Stati Uniti / Russia: gioco di nervi e muscoli attorno al Donbass

di Karine Bechet-Golovko

Mentre l’esercito ucraino intensifica la sua attività e i civili sono nuovamente colpiti nel Donbass, la coalizione statunitense che sostiene l’Ucraina continua ad accusare la Russia di intensificare il conflitto e ad esortarla a non intervenire nella regione. In altre parole, sviluppando un discorso aggressivo, gli Stati Uniti vogliono sia creare un velo di illusione che protegge le loro attività nell’Ucraina orientale, sia dissuadere la Russia dall’intervenire per proteggere il Donbass. La reazione della Russia è molto chiara: ricorda a Washington le possibili conseguenze di una simile avventura e il suo ambasciatore è ancora a Mosca “per consultazione”.

Nel mondo di oggi, il potere si esercita su due livelli contemporaneamente: quello del discorso, che mira a ricreare una realtà, e quello dell’azione, che è il vero luogo della forza. La padronanza dei due piani consente l’esercizio della piena potenza. Continuando ad accusare la Russia di tutti i mali, gli Stati Uniti seguono un processo molto semplice: coprire con un discorso politico-mediatico globale che fa della Russia l’aggressore e quindi il nemico, azioni aggressive condotte nella realtà che non dovrebbero essere percepite, quindi che la legittimità del loro potere non è messa in discussione.

Quindi, mentre da circa un mese l’esercito ucraino ha ripreso le sue attività nel Donbass e che continua ad avere sempre più tecniche militari nei settori civili del fronte, tutto ciò in violazione di accordi morti- nato a Minsk, il rappresentante del Dipartimento di Stato chiede alla Russia di non “impedire l’allentamento del conflitto”, affermando che rappresenta una “minaccia per l’intero continente europeo”.

Il motivo di questa richiesta è il fatto che la Russia ha spostato, come previsto da lunghe date per le sue esercitazioni militari e all’interno dei suoi confini statali, truppe vicino ai suoi confini meridionali, inclusa la Crimea. Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, inoltre, ha ricordato che la Russia, in quanto Paese sovrano, sposta le sue truppe all’interno dei suoi confini come meglio crede, soprattutto perché non presenta alcun pericolo per i suoi vicini.

Tank russi arrivano in Crimea

Gli Stati Uniti dicono di essere pronti a discutere con la Russia … se insomma non farà niente. Nel frattempo, nel parlamento ucraino, si afferma che si sta preparando un’operazione militare su vasta scala e che “non è mai stata così possibile”. Questa interpretazione è stata confermata da Denys Pouchiline, a capo della giovane repubblica autonoma di Donetsk, che considera ormai quasi impossibile prevenire la guerra nel Donbass. Per DNR , l’entità del conflitto dipenderà dall’effettivo sostegno militare fornito dagli Stati Uniti e dalla carta bianca data – o meno – alle autorità ucraine per spargere sangue.

La Russia e gli Stati Uniti hanno tenuto colloqui sulla questione del Donbass, dall’inizio di questa settimana gli Stati Uniti si sono detti pronti a cooperare con la Russia e, perchè non ci sia ambiguità, il rappresentante del ministero degli Esteri russo ha, nelle sue parole, stabilito i fatti della ripetuta aggressione da parte dell’esercito ucraino nel Donbass – e per tornare più tardi sull’argomento, non ha senso.

Ciascuna parte è quindi rimasta nelle sue posizioni, il che è logico, poiché nessun compromesso, a parte la resa, non è possibile in questo caso. Nel frattempo, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Antonov , resta ancora a Mosca “per consultazione” e il suo ritorno dipenderà dalla volontà degli Stati Uniti di un allentamento del conflitto.

Fonte: Russie Politics

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus