Studio “Conflict Armament Research” conferma: armi Usa per i “ribelli” siriani sono finite nelle mani dell’ISIS

La CIA non ha voluto commentare il Rapporto

Sofisticate armi militari statunitensi fornite ‘segretamente’ ai “ribelli siriani” sono rapidamente cadute nelle mani dell’ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi dal quotidiano statunitense ‘USA Today’. Secondo quest’ultimo, il possesso da parte dell’ISIS di queste armi rimane una minaccia per la coalizione guidata dagli Stati Uniti che ancora opera contro il gruppo terroristico in Iraq e in Siria.

Le armi includevano quelle anticarro acquistate dagli Stati Uniti che sono finite in possesso dell’ISIS due mesi dalla loro fabbricazione, secondo lo studio di ‘Conflict Armament Research’, un’organizzazione che tiene traccia delle spedizioni di armi. Lo studio è stato finanziato dall’Unione Europea e dal governo tedesco.
Gli sforzi degli Stati Uniti e di altri paesi per fornire armi ai gruppi ribelli “hanno significativamente aumentato la quantità e la qualità delle armi disponibili per le forze (dell’ISIS)”, ha conclusolo lo studio.

Questo dossier ha esaminato 40.000 armi e altri oggetti sequestrati all’ISIS negli ultimi tre anni.
I ricercatori non sono stati in grado di determinare se l’ISIS abbia preso le armi sul campo di battaglia o se i “ribelli” hanno venduto o dato le armi al gruppo terroristico. L’ultima ipotesi è la più probabile, come aveva già indicato il noto reporter di guerra, Robert Fisk in questo articolo.
Il rapporto cita un video di propaganda dell’ISIS che mostra i terroristi con le armi catturate l’anno scorso al ‘Nuovo esercito siriano’, un’alleanza di jihadisti contro l’esercito regolare siriano.

Missili anticarro Tow dei terroristi

È noto da tempo che l’ISIS abbia catturato un’enorme quantità di armi americane – tra cui carri armati e artiglieria – quando il gruppo militante ha fatto irruzione in Iraq dalla Siria nel 2014 e ha palesato diverse divisioni di soldati iracheni, molti dei quali hanno abbandonato le armi e sono fuggiti.

Il nuovo studio solleva domande su una diversa fonte di armi: armi inviate segretamente a fazioni ribelli che combattono il presidente siriano Bashar Assad da alcuni anni. Il programma segreto della CIA, iniziato dall’amministrazione Obama nel 2013, è stato chiuso all’inizio di quest’anno dal presidente Trump. L’Arabia Saudita, che – come gli Stati Uniti – si oppone fortemente ad Assad, fornisce anche armi ai gruppi ribelli.

Seposito di armi made in USA dei terroristi

La CIA ha rifiutato di commentare la relazione.

I risultati evidenziano il rischio di introdurre armi in una guerra in cui è difficile rintracciare le armi o controllare come vengono utilizzate in ultima istanza.
Il programma segreto per le armi degli Stati Uniti è stato progettato per esercitare pressioni su Assad e impedire agli estremisti di prendere il sopravvento nella guerra. “Al momento non avevamo molte alternative”, ha affermato Andrew Tabler, analista del Washington Institute for Near East Policy. “Era il modo migliore per gestire la situazione.”

Molti “ribelli” sostenuti dagli Stati Uniti sono stati travolti dall’ISIS, che stava prendendo potere.
Il programma segreto che armava i “ribelli” anti-Assad è distinto dall’operazione pubblicamente riconosciuta dal Pentagono per armare le Forze Democratiche Siriane (FDS), un’alleanza di curdi e arabi che combattono l’ISIS, ma non Assad.

La maggior parte delle armi inviate segretamente alle fazioni in Siria sono state acquistate dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita in aziende dell’Europa orientale. Il governo degli Stati Uniti stipula contratti con società private che effettuano acquisti all’estero.
Lo studio ha evidenziato che il modo in cui il governo degli Stati Uniti acquistava le armi sollevava preoccupazioni circa il controllo delle vendite di armi.
Alcune armi sono state dirottate verso la Siria, anche se gli Stati Uniti o l’Arabia Saudita potrebbero aver firmato un contratto per non trasferire le armi dopo averle acquistate, secondo il rapporto.

Fonte: USA Today

1 commento

  • GRAF
    17 dicembre 2017

    “Aiuteremo entrambi gli schieramenti affinche’si protraggano in guerre senza fine” I protocolli dei savi di sion non sbagliano UN COLPO CI SAREBBE da farli studiare nelle scuole( Ezra pound lo aveva proposto a Pavolini),a essere maligni vuoi che un rivoletto di ORO e di armidalla Russia non sia arrivato all’isis LA CUCINA EBREA E’SEMPRE AL LAVORO

Inserisci un Commento

*

code