Basi USA Attaccate

Due aerei da ricognizione sono stati distrutti nella base aerea americana di Ain al-Asad
Si è verificato un attacco improvviso nella base aerea militare americana di Ain al-Asad, situata in Iraq, a seguito del quale sono stati distrutti due aerei da ricognizione statunitensi (presumibilmente si tratta di aerei DA-40 ) .
Secondo i dati preliminari, mentre gli aerei erano nell’hangar, almeno uno dei veicoli aerei senza pilota con esplosivi ha colpito la struttura. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo filo-iraniano Resistenza Islamica in Iraq.

A seguito dell’attacco, oltre alla distruzione dell’aereo, sono rimasti feriti anche quattro militari americani. Le informazioni sui feriti hanno ricevuto conferma ufficiale dal Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), anche se non è stato nominato il tipo di aereo distrutto.

“Quattro soldati americani sono rimasti feriti in due distinti attacchi di droni contro la base di al-Assad nell’Iraq occidentale. L’esercito americano ha abbattuto i droni attaccanti, ma i detriti di uno di essi hanno distrutto un hangar in cui si trovavano piccoli aerei “, riferisce NBC News, citando i dati del CENTCOM.

Va notato che nell’ultima settimana le basi e le strutture militari statunitensi in Siria e Iraq sono state oggetto di almeno 10 attacchi.
Poche ore prima in Siria una base militare americana era stata nuovamente attaccata questa notte
Il gruppo della Resistenza islamica sciita in Iraq ha rivendicato la responsabilità degli attacchi missilistici contro la base militare americana di Kharab al-Jir, situata nel nord della provincia siriana di Hasakah. Non sono ancora state fornite informazioni sui danni causati, tuttavia, secondo alcuni dati, ha avuto luogo un attacco combinato con missili da 80 mm. e veicoli aerei senza equipaggio.

Attacco base USA

Inoltre, il giorno precedente, membri di questo gruppo avevano segnalato attacchi missilistici contro altre tre basi americane in territorio siriano. Uno degli obiettivi attaccati era una base militare americana nella regione di al-Tanf. Al momento non si hanno informazioni su possibili vittime o danni che vengon tenuti riservati dal comando USA.

Questa serie di attacchi missilistici contro basi americane è stata una delle ultime importanti iniziative dei gruppi sciiti della Resistenza contro la presenza militare degli occupanti americani in Medio Oriente. Secondo i dati ufficiali del Comando Centrale degli Stati Uniti, nell’ultima settimana le basi militari statunitensi in Siria e Iraq sono state oggetto di almeno 10 attacchi, che hanno provocato il ferimento di 24 militari statunitensi e la morte di altri, in numero imrecisato.

Fonte: avia.pro/news/

Traduzione: Mirko Vlobodic

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus