Crisi Europa Guerra

La partita a scacchi in 3D di Vladimir Putin prepara lo Scacco Matto

di Sylvain Laforest

Troverai sempre qualcuno che ridicolizza una teoria elaborata paragonandola a ” una partita a scacchi in 3D come se nessuno sapesse giocare a scacchi in 3D. Tuttavia, è divertente notare che Vladimir Putin conduce dal 2008 una partita a scacchi 3D per porre fine al globalismo, l’ideologia maestra per dominare il pianeta di una piccolissima élite internazionale composta da banche internazionali e grandi fondi di investimento, oligopoli e le loro multinazionali. Non ha assolutamente senso osservare il mondo attraverso una lente di ingrandimento politica, dal momento che il FMI, la BRI, la Banca Mondiale, la Fed, BlackRock e Vanguard governano il mondo attraverso il loro controllo sulle compagnie petrolifere, sulle multinazionali, sui prodotti farmaceutici, sui media, sulle ONG. e il loro portavoce visibile, il World Economic Forum di Davos.
La CIA e la NATO non ascoltano presidenti e primi ministri, sono tutti al soldo di questa cricca globalista i cui terminali americani sono il Council on Foreign Relations e la Commissione Trilaterale. Biden, Macron, Trudeau e Scholz sono semplici interpreti, pedine volgari sulla scacchiera.

Pertanto, l’attuale lotta per la vita o la morte tra due ideologie è strettamente economica. Non è quella degli Usa contro la Russia o la Cina, ma quella dei globalisti contro i nazionalisti. Il Nuovo Ordine Mondiale , che controlla la civiltà mondiale dal 1944, è oggi minacciato da coloro che vogliono rispettare la sovranità e l’indipendenza delle nazioni, un movimento avviato da un uomo, Vladimir Putin. Perché ecco, i politici nazionalisti non sono solo pedine, ma stanno effettivamente usando il potere di cui sono stati investiti.
Fortunatamente, Putin non è più solo, perché ha condotto magistralmente la sua partita a scacchi 3D, che sta volgendo al termine.

Prima di proseguire giustifico subito l’uso dell’espressione inglese New World Order , anziché quella francesizzata Nouvel Ordre Mondial. Innanzitutto è un concetto anglosassone, non francese. C’è poi un grave errore di traduzione: il Nuovo Ordine Mondiale risale al 1944 e coincide con la conferenza di Bretton-Woods che impose il dollaro USA come valuta di riserva internazionale, a seguito della Seconda Guerra Mondiale. Mentre il mondo passava essenzialmente dall’Impero britannico all’Impero americano, quello che dovrebbe essere chiamato il Nuovo Ordine Mondiale fu imposto nel 1944, ed è ora minacciato da una parte ribelle del pianeta.
Per comprendere lo stato del mondo in questo autunno del 2023, bisogna avere una cassetta degli attrezzi completa: martellare una vite con un martello non ha mai prodotto nulla di buono, e in questo momento la maggior parte dei giornalisti e degli analisti, indipendenti tutti come quelli mainstream, cercano di perforare buchi con un aereo, perché la maggior parte ignora alcuni precetti fondamentali, all’origine di TUTTA l’attuale geopolitica globale. Una è l’importanza fondamentale dell’analisi economica rispetto alla sua applicazione politica, ma ce n’è un’altra ancora più importante.

Un tallone d’Achille
Tra il 1999 e il 2008, Vladimir Putin ha tentato di tutto per integrare la Russia nella comunità internazionale, alla sola condizione che la sovranità della Russia fosse rispettata in quel contesto. Il 10 marzo 2007, in seguito all’annuncio del presidente degli Stati Uniti Bush Jr che l’Ucraina e la Georgia sarebbero diventate candidate alla NATO, Putin lancia un primo avvertimento all’organizzazione che deve fermare le sue provocazioni attraverso la sua illegittima espansione, poiché una promessa era stata fatta nel 1990 a Gorbaciov che la NATO non si sarebbe espansa verso est, cosa che non ha mai smesso di fare fino ai confini della Russia. Con la guerra in Georgia del 2008, Putin capisce finalmente che la cricca globalista non permetterà mai alla Russia di gestirsi come meglio crede. Aveva solo due opzioni: abbandonare il popolo russo e consegnare il suo paese alle banche, oppure, distruggere il globalismo. Più facile a dirsi che a farsi, dal momento che la cricca controlla la creazione di moneta e l’economia globale e, per estensione, la maggior parte degli eserciti mondiali.

Ho l’impressione che Putin abbia capito fin dall’inizio della sua crociata che il tallone d’Achille dell’impero bancario era il settore petrolifero. Non altre energie, solo petrolio. L’Occidente teme da tempo di perdere il controllo del mercato dell’oro nero che un tempo teneva nel palmo della mano a causa delle minacce militari ai paesi produttori. All’inizio degli anni ’70, la Libia, la Siria, poi poco dopo l’Iran, uscirono da questo controllo, cosa che attivò il Piano B del “riscaldamento globale causato dalla CO2” (prodotto della combustione del petrolio), e l’improvvisa importanza di uno giorno considerando una transizione energetica verso altre fonti energetiche per salvare il pianeta dall’incendio immaginario. Sfortunatamente per la cricca che lo sognava all’inizio del Piano B, non hanno mai trovato un’energia in grado di sostituire il petrolio per le navi mercantili, gli aeroplani, l’agricoltura e gli eserciti. E non è per mancanza di ricerca di un’alternativa, ma ad oggi il petrolio resta l’unica energia per far funzionare l’economia mondiale, basata sul trasporto delle merci. E poi c’è il doppio problema del petrodollaro: come giustificare il valore di una moneta su un’energia fuori dal suo controllo? Il dollaro senza petrolio, né l’oro abbandonato nel 1971, sono una moneta da scimmie. Ah, ma Canada e Usa sono in cima alla lista dei produttori mondiali? Assolutamente sì, ma le loro operazioni complicate sono troppo costose, si perde denaro anche negli Stati Uniti, dove è più vantaggioso comprare petrolio che produrlo. E non possono più regolare i prezzi per rendere redditizia la loro produzione. Chi controlla il petrolio controlla il mondo. O vendi l’unica energia che fa funzionare l’economia, oppure ne sei un cliente.

In un contesto di produzione nordamericana costosa e di riserve in diminuzione negli Stati Uniti, il castello di carte globalista trema di fronte a questa energia evanescente. Ed è qui che opera la magia del maestro degli scacchi 3D, che si è messo in testa di dissanguare il globalismo bianco prelevandone il sangue, il petrolio. Per raggiungere questo obiettivo, nel 2008 ha avviato una revisione completa dell’apparato militare russo, che deve rendere quasi invincibile. Nel decennio successivo, la Russia iniziò a inventare i migliori sistemi difensivi, l’S-400 e il Pantsir; i migliori jammer elettronici come il Murmansk-BN; una serie di missili offensivi ipersonici inarrestabili, inclusi Kinjal e Zirconi; i migliori aerei e bombardieri della gamma Sukhoi; infine, gli incubi nucleari deterrenti Sarmat, Avangard e Poseidone che espongono i fianchi dell’Occidente senza alcuna possibile difesa. Oltre ai sottomarini, Putin non ha perso tempo ad armeggiare con la marina, l’ammiraglia dell’Occidente e unico vantaggio notevole, perché in quest’era di missili ipersonici, le portaerei sono ormai anatre galleggianti in attesa di affondare.

Abbinando questo riarmo ad una revisione dell’esercito russo, nazionalizzando di passaggio la produzione di armi per contrastare i costi proibitivi che derivano dal settore privato, come quello che prosciuga le economie occidentali, e poi creando la società privata Wagner, egli ha veramente fatto ha creato una macchina militare invincibile e flessibile. Da qui il suo attacco 3D, che mangia le pedine su tre piani, permettendo ai produttori di petrolio di conquistare la propria indipendenza, con la promessa di proteggersi le spalle disintegrando il controllo dei globalisti in questo mercato cruciale.

I globalisti sotto attacco
Le banche internazionali hanno visto arrivare il colpo e hanno cercato di superare Putin lanciando la Primavera Araba nel 2011 in 9 paesi strategici, tra cui la Siria, principale ostacolo al vecchio piano di allargamento di Israele (The plan for Greater Israel, pubblicato nel 1982), metafora della acquisizione di quasi tutto il petrolio della penisola arabica da parte di Israele, rappresentante del Nuovo Ordine Mondiale in Medio Oriente. Nel 2011, la Russia non era ancora militarmente pronta per intervenire, e Putin osservava con orrore il destino riservato a Gheddafi, un grande nazionalista che aveva salvato la Libia dal caos occidentale per quattro decenni.

