Stati Uniti e Cina si avvicinano al conflitto aperto


di Dmitry Sannikov

Gli Stati Uniti e la Cina si sono scambiati le “cortesie del nuovo anno”, riferisce DEITA.RU.

Secondo “Tsargrad” , il nuovo 2019 è iniziato a Washington con una dichiarazione sul fatto del primato della minaccia cinese. Il nuovo capo del Pentagono ha richiesto che i suoi subordinati vogliano massacrare sotto il loro naso: “la Cina, Cina e ancora Cina”.

A Pechino, nelle condizioni della guerra commerciale dichiarata dalla Repubblica popolare cinese (RPC), hanno deciso di non essere timidi e hanno suggerito una risposta asimmetrica agli americani .

L’attacco è stato pre annunciato nel punto strategico più doloroso per gli Stati Uniti – Taiwan. Il 2 gennaio, il presidente della RPC, Xi Jinping, ha dichiarato che non ha escluso l’uso della forza per riprendere il controllo dell’isola, che da Pechino è considerata la sua provincia ribelle.

Il leader cinese ha sottolineato che la possibile indipendenza di Taiwan sarebbe “una vera catastrofe” e Pechino farà quindi il possibile per riportare l’isola sotto la sua giuirisdizione. Se necessario, verrà utilizzata la forza militare per questo – contro i “separatisti” e le “forze esterne” ostili, poiché “l’indipendenza di Taiwan va contro il corso della storia e porterà a un vicolo cieco”.

Secondo gli esperti di “Tsargrad”, un conflitto sfaccettato tra le due principali potenze mondiali sarà il contenuto principale non solo del prossimo anno, ma anche del futuro. Ciò significa che gli eventi epocali non ci metteranno molto ad aspettare, e la Russia dovrebbe essere pronta a trarne il massimo beneficio.

Fonte:
http://deita.ru/ru/news/ssha-i-kitaj-vse-blizhe-k-otkrytomu-konfliktu/

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code