"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Stati Uniti : utilizzo di una strategia del caos controllato per l’ingegneria sociale in Europa

Tony Cartalucci -ricercatore geopolitica con sede a Bangkok – ha commentando l’attuale crisi dei rifugiati oramai fuori controllo in Europa :
“I peggiori nemici della civiltà europea sono quelli al potere a Washington, Londra e Bruxelles”
Dal 2007 Washington è stata occupata nella scientifica pianificazione per il rovesciamento e la distruzione dei regimi politici istituiti in tutta la regione del Medio Oriente e Nord Africa (MENA), aggiungendo che i rifugiati indigenti che oggi si riversano sulle coste europee sono diventati “pedine di guerra.”
– il “Peggiore e più pericoloso nemico della civiltà europea sono quelli attualmente al potere a Washington, Londra e Bruxelles.

Questi con interessi particolari hanno intenzionalmente creato il caos in tutta la regione del MENA, ben sapendo qule catastrofe sarebbe accaduta, non solo per l’Africa e il Medio est, ma per l’Europa e l’Eurasia”.

Secondo il ricercatore geopolitico, i politici americani erano a conoscenza di tutte le conseguenze e hanno pianificato l’inevitabile afflusso di rifugiati in Europa.

“Sarebbe difficile credere che una qualsiasi nazione farebbe la guerra ad un altro , come fatto dagli Stati Uniti, senza prevedere la crisi di massa dei rifugiati che ne deriva.
La cosa più probabile è che i politici americani sapevano e hanno previsto l’inevitabile afflusso di rifugiati, essenzialmente ‘ weaponizing ‘ tentando di di manipolare la percezione del pubblico e provocare nel lungo termine un supporto per l’intervento militare diretto più in Siria contro il governo di Damasco ed altre nazioni.

Il ricercatore geopolitica ha richiamato l’attenzione sul fatto che gli Stati Uniti e l’Europa hanno lavorato per anni con la Turchia al fine di creare un flusso sostenibile dei rifugiati non solo dalla Siria ma di tutta MENA e Asia centrale.

Ma è solo una parte di un piano più ampio

Quando gli esperti suggeriscono è che il fine ultimo di Washington è di destabilizzare il continente eurasiatico dall’Europa occidentale alla periferia della Cina in Oriente.

“Documenti politici interi sono stati prodotti dai responsabili politici più importanti d’America per decenni per quanto riguarda l’accerchiamento e contenimento della Cina, a partire dal famigerato ‘Pentagon Papers’ esposta dal New York Times nel 1971, e fino al uno dei più recenti documenti , uno dei quali è stato pubblicato quest’anno dal Council on Foreign Relations intitolato ‘Revisione US Grand strategia nei confronti della Cina’, che cita espressamente i tentativi della Cina di stabilizzare questo ‘caos controllato’ e come gli Stati Uniti possono impedire a Pechino di farlo”

Nel suo ultimo articolo “turco-Uyghur Terror Inc. – America Altro Al Qaeda” Toni Cartalucci evidenziato che gli estremisti islamici – sia di al-Qaeda in Medio Oriente, e il cosiddetto movimento di indipendenza del Turkestan orientale (ETIM) di Uyghur Islamists – sono lo strumento centrale degli Stati Uniti a raggiungere i loro obiettivi geopolitici del continente eurasiatico.

“La rete del terrore turco-Uyghur, oltre a fomentare la violenza in tutta la Cina, è stato più di recente dedito al traffico di terroristi dello Xinjiang, attraverso sud-est asiatico, e poi in Turchia, dove sono in azione, armati, addestrati, e poi inviati a combattere la guerra per procura della NATO . in Siria Questa rete di traffico passava attraverso la Thailandia – La Thailandia ho arrestato oltre 100 Uyghuristi che poi ha deportato, su richiesta, di nuovo alla Cina di Pechino nel mese di luglio ”

Provenienti dalla Guerra Fredda le organizzazioni clandestine della rete turca del terrore di Uyghur costituiscono una minaccia non solo per l’integrità della Cina, ma per la sicurezza della regione asiatica nel suo complesso.

Nel frattempo, la crisi dei rifugiati in Europa è fuori controllo, spingendo le tensioni etniche e innescando scontri con la polizia.
La questione rimane aperta – quali sono le possibili conseguenze della crescente afflusso di richiedenti asilo in Europa?

“Le conseguenze della crisi dei rifugiati sarà determinata solo da come le opposizioni si controlleranno su entrambi i lati nel tentativo di manipolare la percezione del pubblico per agire verso la pace e la stabilità in seno alla società europea.

L’obiettivo finale, come si può già vedere è rivolto a giustificare la maggiore sorveglianza e controllo in casa, es. a giustificare ulteriori guerre di egemonia all’estero.
Tali misure non sono possibili senza una crisi di notevole entità per le persone oltre che a creare timori ed allarmismi che conducano a scambiare la loro libertà, la pace e la prosperità in cambio di presunta ‘sicurezza.

Fonte: Debuglies

*

code

  1. Brasile domenico 1 anno fa

    La classica manipolazione ideata da personaggi senza scrupoli e megalomani, soggetti miseri di coscienza al cui il loro unico scopo è creare sofferenza altrui semplicemente per soddisfare le loro sofferenze malate. In altre parole guesto marciume soffre non poco di PROBLEMI ESISTENZIALI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 1 anno fa

    ‘E immaginabile che se possiamo sapere di questi progetti scellerati da un blog, potranno essere altrettanto, e meglio,
    informati gli addetti alla sicurezza dei paesi interessati dalla attenzione di queste finezze strategiche degli USA…
    ergo, se in Europa abbiamo tutta una generazione di giuda pronti a dare il meglio di sè per una lorda porzioncina di potere,
    lo stesso non si può dire per la Cina e la Russia;
    cosicchè, immagino proprio che la conclusione della storia non può che essere una deflagrazione totale e risolutiva delle tensioni..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Babysoap 1 anno fa

    Si, il discorso non fa una piega. È importante che la gente si svegli…il popolino che corre a destra e sinistra al primo
    balbettio dei loro presunti politici di fiducia. Aprite gli occhi e smettetela di guardare i telegiornali…piuttosto leggete e ascoltate più campane! Tuttavia ritengo sia già troppo tardi…l’invasione non si fermerà e presto accadrà qualcosa di talmente grave (e concordato a tavolino) da giustificare una qualche ennesima privazione di libertà…libertà tolta alla gente comune e non certo ai presunti “terroristi” (questa parola mi suscita sempre un po’ di ilarità lo confesso)…Insomma viviamo nell’era del controllo e questi individui riescono a racimolare arsenali di armi in città come Parigi o Nizza ecc.???!!! E poi come comunicano? Tramite piccioni viaggiatori??!! Io non credo alle bugie del sistema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Megliominformo 10 mesi fa

      Che scemenza.
      Il tuo commento è il classico esempio di come si innesca il meccanismo di paura e ‘le bugie del sistema’ è la conclusione più adeguata ad un discorso simile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Megliominformo 10 mesi fa

    Articolo interessante, se non altro perchè apre le porte ad una visione a lungo termine della situazione globale.
    Io però sono sempre scettico sullo schieramento di parti contrapposte.
    Il nemico sta solo nella paura e nel famoso dilemma della sicurezza che spesso ne è la conseguenza.
    Comunque è da leggere la posizione di questo Toni Cartalucci.
    Belli anche gli articoli, anche se con parecchi errori di ortografia.
    Se avete bisogno di un correttore di bozze rispondetemi pure a questo commento.
    Grazie per il lavoro che fate.
    L’ideale di partenza è meraviglioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace