Stati Uniti, Russia e Iran si scontrano in Siria e Iraq

In mezzo all’afflusso di migliaia di truppe statunitensi nell’Asia occidentale, la Siria è ancora una volta al centro di una multiforme battaglia per il controllo, che probabilmente si svolgerà sul suo travagliato e controverso confine con l’Iraq

Ahmed al-Rubai

In uno sviluppo significativo il mese scorso, i convogli militari statunitensi sono entrati in Iraq attraverso il valico di Arar con l’Arabia Saudita. Questa visibile dimostrazione di movimenti di forze straniere ha visto una parte del convoglio dirigersi verso la base di Ain al-Assad nell’Iraq occidentale, mentre il resto si è diretto verso la base di occupazione americana di Al-Tanf in Siria.

A luglio, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha svelato il suo piano di schierare circa 2.500 soldati della 10a divisione da montagna, di stanza nella base militare di Fort Drum. La loro missione: Operazione Inherent Resolve (OIR), il nome in codice della campagna militare guidata dagli Stati Uniti contro l’ ISIS in Siria e Iraq .

Dato che si presumeva che le truppe americane se ne fossero andate dall’Iraq dallo scorso anno, i media e i commentatori politici filoamericani si sono dati da fare per convincere cinicamente il pubblico iracheno che questi nuovi movimenti di truppe suggeriscono un sano sviluppo delle politiche di Washington nei confronti di Baghdad. Ma funzionerà?

Il significato strategico della Siria

Oggi, il punto focale della lotta di potere russo-americano-iraniana nell’Asia occidentale è la Siria. Questo paese strategicamente situato funge da fondamentale porta mediterranea per la presenza militare della Russia, ed è la pietra angolare araba per l’Asse di Resistenza che si estende dall’Iran al Libano e alla Palestina.

Dal punto di vista geopolitico, l’importanza della Siria deriva dalla sua posizione vitale al crocevia di tre continenti e confina con cinque paesi: Turchia (822 km), Iraq (605 km), Giordania (375 km), Libano (370 km) e Palestina ( 76 chilometri). Inoltre, il tratto costiero della Siria lungo il Mar Mediterraneo, che si estende per 192 km, esercita un’enorme influenza strategica nel regno della sicurezza globale, della politica e dell’economia.

Esercito siriano

Per queste molteplici ragioni, Washington è rimasta pienamente impegnata nella questione siriana come importante arena da cui limitare l’influenza russa e iraniana in tutta la regione. Pertanto, gli scenari di cambio di regime hanno svolto un ruolo enorme nella politica statunitense nell’Asia occidentale.

Nel 2011, spinte dall’euforia e dall’ottimismo della cosiddetta Primavera Araba, le proteste antigovernative scoppiarono in Siria e furono rapidamente infiltrate dalle armi e dai programmi occidentali.

Durante questo periodo turbolento sono emerse numerose fazioni armate, ciascuna sostenuta da diversi stati e interessi stranieri, tra cui l’Esercito siriano libero, il Fronte Al-Nusra, l’ISIS, le Forze democratiche siriane (SDF) e vari altri gruppi estremisti armati.

Nel 2012, divenne chiaro che i principali paesi coinvolti nel sostegno alle milizie terroristiche in Siria erano gli Stati Uniti, la Turchia, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti, l’Arabia Saudita e Israele. In una diretta dimostrazione di sostegno, Washington ha sostenuto le SDF guidate dai curdi, offrendo addestramento e armi per aiutare l’etnia curda a ritagliarsi una zona autonoma nella Siria orientale, svuotata di gran parte della sua popolazione araba.

Queste macchinazioni non sono sfuggite a Russia e Iran, che sono entrati nella mischia su richiesta del governo siriano e hanno raccolto il sostegno di esponenti del calibro di Hezbollah libanese e delle Unità di mobilitazione popolare irachene (PMU).

Per gran parte di questo conflitto, le potenze occidentali hanno chiuso un occhio sulle crescenti attività dei terroristi lungo il confine siriano-iracheno e nel 2014 l’ISIS è riuscito a prendere il controllo di Mosul e di tre province irachene.

Il confine tra Iraq e Siria, che si estende per oltre 605 km, è caduto sotto il dominio dell’Isis poiché ha interrotto le linee di rifornimento alle fazioni irachene che combattevano in Siria. Questa strategia mirava a costringere l’Iran a ritirare il suo sostegno al presidente siriano Assad.

Ma con una contromossa inaspettata, la maggior parte delle forze irachene appoggiate dall’Iran hanno lanciato campagne per liberare il territorio dalla presa dell’Isis. Dopo 1.200 faticosi giorni di battaglie, sono emersi vittoriosi, strappando il controllo dei confini iracheni dalla morsa dell’autoproclamato califfato.

Controversie al confine

Sul lato siriano del confine, l’Esercito arabo siriano (SAA), aiutato dalla Russia e da altri alleati, ha riconquistato con successo una vasta fascia di territorio dalle milizie armate dell’opposizione, lasciando solo sacche di milizie nella Siria orientale, in particolare nella città di Idlib. , dove domina Hay’at Tahrir al-Sham (ex Fronte Al-Nusra).

Di particolare preoccupazione per gli Stati Uniti è stata la presenza prominente delle PMU, sostenute dall’Iran, lungo i confini della Siria con l’Iraq. Per controllare quel confine, la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti – occasionalmente affiancata dalle forze israeliane – ha lanciato innumerevoli operazioni mirate contro la PMU lungo il confine iracheno. Washington sostiene che lo fa per “autodifesa”, per prevenire attacchi contro le forze statunitensi di stanza in basi come quella siriana di al-Tanf e quella irachena di Ain al-Assad.

È una posizione non supportata dal diritto internazionale: le forze statunitensi che occupano illegalmente uno stato sovrano non possono rivendicare l’autodifesa.

Tuttavia, queste dinamiche hanno costretto gli Stati Uniti a dare priorità al confine iracheno nell’ambito della più ampia strategia siriana. Come dice a The Cradle l’esperto strategico Hazem al-Sharaa :
“Questi confini non sono solo parte del gioco di guerra siriano, ma sono diventati parte della guerra ucraina e del conflitto di Washington sia con Mosca che con Teheran”.
Oggi, il controllo del valico di frontiera di al-Qaim (lato iracheno) è saldamente tenuto dalle PMU. Quando gli Stati Uniti sentono il bisogno di minare tale controllo, rivendicano attacchi delle PMU contro basi e truppe statunitensi, al fine di lanciare una letale ritorsione statunitense contro le posizioni delle PMU.

In un quadro più ampio, la Russia – in quanto alleato fedele e partner strategico di Damasco – svolge anche un ruolo nel rafforzare la presa sull’occupazione illegale della Siria da parte degli Stati Uniti, con le forze russe che ora raggiungono un punto di contatto con le SDF appoggiate dagli Stati Uniti.

Milizie sciite irachene

Un teatro per procura per Russia e Stati Uniti

Ciò ha “sollevato i timori della parte americana di un declino della sua influenza in Siria”, afferma Ali al-Shammari, ricercatore presso il Centro Al-Rafidain per gli studi strategici. “Washington ha perso sul fronte ucraino e non vuole un’altra sconfitta sul fronte siriano”, dice a The Cradle .

Per Vladimir Vasiliev, ricercatore senior presso l’Istituto per gli Stati Uniti e il Canada dell’Accademia russa delle scienze, una perdita degli Stati Uniti in Ucraina potrebbe accelerare rapidamente lo scontro in Siria: Washington “sta attaccando la Russia con le mani ucraine. Il fallimento di questo attacco spingerà l’America a ricorrere ad un piano di riserva in Siria”.

Il 23 luglio 2023, si è verificato un episodio potenzialmente pericoloso quando un aereo da caccia dell’aeronautica russa ha evitato per un pelo una collisione con un drone della coalizione guidata dagli Stati Uniti. Negli ultimi mesi si sono viste crescenti tensioni sottili ma palpabili tra le forze statunitensi e russe in Siria.

Fonti dell’intelligence siriana dicono a The Cradle che le forze statunitensi in Siria sono aumentate da 500 a 1.500 soldati, tutti entrati nel paese attraverso il valico di frontiera di Al-Waleed dall’Iraq. Nel frattempo, un alto ufficiale delle guardie di frontiera irachene rivela che ci sono “indizi di un’imminente operazione militare da parte dell’esercito americano sul lato siriano del confine con l’Iraq”.

Una fonte senior della sicurezza del Servizio antiterrorismo iracheno (CTS), d’altro canto, riferisce a The Cradle che “gli americani che incontriamo settimanalmente al Joint Operations Command e che ci informano di tutti i loro movimenti e attacchi aerei all’interno territorio iracheno contro l’Isis, non ci ha informato di alcuna operazione militare all’interno del territorio iracheno”.

Puntate e alleanze

I sospetti sulle manovre militari statunitensi aumentarono ulteriormente il 7 agosto, quando il ministro della Difesa iracheno Thabet al-Abbasi fece una visita segreta a Washington, accompagnato da importanti comandanti dell’esercito e dal capo del CTS.

Sebbene i dettagli della visita rimangano segreti, fonti private dicono a The Cradle che ai funzionari iracheni è stata presentata una nuova strategia di dispiegamento per le forze statunitensi nella Siria orientale. L’attuazione di questa strategia è prevista una volta conclusi gli sforzi di rinforzo degli Stati Uniti.

Le fonti aggiungono che gli americani hanno sottolineato la necessità di neutralizzare le fazioni armate sciite irachene e di prevenire il loro coinvolgimento in potenziali scontri tra le forze statunitensi e l’SAA lungo il confine iracheno. Come ha detto a The Cradle Ghazi Faisal, direttore del Centro iracheno per gli studi strategici, l’interesse degli Stati Uniti per la Siria non sembra essere diminuito di una virgola:

“Il piano di Washington in Siria ha tre assi: costringere Mosca a portare più forze in Siria per alleviare la pressione sull’Ucraina, bloccare la presenza iraniana in Siria e tagliare la fornitura iraniana di missili avanzati a Hezbollah in Libano”.

Qamishli, una città situata nel nord-est della Siria a circa 680 km da Damasco, emerge come un potenziale epicentro per lo scontro in corso tra gli interessi statunitensi e russi, a causa delle sfere di influenza coesistenti tra le forze statunitensi e le SDF da un lato, e dall’altro , la posizione militare russa in un aeroporto locale.

In questo intricato mix, anche diverse fazioni militari allineate sia con Teheran che con Damasco rivendicano queste aree. Kirill Semenov, esperto del Consiglio russo per gli affari internazionali, osserva che “In caso di provocazione da parte di qualsiasi parte, tutte le possibilità saranno disponibili”.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Stati Uniti, Russia e Iran si scontrano in Siria e Iraq

  1. In relazione, chiedo urgenti informazioni su quanto dicono: gli ucraini avrebbero ucciso migliaia di persone in Crimea mediante droni.

      1. si Redazione il solito quotidiano . net / tgcom riportavano “L’Ucraina sfonda la prima linea a sud ” ; “Uccisi piu di mille soldati russi sul Dniepr” : domando da dove prendono queste news senza controllare bene? Chiedo per cortesia.

        1. Notizie inventate di sana pianta per colpire l’opinione pubblica e convincere che la controffensiva ucraina sta funzionando. Importante quindi inviare sempre più armi alla giunta di Kiev.
          Non prestare fede a queste castronerie.

          Saluti

          Luciano Lago

  2. Prendersi la rivincita in Siria ???
    Ormai sono anni che i media occidentali non ripetono più la patetica litania : “Assad se ne deve andare”.
    Possono solo sabotare, rubare petrolio, cercare di limitare la presenza delle milizie iraniane e irachene, ma niente altro !
    Si mettano l’anima in pace, in SIRIA gli USA hanno perso, e Assad resta al suo posto più saldo che mai !

  3. Nel frattempo la Cina toglie terreno sotto i piedi degli Usa.
    L’inflazione sale sempre di più negli Usa.
    Ormai , l’occidente collettivo è destinato a perire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM