Strage israeliana nel campo di Jenin. 9 martiri e 16 feriti. La Resistenza abbatte un drone israeliano

Ennesimo attacco israeliano a Jenin: nove palestinesi, tra cui una donna anziana, sono stati martirizzati e altri sedici feriti giovedì 26 gennaio, a seguito di violenti scontri tra combattenti della resistenza e forze di occupazione israeliane che hanno preso d’assalto il campo di Jenin nella Cisgiordania occupata.
Il Ministero della Salute palestinese ha identificato i nomi dei martiri Saeb Azriqi, 24 anni, e della signora Magda Obaid, aggiungendo che due dei feriti sono gravemente feriti al petto e alla coscia.

Fonti della sicurezza hanno riferito che sono scoppiati violenti scontri armati dopo che la resistenza ha scoperto le forze speciali sioniste che si erano infiltrate nel campo di Jenin, dove sono state prese di mira con proiettili intensivi.
Ambulanze prese di mira
L’ospedale di Jenin è stato preso d’assalto

Le forze di occupazione hanno inviato ingenti rinforzi militari al campo di Jenin, dopo pesanti combattimenti all’interno del campo e su più di un fronte.

Le forze di occupazione hanno aperto il fuoco diretto sulle ambulanze nel campo di Jenin. Hanno persino preso d’assalto l’ospedale pubblico di Jenin.
Le Brigate AlQuds, battaglione di Jenin, hanno rivelato che i suoi mujaheddin erano riusciti a colpire con proiettili una casa in cui si stavano rifugiando alcuni soldati dell’occupazione, provocando vittime dirette tra le loro file.

Le forze della resitenza hanno rivendicato la responsabilità dell’esplosione di diversi IED che hanno preso di mira una forza sionista nel campo di Jenin.

Stato di allerta negli insediamenti vicino a Gaza
A seguito di questi sviluppi, i media israeliani hanno riferito che le forze di occupazione hanno dichiarato lo stato di allerta negli insediamenti vicino a Gaza.

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina ha affermato che i crimini del nemico non passeranno senza risposta, invitando a colpire le postazioni dell’esercito di occupazione.

Hamas da parte sua ha salutato le forze di resistenza che stanno conducendo una grande battaglia a Jenin.

Drone israeliano abbattuto

Fonti locali, citate da PalToday, affermano che le forze di occupazione hanno riconosciuto che uno dei loro droni è stato abbattuto nel cielo sopra il campo di Jenin.
Da parte sua, il gruppo di resistenza Fosse aux Lions ha rivendicato la responsabilità di un’operazione contro le forze di occupazione e si è ritirato dopo aver inferto colpi precisi. Non è noto quanti siano i miliziani sionisti colpiti e rimasti vittime del fuoco delle forze di resitenza.

Verso mezzogiorno, le forze di occupazione israeliane hanno ritirato tutte le loro forze da Jenin.

Va notato che la direzione dell’istruzione di Jenin ha deciso di posticipare l’orario scolastico fino alle nove del mattino, a causa dell’incursione delle forze di occupazione in città.

Va ricordato che la città e il campo di Jenin sono teatro di violenti scontri armati tra i combattenti della resistenza del battaglione Jenin e le forze di occupazione che tentano di invadere Jenin quasi quotidianamente.

Nove palestinesi sono stati martirizzati dall’inizio di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM