Occidente Sud Mondo Palestina

di Markku Siira

I ciarlatani occidentali si stanno ora dirigendo a Tel Aviv, come facevano prima a Kiev. Lo spettacolo della guerra ibrida si estende su un nuovo fronte: ora sostengono il genocidio israeliano a Gaza come in precedenza difendevano otto anni di bombardamenti nel Donbass.

Sotto la guida del gabinetto israelo-centrico di Biden, l’Occidente collettivo giura sul sionismo politico e, allo stesso tempo, Netanyahu e i suoi partner stanno massacrando sempre più civili palestinesi a Gaza. Anche le scuole delle Nazioni Unite, gli ospedali cristiani, i medici o i giornalisti non sono al sicuro dagli attacchi dell’esercito israeliano.

Tel Aviv ha chiesto a Washington ulteriori 10 miliardi di dollari in “ aiuti militari di emergenza ” (oltre alla promessa annuale di 1 miliardo di dollari). Netanyahu ha anche rifiutato una visita di solidarietà da parte del suo fratello tribale Zelenskyj alla sua etnocrazia, poiché ora competono con il regime di Kiev per le stesse armi e finanziamenti statunitensi.

E, naturalmente, in Europa sono stati commessi nuovi massacri: a Bruxelles, un tunisino ha ucciso tifosi svedesi, “ per vendicare i musulmani ”. Per giustificare il genocidio nella Striscia di Gaza, l’establishment anglo-americano ha attivato l’organizzazione dell’Isis in Europa, per alimentare l’islamofobia.

Naturalmente, tutti questi terroristi creati dalla CIA, dall’MI6 e dal Mossad non attaccano mai Israele, ma vengono usati come truppe d’assalto per manipolare l’opinione pubblica in Occidente o per destabilizzare uno stato indesiderabile per gli interessi di Israele.

Si potrebbe pensare che tutto questo sia ormai abbastanza trasparente, ma le “stupide persone” che seguono le notizie sui canali dei media del sistema e sui tabloid continuano a credere alle storie della propaganda dei (falsi) media mainstream e piangono persino i lacchè dell’élite transnazionale, come Martti Ahtisaari, morto di recente e che non ha mai fatto nulla per il suo paese, la Finlandia e per i finlandesi.

Proteste in appoggio alla Palestina a Baghdad

Nel frattempo, enormi folle manifestano contro Israele nell’Asia occidentale, dall’Iraq, all’Iran, al Pakistan. Proteste hanno avuto luogo anche negli Stati Uniti e in Europa, dove si è tentato di criminalizzare il sostegno pubblico alla Palestina.

Temendo disordini, Israele ha ritirato le sue missioni da Giordania, Egitto e Marocco. È in corso anche l’evacuazione dei diplomatici dalla Turchia e l’amministrazione Netanyahu ha invitato i suoi cittadini a “ lasciare immediatamente il Paese ”.

Mentre la situazione in Palestina diventa tesa, la normalizzazione delle relazioni da parte di Israele con i paesi arabi ricchi non piacerà ai cittadini di quei paesi, anche se le élite non sono d’accordo. Il presidente degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Mohammed bin Zayed al-Nahyan, sostiene ancora Netanyahu, ma l’Arabia Saudita ha condannato le azioni di Israele a Gaza.

Le placche geopolitiche continentali sono in movimento. L’Occidente sta perdendo il controllo del mondo islamico? Sembra che le forze NATO di Joe Biden dovranno presto combattere contemporaneamente Russia, Cina e mondo islamico. Questo nuovo confronto porterà ad una terza guerra mondiale o troveremo una via d’uscita dalla spirale dei disastri?

Fonte: Markku Siira tramite Euro-Synergies

Traduzione: Gerard Trousson

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus