Stati Uniti – Il “cane da guerra” vuole mordere, ma cosa e come?

di  Andre Vltchek (*)

Potrebbe essere davvero comico, se non fosse così pericoloso per milioni di persone che vivono in tutto il mondo. L’Impero, una volta potente, spietato e spaventoso ora sta saltando in giro come un cane infetto dalla rabbia; sta sbavando, abbaiando rumorosamente, la sua aggressività è rigida tra le sue gambe.

Scatta a destra ea sinistra, e periodicamente sta anche cercando di mordere un pezzo di Luna. Ma la Luna è lontana, troppo lontana, anche per i migliori armati e per il paese più aggressivo sulla Terra.

L’Iran è molto più vicino, così come la Corea del Nord, la Siria, il Venezuela, la Russia, la Cina, il Pakistan e altre nazioni che sono riuscite a sbarcare su quella proverbiale lista di merda dell’Ordine Mondiale neocolonialista, fabbricato dall’Occidente.

Il General Manager di ciò che l’Occidente ama definire il “Mondo Libero”, si sta comportando sempre più come un teppista e razzista, insultando paesi africani sopravvissuti al genocidio e al commercio degli schiavi, e che sono stati, per secoli, colonizzati, saccheggiati e ridotto in schiavitù da vari stati europei “illuminati”, e in seguito dagli sforzi coordinati dei governi occidentali e delle multinazionali.

Il presidente Trump sta anche offendendo e intimidendo milioni di latinoamericani; persone dell’emisfero occidentale che sono state, per anni, sottomesse sotto l’infame “Monroe Doctrine” della politica estera degli Stati Uniti. Il riassunto di quella Dottrina è stato fondamentalmente questo: fai come dici e quello che è nell’interesse degli USA, o rovescio i tuoi governi, uccido i tuoi leader o addirittura ti posso invadere direttamente dalle tue coste. Ora gli “immigrati illegali” di questi paesi hanno probabilmente intenzione di lasciare gli Stati Uniti. Perché sono poveri (logicamente lo sono, dopo secoli di oppressione e terrore dal Nord), perché non sono bianchi, e perché sono “ignoranti”, o in sintesi, perché non sono “norvegesi” (il Gestore Trump preferirebbe Migranti norvegesi).

Insultare persone e nazioni è una cosa, ma avvicinare il mondo a una guerra nucleare è qualcosa di molto diverso.

Sempre più spesso sembra che la possibilità di un nuovo e orribile conflitto non sia nulla di ipotetico. È uno scenario assolutamente realistico, una grande possibilità, considerando sia lo stato d’animo del Manager, sia persino, progressivamente, lo stato d’animo del pubblico occidentale, che sembra totalmente fuori dal mondo con la sua posizione nel mondo e anche con la propria storia.

Nel frattempo, un macabro cane da guerra sta saltando da tutte le parti, indicando direzioni diverse, pronto a mordere, a divorare, a porre fine alla vita stessa sul nostro Pianeta.

Chi sarà la sua prima vittima?

C’è qualcuno pronto a cedere a una forza brutale, ad arrendersi per paura, ad accettare il destino morboso e ripugnante di nazioni conquistate e in rovina come l’Afghanistan, la Libia o l’Iraq?

Qualunque governo sarebbe così pazzo da permettere all’Occidente di “liberare” il suo popolo?

Io non la penso così; non più. Tutti gli esempi sono troppo orribili. È meglio combattere una guerra, combattere per la propria libertà, piuttosto che diventare una colonia, una terra distrutta, umiliata e usurpata. Ho visto quello che hanno fatto in Afghanistan, in Iraq, nella Repubblica Democratica del Congo. Ho visto e volevo vomitare da quello che ho visto, ma invece ho scritto un’accusa di 800 pagine, da tutto il mondo, chiamata ” Exposing Lies Of The Empire “.

Portaerei USA nel Mediterraneo

L’Occidente ha già terminato il suo credito. Non c’è più fiducia in esso. Il mondo intero sa perfettamente cosa vuol dire essere colonizzato e controllato sia dall’Europa che dagli Stati Uniti.

Il cane della guerra sta cercando un punto debole, dove le sue zanne possono cominciare a lacerare la carne. Ma improvvisamente, sembra che non ce n’è. Tutti i punti sono induriti, difficili.

La Russia e la Cina sono potenze  salde e ad alta capacità, i loro diplomatici umiliano letteralmente le loro controparti dall’Impero occidentale con un comportamento composto, fortemente sofisticato e raffinato. Ma i militari di entrambe le nazioni pacifiche ma potenti sono stati di recente in costante allerta: pronti a difendere la propria gente e l’umanità.

Forze Esercito siriano

Anche l‘Iran e la Corea del Nord non stanno cedendo. La Siria sta iniziando a ricostruire, nonostante il fatto che la sovversione, armata e sostenuta dall’estero, non sia stata ancora completamente sconfitta. Venezuela, Cuba e Bolivia sono ancora lì, in piedi, decisamente non in ginocchio.

All’improvviso, nessuno è pronto ad arrendersi. Questa è la prima volta nella storia che l’Impero ha affrontato un simile disprezzo dal resto del mondo.

Più solida è la determinazione dei vari paesi a non permettersi di colonizzarsi, più diventa folle la danza di San Vito dell’Occidente.

La riluttanza a perdere grandi privilegi e la “posizione dominante” del mondo (compreso il “diritto” di dire al resto del mondo cosa è “corretto” e cosa non lo è) è anche chiaramente incorporata nelle posizioni di vari e pubblicazioni, movimenti e partiti pseudo-sinistra nordamericani: erano sempre pronti a versare lacrime sul destino dei poveri e degli oppressi in ogni parte del mondo, o “combattere contro la guerra / per la pace”, ma sono stati grandemente allergici a quelle nazioni non-bianche che hanno coraggiosamente proclamato il loro diritto a marciare sul loro percorso, o praticamente: a scegliere i loro sistemi politici ed economici, così come il loro modo di vivere.

L’imperialismo, lo sciovinismo e i complessi di superiorità culturale dell’Occidente hanno molte forme e sfumature diverse. Quasi nessun individuo è immune da questi mali, se non si contano quei pochissimi uomini e donne puri che potrebbero essere definiti internazionalisti. Ce ne sono alcuni anche negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Francia, ma non in molti; non molti per nulla.

In passato, quei paesi che erano nella lista dei successi dell’Impero potevano contare solo su se stessi. Ultimamente, questo è cambiato radicalmente: ora possono contare anche l’uno sull’altro.

Ed è per questo che l’Impero sta per perdere! C’è già una coalizione globale contro il suo terrore. Si sta ancora formando e definendo se stessa , ma è già forte.

L’Impero sa che perderà; lo sa intuitivamente, ma continua a negarlo.

Potrebbe ancora rovinare dozzine di milioni di vite umane, prima che sia finita. Molto probabilmente, lo farà. Ma l’era delle tenebre, di quei mostruosi secoli di colonialismo, sarà presto finita.

I cittadini dell’Occidente dovrebbero finalmente pensare alla propria storia. Dovrebbero fare un serio apprendimento, educando se stessi. La maggior parte di loro sono completamente ignoranti, compresi quelli in possesso di vari gradi di istruzione. Che cosa hanno fatto i loro paesi alla Russia, alla Cina, all’Iran, alla Corea, di fatto all’intera Africa, all’Asia, al Medio Oriente e a quella che oggi viene chiamata America Latina?

La storia atroce dell’Occidente sta fluendo nel presente, e se il corso non viene drammaticamente cambiato, continuerà a scorrere nel futuro.

Cumulativamente, stiamo parlando di centinaia di milioni di vite umane distrutte dall’Occidente durante il suo regno colonialista e imperialista. Alcuni dati statistici parlano già di 1 miliardo.

Questo non può essere ritirato, ma la tendenza può essere fermata.

L’Occidente ha assolutamente zero mandato morale per dire a qualsiasi paese del mondo come comportarsi. Il mondo, nonostante il sistematico lavaggio del cervello, sta iniziando a realizzarlo.

Se l’Occidente continua a perseguitare le sue vittime precedenti e presenti, le cose si ritorceranno contro.

L’Europa, l’America del Nord e i loro alleati (complici del crimine) dovrebbero semplicemente sedere sui loro fianchi, piangere e buttare la cenere sul loro capo, per la vergogna e il dolore per gli orrori che hanno attraversato il nostro pianeta, per diversi secoli.

Invece l’Impero anglo-USA sta correndo, abbaiando, mostrando le zanne, cagandosi per la paura di perdere il controllo sul mondo e potrebbe infine essere costretto a giocare secondo le regole internazionali.

Non sembra nemmeno che dovrebbe, invece, essere rapidamente ammesso in un istituto psichiatrico per pazienti particolarmente violenti e sadici.

Il suo manager Donald Trump non è un’anomalia. È stato messo lì, “dove è”, dalla gente. Molti dei suoi sogni e desideri sono identici a quelli delle masse.

In Occidente, non è il primo manager di questo tipo e non è il peggiore. Fa parte di quella lunga tradizione di tiranni. E questa tradizione deve cessare, molto presto, affinché il nostro Pianeta possa sopravvivere.

Questi sono tempi brutali, pericolosi e di prova. Al mostro malato e aggressivo non dovrebbe essere permesso di distruggere completamente il mondo. Chi è già in piedi non dovrebbe mai arrendersi. Altri dovrebbero unirsi. La sopravvivenza della nostra civiltà è in gioco!

*Andre Vltchek è filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. È un creatore di Vltchek’s World in Word and Images , uno scrittore del romanzo rivoluzionario Aurora e diversi altri libri . Il suo ultimo libro: The Great October Socialist Revolution . Scrive in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Fonte: Journal -neo

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • claudio
    3 Feb 2018

    Ci ha fatto una pippa di un’ora per poi arrivare ad insultare Hitler e la nostra intelligenza senza nominarlo.. a bello, primo io NON sono l’occidente, non mi ci identifico.. troppo facile etichettare così.. i russi quando parlano di europa la chiamano GAYROPA.. dovrei sentirmi frocio?? Se posso essere d’accordo con la metafora del cane noto invece gravi carenze nell’indicare chi ha addestrato il cane e per conto di chi abbaia. Se posso essere d’accordo quando esorta alla ribellione contro l’impero del male noto invece gravi dimenticanze sui milioni di morti bianchi e cristiani ad opera dei suoi sodali della ” grande rivoluzione d’ottobre” come la definisce lui.. infine il mio giudizio in merito non raggiunge la sufficienza perchè troppo superficiale..

    • atlas
      4 Feb 2018

      anche il buon Chavez diceva che il fascismo era il male assoluto e al contempo sosteneva che Benito Mussolini era uno dei più grandi statisti del secolo. La terminologia di altri contesti sociali è importante analizzarla perché viene percepita in modo diverso: in sud america ad es. per ‘fascista’ s’intende lo ‘yankee’ nord americano …

  • Mardunolbo
    4 Feb 2018

    la grande rivoluzione socialista d’ottobre ? Poverino, come soffre ! Non ha ancora capito un belin della Storia e dei suoi gestori…
    Filosofo, romanziere e regista…ha ancora tanto da imparare e tra le cose piu’ importanti e’ guardare la storia con occhi piu’ cristiani e si renderebbe conto che le dominazioni imperialiste sono arrivate dalle nazioni “protestanti” e filo-ebraiche.
    Riguardo allo schiavismo dovrebbe imparare da Duke che ha dimostrato come la tratta degli schiavi fosse prerogativa ebraica !
    Il film “Apocalipto” dell’ottimo Mel Gibson, mostra alla massa quel che fu la realta’ dei popoli sudamericani dominati selvaggiamente da Incas ed Aztechi a colpi di clava e scannamenti. Solo la conquista spagnola e portoghese fece cessare le carneficine compiute per gli dei satanici.

    • atlas
      4 Feb 2018

      che Mel Gibson sia ottimo sono d’accordo, che spagnoli e portoghesi cristianizzino altri liberi popoli nelle loro terre NO. Non credo a te piaccia essere wahhabizzato per cui non volere per altri ciò che non vuoi per te

Inserisci un Commento

*

code