Missili Germania Ucraina

Migliaia di cittadini nigerini hanno manifestato oggi, venerdì, vicino a una base militare francese nella capitale, Niamey, scandendo slogan contro l’interferenza di Parigi negli affari del Niger, secondo i corrispondenti di AFP.

Durante il raduno, i manifestanti hanno cantato “Abbasso la Francia… abbasso l’ECOWAS”, dopo che un vertice della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale si è concluso con l’approvazione di un possibile intervento militare in Niger per riportare al potere il deposto presidente Mohamed Bazoum.

I manifestanti hanno confermato il loro sostegno al golpe in Niger, in particolare al generale Abd al-Rahman Tiani, e hanno anche alzato la bandiera della Russia accanto a quella del loro Paese.
Un membro di un sindacato studentesco, che sostiene il colpo di stato contro il deposto presidente del Niger, Mohamed Bazoum, ha respinto l’ingerenza della Francia negli affari del suo paese, chiedendo a Parigi di ritirare le sue forze dal suo paese.

Il rappresentante ha aggiunto che “l’ECOWAS non è indipendente, perché c’è un’influenza esterna su di esso”, commentando che “la Francia lo sta manipolando”.

La Francia sta dispiegando circa 1.500 dei suoi soldati in Niger con il pretesto di affrontare gruppi armati in collaborazione con le forze armate nigerine, e alcuni di loro sono di stanza in una base nella capitale, Niamey.

Oggi, la Russia ha avvertito che qualsiasi intervento militare in Niger avrebbe “destabilizzato fortemente” la regione, il giorno dopo che i leader dell’Africa occidentale hanno annunciato l’intenzione di inviare una forza militare per riportare al potere il presidente Mohamed Bazoum, dopo che questi è stato rovesciato da un colpo di stato militare.

Allo stesso modo, il portavoce della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, “ECOWAS”, ha annunciato venerdì che una riunione dei leader degli eserciti dell’Africa occidentale avrà luogo la prossima settimana, non domani, per discutere la situazione in Niger .

E ieri, il presidente della Costa d’Avorio , Alassane Ouattara, ha annunciato, con uno sviluppo sorprendente, che la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale “ECOWAS” ha deciso di avviare un intervento militare in Niger “il prima possibile”.

In una nuova espressione della loro resistenza alle pressioni internazionali, i golpisti hanno annunciato, giovedì, la nomina di un nuovo governo . Il nuovo primo ministro, Ali al-Amin Zein, un civile, guiderà il governo di 21 persone, mentre due generali del nuovo consiglio militare al potere guideranno i portafogli della difesa e degli interni.

La possibilità di un intervento militare in Niger ha suscitato polemiche all’interno dell’ECOWAS, e l’Algeria ha espresso il suo rifiuto categorico a qualsiasi intervento militare, con la richiesta di restituire al Paese la legittimità costituzionale.

Mali e Burkina Faso hanno sostenuto il consiglio militare in Niger e hanno dichiarato chiaramente che “qualsiasi intervento della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, per riportare Bazoum al potere, equivarrebbe a dichiarare loro guerra”.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM