Stati Uniti e Israele hanno fatto introdurre le armi in Iran per provocare il caos durante le rivolte: FM


Il ministro degli esteri iraniano afferma che gli Stati Uniti e il regime israeliano hanno fatto introdurre armi da fuoco oltre i confini iraniani durante le recenti rivolte che hanno avuto luogo nella Repubblica islamica come mezzo per provocare il caos in tutto il paese.

Hossein Amir-Abdollahian ha fatto le osservazioni in un’intervista alla National Public Radio (NPR), che è una rete di circa 900 stazioni radio pubbliche negli Stati Uniti. L’intervista è stata condotta mercoledì presso il ministero degli Esteri iraniano a Teheran dalla conduttrice del canale radiofonico Mary Louise Kelly.

“Gli armamenti americani e israeliani [sono stati] introdotti [nel] paese attraverso alcuni dei nostri vicini meno stabili”, ha detto.

“In effetti, ciò che loro (gli Stati Uniti e il regime israeliano) hanno fatto è stato provocare il caos tra folle e masse e, in effetti, hanno fatto ricorso agli armamenti in questione [per promuovere i loro obiettivi]”, ha osservato il massimo diplomatico.

Ministro dell’Interno iraniano: i rivoltosi hanno sfruttato la morte della giovane donna per provocare il caos
Il ministro dell’Interno iraniano Ahmad Vahidi afferma che i recenti disordini non hanno nulla a che fare con la morte di Mahsa Amini e che la questione viene sfruttata dagli agitatori per provocare il caos in tutto il paese.
I disordini sono scoppiati lo scorso anno a Teheran e poi si sono diffusi in tutto il Paese dopo la morte di una giovane donna iraniana, di nome Mahsa Amini.

Amini, che era stata portata in una stazione di polizia nella capitale iraniana per ricevere una formazione educativa sull’hijab e sulle regole del codice di abbigliamento, sarebbe improvvisamente crollata a terra alla stazione e poi messa in un’ambulanza per essere trasferita in ospedale.

La polizia ha successivamente rilasciato il filmato della telecamera a circuito chiuso della giovane donna alla stazione, che ha confermato pienamente la veridicità dei rapporti delle forze dell’ordine sulla sua morte.

Amir-Abdollahian ha respinto l’affermazione dell’NPR secondo cui “decine di migliaia”di persone erano state arrestate durante i disordini e che “centinaia di persone sono state uccise”.

Ha piuttosto fissato il numero degli arrestati a “centinaia”, identificando quelli che erano stati rastrellati solo come “quelli che avevano avuto una mano nei disordini di strada”, e affermando che nessuno studente era stato arrestato né nelle università né nelle loro scuole locali.

Rifiutando ciò che l’ospite della NPR ha definito un presunto bilancio di centinaia di morti durante i disordini, Amir-Abdollahian ha affermato: “Il numero delle vittime durante i disordini non è stato dichiarato correttamente”, aggiungendo: “Nonostante l’intensa tensione durante i disordini , la polizia [iraniana] non era autorizzata a portare armi da fuoco”.

Il perdono del presidente

Amir-Abdollahian, intanto, ha affrontato la questione di un recente decreto del leader della rivoluzione islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei, che ha consentito la grazia di un numero considerevole di coloro che erano stati arrestati durante i disordini, attribuendo il decreto alla “speciale attenzione al tema della clemenza e della misericordia”.

Centinaia di persone sono state graziate e rilasciate sulla base del decreto, ha detto il ministro degli Esteri, “tranne coloro che hanno commesso omicidi o altri reati gravi”.

L’attenzione dell’occidente sulle rivolte in Iran contro la sua copertura dell’omicidio di Abu Akleh

Affrontando ancora la questione dell’eccessiva attenzione dell’Occidente sulla questione dei disordini in Iran, l’alto diplomatico ha chiesto come mai i media occidentali non abbiano prestato la stessa attenzione all’assassinio di Shireen Abu Akleh da parte del regime israeliano.

Shireen Abu Akleh. giornalista palestinese di Al jazeera uccisa dalle forze israeliane mentre riprendeva il campo profughi in Cisgiordania

La giornalista di Al Jazeera è stata colpita alla testa e uccisa dalle forze dell’esercito israeliano l’11 maggio mentre copriva il loro raid nel campo profughi di Jenin, nella parte settentrionale della Cisgiordania occupata da Tel Aviv. Al momento della sua uccisione, la giornalista 51enne indossava abiti con la dicitura Press facilmente riconoscibili.
“È molto facile rinominare qualcuno che è stato detenuto. In qualsiasi momento, puoi [scegliere di] chiamare la persona in questione un difensore dei diritti umani, un giornalista e cose del genere”.

Il truffatore, che l’occidente ha affermato di essere stato “torturato fino al coma”, è stato sorpreso a fuggire dall’Iran
Consapevole della campagna di disinformazione senza esclusione di colpi contro l’Iran, Hassan Firouzi ha cercato di trarne vantaggio e di vendere la sua storia inventata agli organi di propaganda anti-iraniani in Occidente.

“Nessun giornalista è stato arrestato durante i disordini. Vede, solo due settimane fa è successo qualcosa in Iran. Un truffatore doveva fuggire dall’Iran. Quello che ha fatto, per aiutare la sua fuga, è stato pubblicare video sui social media dicendo che – affermando che era un manifestante, che è stato sottoposto a torture. Ma in realtà era un truffatore e una persona fraudolenta”, ha osservato il ministro.

Fonte: Press. TV

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM