dovrebbe sostenere un regime di apartheid pieno di teppisti razzisti da cima a fondo, guidato da un regime completamente cinico che invia i suoi “soldati” nelle aree palestinesi per sparare alle persone senza gambe e ai bambini, ma infiammerebbe solo gli habaristi che sembrano radunarsi come avvoltoi ogni volta che qualcuno scrive o dice qualcosa di negativo riguardo “l’unica democrazia in Medio Oriente” e “l’alleato più grande e migliore d’America”.

Quando tutto il resto fallisce, i primi sono gli israeliani a ricorrere agli insulti. Domenica scorsa, il Washington Post presentava un annuncio a piena pagina che condannava la cantante pop neozelandese Lorde, il cui crimine era quello di aveva deciso di cancellare uno spettacolo in Israele per motivi politici. L’annuncio, collocato da “Rabbino d’America” ​​Shmuley Boteach, assurdamente chiamato Lorde un bigotto e “ebreo-odiatore”, collegandolo in modo ridicolo il rifiuto all’uccisione di civili in Siria, in virtù del fatto che è disposta a esibirsi in Russia. In effetti, chiunque obietta contro le politiche di Israele o agli strenui sforzi compiuti da individui o gruppi ebraici per promuovere tali politiche , viene automaticamente soprannominato “un antisemita”. Idem per gli americani che si oppongono al denaro dei contribuenti che viene usato per sostenere e sostenere pesantemente i musei dell’olocausto politicamente corretti che sembrano spuntare come funghi in tutta l’America. Coloro che che protestano sono etichettati come “negatori dell’olocausto”.

Per quegli ebrei americani e per i cristiani sionisti che persistono nel loro profondo affetto per Israele e che scelgono di guardare dall’altra parte mentre Israele tortura, uccide, rimuove gli organi umani e ruba, chiedo seriamente di produrci esempi di Israele che faccia davvero qualcosa di buono per gli Stati Uniti e per il popolo americano. Quale beneficio fornisce in cambio della sua costante interferenza nel sistema politico e nell’economia USA cosa restituisce in cambio dei molti miliardi di dollari consegnati dal Tesoro degli Stati Uniti, miliardi in più permessi come “contributi di beneficenza”, e ancora miliardi in più nel forma di progetti di coproduzione e concessioni commerciali?

Qual è il ritorno di Washington per distruggere il suo buon nome proteggendo Israele nei forum internazionali come le Nazioni Unite, come è accaduto in patria da quando Nikki Haley è apparso sulla scena? Quando Israele si è mai scusato o fatto ammenda per la sua forma di spionaggio virtualmente incessante sugli Stati Uniti e sui suoi furti della tecnologia americana? E che dire dell’attacco alla USS Liberty cinquant’anni fa che ha ucciso 34 americani? Il numero in calo di membri dell’equipaggio sta ancora aspettando un’inchiesta ufficiale che chiarisca cosa fece Israele quel giorno di giugno.

Nikki Haley ultra sionista rappresentante USA all’ONU

E infine, quale sarebbe il guadagno netto per gli Stati Uniti se dovesse essere spinto in una guerra con l’Iran in cui potrebbe tranquillamente perdere una portaerei o due mentre diventano gli americani in viaggio gli obiettivi primari per una nuova ondata di attacchi terroristici? La parte triste è che potrebbe essere già troppo tardi. I media israeliani riportano che Trump e Netanyahu hanno firmato un accordo segreto per colpire e attaccare attivamente l’Iran sui suoi presunti programmi militari. Una guerra in cui gli americani combatteranno e muoiono, non israeliani, è certamente in programma dietro le quinte.

Quello che sto discutendo è che a differenza delle situazioni con Russia e Corea del Nord, dove gli Stati Uniti si sono fatti spingere in un angolo dove ci sono interessi reali in gioco, non c’è assolutamente alcun interesse nazionale che costringa Washington a fare qualcosa per Israele. Gli Stati Uniti dovrebbero troncare la fasulla “relazione speciale” con Netanyahu e il suo nido di vipere. Facciamo una risoluzione per l’anno nuovo per lavorare sodo per ottenere proprio questo. Cerchiamo di boicottare le imprese e le reti di franchising sportive i cui proprietari amano particolarmente gli insediamenti israeliani in modo da inviare il messaggio che ci sono delle conseguenze.
Parliamo di Israele, per essere sicuri, ma senza la censura autoimposta nei media e non attraverso le bocche dei numerosi guardiani che dirigono le cosiddette organizzazioni per la pace, né attraverso le cretine del Congresso comprate e pagate. Né dalla Casa Bianca, che sta rapidamente diventando poco più di una affidabile camera di risonanza per gli interessi israeliani. Diciamo le cose come sono. Se gli americani fossero esposti alle dure verità su Israele, è difficile immaginare che vorranno associarvisi a qualsiasi titolo. Tagliamo la cravatta che si è legata e facciamolo adesso.

*Philip M. Giraldi, Ph.D., è il direttore esecutivo del Consiglio per l’interesse nazionale, una fondazione educativa deducibile dalle tasse 501 (c) 3 che cerca una politica estera degli Stati Uniti più basata sugli interessi reali degli USA in Medio Oriente. Il sito Web è www.councilforthenationalinterest.org, l’indirizzo è PO Box 2157, Purcellville VA 20134 e la sua email è inform@cnionline.org .

Fonte: UNZ Review

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. gino 4 mesi fa

    e come si fa a tagliare sti lacci?
    ad esempio, sul piano culturale, lessi un articolo sui 10 maggiori teorici mondiali “gender”, ebbene 9 su 10 avevano le seguenti caratteristiche:
    – donne
    – caucasiche
    – lesbiche (ovvio)
    – americane
    – ebree (per nulla ovvio)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Backward 4 mesi fa

      Chiudendo le banche centrali e smettendola di basare il potere sul denaro. Cosa che nessuno si sogna lontanamente di fare, ad Occidente come ad Oriente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 4 mesi fa

        smetti di respirare allora; visto che l’aria è inquinata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vincent 4 mesi fa

    Il Pd in Italia mantiene questi forti lacci con Israele, un esempio è l’ebreo Yoram Gutgeld principale consigliere economico di Renzi; viene prima eletto deputato e poi entra nel Governo Renzi in qualità di Commissario alla revisione della spesa e immaginate quanti soldi pubblici italiani deve spedire nelle banche sioniste; altro ebreo che opera in Italia a favore di Israele è Roger Abravanel che come Gutgeld ha lavorato nella McKinsey & Company, multinazionale americana

    Rispondi Mi piace Non mi piace