“Stupida guerra economica”: l’attacco sulla Huawei dice al mondo di evitare di fare affari con gli Stati Uniti – Prof. Wolff

Gli Stati Uniti hanno sottovalutato le conseguenze dell’attacco al colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei poiché questo invia un segnale forte per il resto del mondo per evitare di trattare con un partner così instabile, secondo il professor Richard Wolff.
La guerra commerciale con la Cina si è già evoluta in una questione tecnologica, in quanto Washington ha impedito alle società americane di fornire a Huawei componenti o tecnologia. La mossa finirà per privare la società cinese dell’accesso alle app e ai servizi di Google e ai chip Intel e Qualcomm quando la misura entrerà pienamente in vigore.


Huawei è da tempo pronta per il divieto degli Stati Uniti e non si piegherà alle pressioni, dice il CEO di Huawei, questa è da tempo pronta per il divieto degli Stati Uniti e non si piegherà alle pressioni, dice il CEO.
“Questo danneggerà l’economia americana per anni a venire in innumerevoli modi, lascerà una cicatrice economica all’economia americana e c’è … un sorprendente esempio di economia stupida”, come ha sottolineato in un’intervista a RT. il professore emerito di economia all’Università del Massachusetts, Richard Wolff.

Wolff ha spiegato che il modo in cui l’amministrazione Trump sta “danneggiando” Huawei potrebbe applicarsi a molte altre società. Ora, gli amministratori delegati si rendono conto che le interazioni con le aziende statunitensi potrebbero diventare insicure e mettere le aziende in una posizione vulnerabile. Pertanto, fare affari con gli Stati Uniti può causare danni alle aziende, che possono “essere distrutte da un’operazione politica” come mostra il caso Huawei.

“Ecco il terribile, tremendo errore di calcolo degli Stati Uniti, che è molto simile al calcolo errato di questa guerra tariffaria. Stai insegnando al resto del mondo a non fidarti di fare affari con gli Stati Uniti “, ha detto Wolff.

Ciascun amministratore delegato di ogni azienda ha stamattina inviato un promemoria al vicepresidente, dicendo” ridurre le nostre interazioni con le aziende degli Stati Uniti, non è sicuro per noi “. Diventiamo vulnerabili.

Stand della Huawei

La decisione di Trump pregiudica anche gli interessi delle società statunitensi poiché è loro vietato operare “nel modo normale” per trovare la migliore qualità al prezzo più basso. ” L’analista ha sottolineato che nessun altro leader politico in Europa o America Latina ha fatto un simile ” attacco pubblico ” sulle proprie attività.

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 09:29h, 23 Maggio Rispondi

    Personalmente spero che la guerra commerciale scatenata dagli usa contro la Cina, abbia l’effetto di rallentare e poi bloccare e i flussi della globalizzazione neoliberista/finanz-giudaica, per consentirci di uscire dalle logiche perverse imposte dall’élite dominante, pur con gravi problemi e rischi di ulteriori conflitti. Solo così potremo sperare nella liberiazione dell’italia (e dell’intera Europa!).

    Cari saluti

    • namelda
      Inserito alle 09:58h, 23 Maggio Rispondi

      ho sempre tenuto in gran conto la saggezza degli …Orsi.
      un caro saluto

  • Man
    Inserito alle 09:57h, 23 Maggio Rispondi

    Back door? Da ridere se affibbiata a Huawei. Infatti già gli smemorati a telecomando e di Stampa&Regime han portato in lavanderia l’ammasso cerebrale: chi ha dato i dati sensibili all’Analytica se non l’umanoide Zuckerberg dell’ottima Facebook? E dove finiscono i dati delle italiche Tessere sanitarie? E dove fa la sua fortuna la Apple se non in Cina? E le Terre rare (componentistica per ogni device) chi se ne approvvigiona se non in Cina detentore unico mondiale?
    Bolton-Pompeo-Is-Ra-El sono alla fine maledettamente con quel: “Muore Sansone (Occidente giudaico-cristiano-greco-romano) con tutti i Filistei”. C’è poco da sorridere purtroppo.

    Microchip e Tessera sanitaria
    http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2018/10/microchip-e-tessera-sanitaria.html
    https://www.youtube.com/watch?v=UHfM-cmO-5s

    Mark Zuckerberg al Senato Usa: “Cambridge Analytica non era l’unica ad avere i dati di 87 milioni di persone”
    https://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2018/04/10/news/mark_zuckerberg_parla_al_senato_usa-193512878/

    “Echelon controlla l’Europa”
    http://www.repubblica.it/online/tecnologie_internet/echelonsei/echelonsei/echelonsei.html

Inserisci un Commento