Nel 2014 la Russia non era ancora pronta e vide la CIA rivoluzionare l’Ucraina e commettere nuove atrocità, tra cui il massacro a Odessa, il bombardamento della popolazione del Donbass e l’esplosione della NATO che si stava avvicinando. Dall’anno successivo, anche se la Russia non aveva ancora completato il suo nuovo arsenale, Putin capisce che doveva rischiare di perdere la sua regina per evitare che Bashar al-Assad cadesse in Siria, e il 29 settembre 2015 attacca finalmente i finti terroristi /veri mercenari occidentali che sono l’ISIS e al-Qaeda, incaricati di mettere la Siria in sintonia con l’Occidente. Questo aiuto decisivo all’esercito siriano è stato il primo colpo diretto del leader russo al Nuovo Ordine Mondiale. Impedendo ai globalisti di schiacciare la Siria, Putin ha impedito loro di raccogliere tutte le torri di carico di Iraq, Siria, Kuwait e in parte quelle di Arabia Saudita ed Egitto, o in altre parole, di assicurare il controllo del mercato petrolifero. Per l’Occidente Putin è diventato il nemico giurato numero uno.

Forze russe in Siria

Nel febbraio 2022 la Russia era finalmente pronta. S-400, Kinjal, Zirconi, disturbi elettronici, artiglieria, droni, Sukhoi di ultima generazione, Sarmat e Avangard, c’era tutto. Entrando in Ucraina, Putin sapeva che avrebbe dovuto affrontare l’intera forza della NATO, che avrebbe investito lì denaro, attrezzature e uomini, solo per rendersi conto che di fronte al nuovo esercito russo, nulla dell’oneroso arsenale della NATO può reggere. L’unica cosa che la sua attrezzatura militare fa meglio di quella russa è bruciare. Per i coscritti ucraini che non rivendicano Stepan Bandera, la debacle è una tragedia indicibile, ma se Putin avesse lasciato che accadesse, sarebbe un’apocalisse che travolgerebbe ben oltre l’Ucraina.

Affondamento economico
Per i globalisti, la pandemia del coronavirus è stata un preludio necessario per terrorizzare il popolo e assicurarne l’obbedienza in vista del doloroso passaggio dalla democrazia all’austero totalitarismo previsto dal programma del Foro Economico. Con l’abbandono di parte del petrolio, l’Occidente ha innescato allo stesso tempo l’autodistruzione delle sue economie. Inoltre, l’eliminazione delle piccole imprese in bancarotta favorisce il business delle multinazionali e libera lo spazio necessario per la costruzione di città in 15 minuti, altri obiettivi dei plutocrati. Tutte le assurdità scientifiche attuali, che si tratti del riscaldamento globale di origine antropica, della propaganda del veganismo, della plastica negli oceani, della transizione alle turbine eoliche e di altri argomenti assurdi, sono legati al semplice fatto che l’Occidente è diventato cliente del petrolio, di cui non controlla più né il prezzo né la fornitura. Poiché i loro media perdono massicciamente il controllo sul pensiero della gente, non hanno altra scelta se non quella di cadere nel totalitarismo attraverso l’identità digitale e il credito sociale, se vogliono evitare di essere linciati sulla pubblica piazza, dopo 3 anni di continui attacchi contro la popolazione. .

Il massiccio sovraindebitamento delle nazioni in nome del sostegno a un virus immaginario era anche inteso a giustificare una ripresa da parte del Great Reset (o Great Reset) delle valute, compresa la cancellazione dei debiti nazionali in cambio dell’abbandono della proprietà privata e la creazione di un’unica criptovaluta comune, senza carta stampata, le CBDC. Nella situazione attuale, questa valuta non avrebbe alcun valore, perché troppa parte del pianeta non vuole questo reset di alcuni paesi che hanno volontariamente scavato la propria tomba e non hanno nulla con cui infondere valore in questa valuta, nemmeno la fiducia.

L’arma segreta di Vlad
Il problema per l’Occidente è che, per funzionare, il Grande Reset deve essere globale, e ancora una volta Putin ha parato l’attacco creando un sistema economico parallelo allo SWIFT, con l’aiuto di Cina e India. Diversi aspetti di questo sistema economico russo-cinese sono diventati nomi familiari: Cooperazione di Shanghai, Nuova Via della Seta, BRICS. Stanno tutti lavorando nella stessa direzione, pagando le loro importazioni con le valute nazionali, in uno spirito comune di dedollarizzazione. Il sistema SWIFT comincia ad andare alla deriva, nessuno vuole avere a che fare con i bugiardi occidentali che sequestrano e puniscono a seconda dell’umore, e poiché la Russia è ora il più forte, i paesi non hanno più paura di saltare il recinto del nazionalismo, diventando disertori del globalismo.

Dalla parte dei produttori di petrolio, Iran, Venezuela, Algeria e Qatar sono già al riparo, e nel 2023 arriva un colpo fumante sulla scacchiera, quando Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti si mettono in testa e si uniscono ai BRICS. L’Occidente ha perso le sue due torri. Resta solo da evacuare gli Stati Uniti dalla Siria, dall’Iraq e dalla Libia affinché Putin finisca di mobilitare tutti i principali produttori.

