Conflitto Globale Israele Usa Russia

di Pepe Escobar
La guerra contro la Russia in Ucraina e la “guerra al terrorismo” israeliana a Gaza sono solo fronti paralleli di un’unica guerra globale, in evoluzione spaventosa.
“Hai rubato i frutteti dei miei antenati
E la terra che coltivavo
E non ci hai lasciato nulla
Se non queste rocce…
Se avrò fame
La carne dell’usurpatore sarà il mio cibo”.
– Poeta nazionale palestinese Mahmoud Darwish

È ormai confermato che i servizi segreti egiziani avevano avvertito le loro controparti israeliane solo 3 giorni prima dell’alluvione di Al-Aqsa che qualcosa di “grosso” stava arrivando da Hamas. Tel Aviv, il suo apparato di sicurezza multimiliardario e l’IDF, “l’esercito più forte del mondo”, hanno scelto di ignorarlo.

Ciò configura due fattori chiave.
1) Tel Aviv ottiene il pretesto di “Pearl Harbor” per attuare una nuova “guerra al terrorismo” più una sorta di soluzione finale al “problema di Gaza” (già in vigore).

2) L’egemone cambia bruscamente la narrazione allontanandosi dall’imminente, inevitabile, cosmica umiliazione congiunta della Casa Bianca e della NATO nelle steppe della Novorossiya – una sconfitta strategica che configura la precedente umiliazione in Afghanistan come un ballo in maschera a Disneyland.
Lunedì scorso è stato imposto il blocco totale degli “animali umani” (copyright Ministero della Difesa israeliano) a Gaza, una popolazione civile di 2,3 milioni di abitanti. Niente cibo, niente acqua, niente carburante, niente beni essenziali.

Questo è un crimine di guerra e un crimine contro l’umanità, che viola i quattro principi fondamentali del diritto:
Legge sui conflitti armati (LOAC) : tutto debitamente applaudito o, nella migliore delle ipotesi, completamente ignorato dal NATOstan e dai suoi media mainstream assortiti controllati dagli oligarchi.
Cristiani, musulmani, ebrei e altri gruppi etnici hanno vissuto pacificamente in Palestina per secoli fino all’imposizione del Progetto Sionista razzista – completo di tutti gli attributi “Divide et impera” del colonialismo dei coloni.

La Nakba è un vecchio ricordo di 75 anni fa. Ora siamo ben oltre l’apartheid – e stiamo entrando nella totale esclusione ed espulsione dei palestinesi dalla loro patria.
Nel gennaio 2023, lo stesso primo ministro israeliano Netanyahu ha sottolineato: “il popolo ebraico ha un diritto esclusivo e indiscutibile su tutte le aree della Terra di Israele ”.

Ora, l’IDF ha inviato niente meno che un ordine alle Nazioni Unite di evacuare completamente tutti i residenti del nord di Gaza – 1,1 milioni di persone – nel sud di Gaza, vicino a Rafah, l’unico valico di frontiera con l’Egitto.
Questa deportazione forzata di massa di civili sarebbe il preludio alla radere al suolo tutta la parte settentrionale di Gaza, insieme all’espulsione e alla confisca della terra ancestrale palestinese – avvicinandosi sempre di più a una soluzione finale sionista.

Benjamin Netanyahu and Joe Biden in Jerusalem,

Benvenuti a Sociopatici Uniti
Netanyahu, un sociopatico con una comprovata esperienza, può farla franca con crimini di guerra seriali solo grazie al totale sostegno della Casa Bianca, della combo “Biden” e del Dipartimento di Stato – per non parlare degli irrilevanti vassalli dell’UE.

Abbiamo appena visto un Segretario di Stato americano – un funzionario con un basso quoziente intellettivo, estraneo a ogni singola questione – recarsi in Israele per sostenere la punizione collettiva “anche in quanto ebreo”.

Ha detto che suo nonno “è fuggito dai pogrom in Russia” (era il 1904). Poi arrivò il collegamento diretto – nazista – con “il mio patrigno è sopravvissuto ad Auschwitz, Dachau e Majdanek”. Impressionante, sono tre campi di concentramento di fila. Il segretario è ovviamente ignaro del fatto che l’URSS li ha liberati tutti e tre.
Poi è arrivata la connessione Russia-nazisti-Hamas. Almeno è tutto chiaro.

Internamente, Netanyahu riesce a rimanere Primo Ministro solo grazie soprattutto a due fanatici partner della coalizione ultra-sionisti, razzisti e suprematisti. Ha nominato Itamar Ben-Gvir Ministro della Sicurezza Nazionale e Bezalel Smotrich Ministro delle Finanze – entrambi de facto incaricati di proliferare gli insediamenti su scala industriale in tutta la Cisgiordania.

Smotrich ha dichiarato apertamente che “non esistono i palestinesi perché non esiste il popolo palestinese”.

Ben-Gvir e Smotrich, in tempi record, sono sulla buona strada per raddoppiare la popolazione dei coloni nei cantoni della Cisgiordania da 500.000 a un milione. I palestinesi – di fatto non cittadini – sono 3,7 milioni. Gli accordi illegali – non formalmente approvati da Tel Aviv – stanno spuntando in tutto lo spettro.

A Gaza – dove la povertà sfiora il 60% e la disoccupazione giovanile è massiccia – le agenzie delle Nazioni Unite avvertono disperatamente di un’imminente catastrofe umanitaria.

Oltre 1 milione di persone a Gaza, soprattutto donne e bambini, dipendono dall’assistenza alimentare delle Nazioni Unite. Decine di migliaia di bambini frequentano le scuole dell’UNRWA (l’UNRWA è l’agenzia per i rifugiati palestinesi).

Tel Aviv ora li sta uccidendo – dolcemente. Nell’ultima settimana sono stati uccisi almeno 11 operatori dell’UNRWA (tra cui insegnanti, un medico e un ingegnere), almeno 30 bambini e 5 membri della Croce Rossa internazionale e della Mezzaluna Rossa.

A completare il tutto, c’è la prospettiva del Pipelineistan – come nel caso del furto del gas di Gaza.

Almeno il 60% delle vaste riserve di gas scoperte nel 2000 lungo la costa israelo-gazazia appartengono legalmente alla Palestina.

Una conseguenza chiave della Soluzione Finale applicata a Gaza si traduce nel passaggio della sovranità sui giacimenti di gas a Israele – in un’altra massiccia violazione del diritto internazionale.
La maggioranza globale è con la Palestina

Di fronte all’orribile prospettiva che Israele spopoli l’intera metà settentrionale di Gaza, in diretta televisiva e acclamato da orde di zombie NATOstan, non è inverosimile considerare la possibilità che Turchia, Egitto, Siria, Iraq, Iran, Libano, Yemen e le monarchie del Golfo si uniscono, a vari livelli, per creare una pressione schiacciante contro l’attuazione della Soluzione Finale Sionista.

Praticamente l’intero Sud del mondo/maggioranza globale è con la Palestina.

La Turchia, problematicamente, non è una nazione araba e nel recente passato è stata troppo ideologicamente vicina ad Hamas. Supponendo che l’attuale banda di Netanyahu si impegni nella diplomazia, la migliore squadra di mediazione possibile sarebbe formata dalla diplomazia dell’Arabia Saudita, del Qatar e dell’Egitto.

L’India si è appena pugnalata alla testa in quanto leader della maggioranza globale: la sua leadership sembra diventare dura di fronte a Israele.

Poi ci sono i Grandi Sovrani: il partenariato strategico Russia-Cina.

La Russia e l’Iran sono essi stessi collegati da un partenariato strategico, anche a tutti i livelli militari più avanzati. Il riavvicinamento Iran-Arabia Saudita mediato e ottenuto dalla Cina ha portato, questa settimana, Mohammad bin Salman ed Ebrahim Raisi al telefono, per la prima volta in assoluto, a coordinare il loro incrollabile sostegno ai diritti legittimi del popolo palestinese. Il siriano Bashar al-Assad ha appena visitato la Cina, accolto con tutti gli onori.

La sofisticatezza diplomatica tipica della Cina – ben oltre il diluvio di Al-Aqsa – equivale a sostenere i legittimi diritti dei palestinesi. L’intero mondo arabo e i paesi dell’Islam lo avvertono chiaramente – mentre Israele e il NATOstan sono impermeabili alle sfumature.

Putin con gli Iraniani

Con la Russia raggiungiamo il territorio dell’heavy metal. All’inizio di questa settimana, l’ambasciatore israeliano in Russia, Alexander Ben Zvi, è stato finalmente ricevuto, dopo diversi tentativi da parte del vice ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov. È stato Israele praticamente a implorare un incontro.

Bogdanov va al sodo, senza mezzi termini: Ben Zvi è stato avvertito che il piano dell’IDF di distruggere letteralmente Gaza, espellere la popolazione indigena e praticare la pulizia etnica di quegli “animali umani” era “irto delle conseguenze più devastanti per la situazione umanitaria nel paese e nella regione.”

Ciò fa avanzare uno scenario del tutto possibile – le cui conseguenze possono essere altrettanto devastanti: Mosca – in collaborazione con Ankara – lancia un’operazione di rottura del blocco contro Israele, sostenuta dal Sud del mondo.

Non è un segreto – a parte il modus operandi – che Putin ed Erdogan abbiano discusso di un possibile convoglio navale umanitario turco a Gaza, che sarebbe protetto da un attacco israeliano da parte della Marina russa dalla base di Tartous in Siria e dell’aeronautica russa fuori di Hmeimim. Ciò alzerebbe la posta in gioco a livelli imprevisti.

Quello che è già chiaro è che la guerra per procura egemone contro la Russia in Ucraina e la “guerra al terrorismo” israeliana remixata a Gaza sono solo fronti paralleli di un’unica guerra globale, in evoluzione spaventosa.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus