Stoltenberg chiarisce le “opportunità” della Cina per la NATO

di Finian Cunningham

Dimentica che la Cina, o la Russia, sono una presunta minaccia. In realtà sono una “opportunità” per l’imperialismo della NATO e degli Stati Uniti.
In un momento di indifferenza, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha tirato fuori il gatto dalla borsa quando ha descritto l’ascesa della Cina sia come una sfida che “un’opportunità”. Quello che stava ammettendo involontariamente è che una politica di confronto rispetto alla Cina conferisce all’alleanza militare un nuovo scopo di cui ha tanto bisogno.

Stoltenberg ha rilasciato un’intervista esclusiva a Deutsche Welle in occasione del primo vertice ministeriale della NATO a cui ha partecipato l’amministrazione Biden. Il vertice di due giorni tenutosi il 23-24 marzo presso la sede della NATO a Bruxelles ha visto la partecipazione di persona del segretario di stato americano Antony Blinken e di altri ministri degli esteri dell’alleanza militare di 30 nazioni.

L’incontro della NATO arriva mentre gli Stati Uniti ei loro alleati europei stanno intensificando una politica coordinata di sanzioni contro Cina e Russia su presunte questioni relative ai diritti umani. Questa settimana ha visto un coordinamento senza precedenti da parte di Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Unione Europea nell’attuazione di nuove sanzioni contro Pechino e Mosca. Non a caso questo sviluppo provocatorio arriva dopo incontri internazionali di alto profilo, sia di persona che in videoconferenza, dell’amministrazione Biden che chiede agli alleati di adottare una posizione più antagonista e unitaria nei confronti di Cina e Russia.

L’amministrazione Biden ha cambiato rotta rispetto alla politica del predecessore Trump “America First” per sostenere con forza una relazione transatlantica “rivitalizzata”. Washington vede un asse USA-Europa più unificato come un modo strategico più efficace per sfidare Cina e Russia. E la NATO sta fornendo un rinnovato veicolo di coordinamento.

Ma nella ricerca dell’unità, l’amministrazione Biden deve necessariamente spingere una politica molto più aggressiva nei confronti di Cina e Russia, presentandole come minacce maggiori. Ciò significa che l’alleanza militare americana si assume una maggiore responsabilità nel guidare la politica di Washington. Una dichiarazione congiunta della NATO questa settimana ha affermato l’unità dell’alleanza di fronte all ‘”aggressione” russa. Mosca ha criticato la dichiarazione, dicendo che la Russia non minacciava nessuna nazione e che la NATO stava cercando di giustificare la sua esistenza.

L’alto parlamentare russo Leonid Slutsky ha affermato che le affermazioni della NATO sull’essere un’alleanza difensiva sono una “palese menzogna”, indicando guerre e interventi che ha lanciato nell’ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia e Siria.

Blinken e la sua squadra hanno trattato con la Cina in modo arrogante

Il massimo diplomatico americano Antony Blinken questa settimana ha affermato che l’ascesa della Cina e i tentativi della Russia di destabilizzare l’Occidente erano “minacce” che richiedevano alla NATO di unirsi. Blinken ha aggiunto in malafede che gli Stati Uniti non costringeranno i loro alleati a fare una “scelta noi o loro” con la Cina. È esattamente quello che stanno facendo gli Stati Uniti.

Jens Stoltenberg e altri leader europei sono rimasti delusi dal “nuovo capitolo” delle relazioni transatlantiche sotto l’amministrazione Biden. Dopo quattro anni trascorsi a trattare con Donald Trump dalla bocca volgare e la sua implacabile protesta sui bilanci militari, alcuni leader europei sospirano di sollievo per le apparentemente stupide assicurazioni di Biden che “l’America è tornata”.

Ovviamente persone come Stoltenberg, un ex primo ministro norvegese che è stato il capo civile della NATO dal 2014, fanno affidamento sul promuovere un’alleanza più forte per i loro mezzi di sussistenza confortevoli e senza dubbio per future sinecure presso i think tank finanziati dalle aziende. Stoltenberg è costantemente impegnato a trovare una nuova visione e missione per la NATO, un’organizzazione fondata oltre 70 anni fa all’inizio della Guerra Fredda e che da allora si è espansa nonostante la fine ufficiale della Guerra Fredda trent’anni fa.
La frase in voga che usa è per rendere l’alleanza “a prova di futuro”, ovvero trovare un pretesto permanente per l’organizzazione militare guidata dagli Stati Uniti per continuare la sua esistenza indipendentemente dalle esigenze di sicurezza del mondo reale.

Nella sua intervista con Deutsche Welle questa settimana, Stoltenberg ha commentato l’ascesa della Cina. Ha detto, deducendo qualcosa di minaccioso: “La Cina si sta avvicinando a noi, investendo nella nostra infrastruttura critica”.

Forse è perché la Cina è il più grande partner commerciale del mondo con l’Unione Europea e un importante investitore diretto straniero nelle nazioni europee che sono fallite a causa di decenni di capitalismo neoliberista e di austerità.

Stoltenberg ha proseguito: “Non è possibile evitare di affrontare le conseguenze sulla sicurezza per la nostra alleanza regionale dell’ascesa della Cina e del cambiamento nell’equilibrio di potere globale”.

E poi il solito cauto Stoltenberg di legno si è lasciato sfuggire: la Cina, ha detto, ha fornito “un’opportunità unica per aprire un nuovo capitolo nelle relazioni tra il Nord America – gli Stati Uniti – e l’Europa”.

Ecco! Quindi il vero valore strategico della Cina presentata come una “minaccia” o un “avversario” è quello di dare un nuovo scopo al blocco NATO guidato dagli Stati Uniti che subordina l’Europa all’obiettivo geopolitico dell’egemonia di Washington. L’enfasi qui è sulla Cina “presentata come una minaccia” e non su quale sia la vera relazione, cioè quella di un partner economico vitale. (Lo stesso vale per la Russia e la sua vasta partnership energetica con l’Europa.)

Forze USA

Gli Stati Uniti alla ricerca del dominio globale da parte delle loro corporazioni e del loro ordine capitalista devono, per definizione, contrastare un’economia politica globale multipolare che l’ascesa di Cina e Russia incarnao.

Il diabolico problema politico, tuttavia, è che Washington ei suoi surrogati europei non possono giustificare una simile posizione sulla base delle relazioni normali e naturali che esistono. Perché così facendo sarebbero visti come aggressori odiosi e ingiustificati. È quindi imperativo confondere Cina e Russia come “minacce alla sicurezza” al presunto “ordine basato su regole” occidentale.

Non importa che l ‘”ordine basato su regole” occidentale abbia visto le potenze della NATO distruggere regole e ordine invadendo paesi di tutto il mondo, conducendo guerre criminali e sovversioni, uccidendo milioni di persone e scatenando terrorismo e altre minacce alla sicurezza derivanti dal collasso di nazioni e masse. migrazione.

Dimentica che la Cina, o la Russia, sono una presunta minaccia. Sono in realtà una “opportunità” per l’imperialismo NATO e USA, che l’alleanza serve in ultima analisi, per trovare una scusa per la loro esistenza e condotta criminale. Chiedetelo al segretario generale Jens Stoltenberg (che, come dicono le battute, è più segretario che generale).

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • mario
    Inserito alle 22:14h, 29 Marzo Rispondi

    cina russia unica speranza di liberta”

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 23:33h, 29 Marzo Rispondi

    Si ricordino che mai come oggi “la Cina è vicina” … L’hanno voluta loro la globalizzazione e quindi non si lamentino.
    Quanto alla nato, sappiamo che chi tocca la nato muore, anche se trump è ancora vivo, viste le sue sparate, in campagna elettorale 2016, di voler chiudere o almeno ridimensionare la nato.
    Poi l’hanno messo sotto e non ha osato toccare la nato, anche perché gli hanno cambiato quasi tutta l’amministrazione federale, infiltrando neocon esaltati e loro agenti.
    L’organo della mondializzazione elitista più importante e irrinunciabile è quello armato, cioè la nato e su questo non ci piove, perché se non ci fosse non ci sarebbero nemmeno l’unione europoide e l’euro maledetto!

    Cari saluti

  • antonio
    Inserito alle 00:13h, 30 Marzo Rispondi

    ci stanno strangolando per tenerci schiavi , dobbiamo liberarci dal cappio USA GB ed avvicinarci a Russia Cina ed Iran

    • giorgio
      Inserito alle 09:00h, 30 Marzo Rispondi

      Pienamente d’accordo Antonio …. non ho il minimo dubbio in proposito …..

  • sublime
    Inserito alle 13:04h, 30 Marzo Rispondi

    Nomen omen.STOLTENBERG: montagna di stoltezza.

Inserisci un Commento