Alleanza Russia India

Il bulldozer multipolare funziona su più livelli: dopo che Russia, India e Cina hanno evitato la COP-21 di Glasgow nel 2021, sta diventando sempre più difficile per l’Occidente mantenere la sua narrativa caldista, mentre una parte del mondo non pretende più di salvare il pianeta . Se dubiti del coinvolgimento della Cina, sappi che Xi ha appena abbandonato ufficialmente gli accordi sul clima di Parigi (luglio 2023), paralizzando la storia ufficiale del riscaldamento globale causato dalla CO2, questo carbonio strumentalizzato per demolire la vita delle persone che vogliamo far precipitare in un totalitarismo orwelliano. . I paesi BRICS hanno scelto di continuare a sviluppare le proprie economie con l’unica risorsa disponibile per i trasporti, il petrolio. La loro motivazione è lontana dal globalismo imposto dall’imperialismo militare, ma cerca la prosperità generata dalla cooperazione. I BRICS hanno scelto la realtà e l’umanità.

L’Africa si solleva
Lo tsunami del nazionalismo generato dall’abilità geopolitica di Putin è in corso e si gonfia come una vela al vento. Il recentissimo caso del rovesciamento del burattino occidentale in Niger, proprio nel momento in cui si teneva il vertice Russia-Africa, è sintomatico dei tempi: la Russia sta radunando quasi interi continenti alla sua causa. Vedendo l’Asia, l’Africa e il Sud America scivolare tra le sue dita, annunciando la fine della colonizzazione, la cricca globalista perde dopo il petrolio le rimanenti risorse che ha saccheggiato ad altri. Le ex colonie non temono più i debiti del FMI, perché ora c’è una via d’uscita e sanno di essere protette. Se dubiti ancora della paura che l’arsenale militare e nucleare russo provoca ai globalisti,

Durante il suo gioco 3D, Putin ha fatto le scelte giuste. D’ora in poi, i governi occidentali si troveranno di fronte a un muro e, per abbatterlo, non avranno altra scelta che abbandonare l’ideologia globalista e il sistema economico trasformato in tirannia globale dalle banche internazionali e da altri plutocrati, per andare avanti. il treno multipolare economico nazionalista, dove saranno rispettate l’autonomia e la sovranità. Devono sacrificare la regina e il re per sopravvivere. L’alternativa è rischiare la rivoluzione dei popoli facendoli precipitare in una depressione sociale e in un buco economico dal quale le banche non uscirebbero mai. Ma cosa fare con il debito? Non ci resta che tagliare i fili con le banche, che verranno travolte dal peso dei debiti che hanno causato, e fare ciò che è di moda in ambito multipolarità,

L’impero della menzogna non ha più un piano B, C o D. L’Occidente è isolato, il suo esercito è nudo, i suoi missili obsoleti, i suoi media in disgrazia e stanno perdendo il controllo di tutte le risorse che alimentano la sua ricchezza. Sotto le pressioni interne che non vogliono più un piano di distruzione economica senza possibile soluzione finale, cadono i governi globalisti dei Giovani leader del WEF; Seguiranno Ardern in Nuova Zelanda, Sanchez in Spagna, Rutte in Olanda e gli altri. E dovremo sostituirli con nazionalisti veri, non globalisti mascherati à la Giorgia Melloni. Se Trump riuscisse a spodestare i democratici nel 2024, ciò rappresenterebbe il colpo finale sul globalismo, portandolo al wokismo, il suo riscaldamento immaginario e il suo lento genocidio medico dei popoli nella pattumiera della storia.

Adesso si possono prendere con le pinze le molteplici analisi geopolitiche che distinguono gli interessi politici degli Usa da quelli dell’Ue, o che dicono che “Biden vieta a Zelenskyj di negoziare»; questi sono attributi della stessa plutocrazia, che essa stessa vuole sacrificare l’Europa per salvare la sua regina americana. Del resto, tutto ciò che non tiene conto nel suo quadro analitico di ciò che Putin ha realizzato con il petrolio è pappa per i gatti. E la cosa più tragica è che anche se diventa evidente come gli occhi in faccia, quasi nessuno lo ha ancora capito.

È il precetto fondamentale di tutto ciò che accade oggi nel 2023, ed è il motivo per cui Bobby Fisher ha deciso di non giocare al gioco del ritorno. Putin ha un vantaggio militare insormontabile e certamente non aspetterà che il complesso industriale militare statunitense lo raggiunga: questa volta non si fermerà finché l’Occidente non deporrà il suo re. Se non verrà dopo l’Ucraina, continuerà, e a pochi passi dallo scacco matto,

Fonte: Reseau International

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM