Stati Uniti e Canada Stanno per invadere il Donbass?

Si accrescono a Donetsk i timori di una prossima grande offensiva dell’Esercito ucraino che ha accumulato uomini, mezzi blindati e artiglierie sulla linea antistante alla Regione di Donetsk dove già da tempo, sebbene sporadicamente, sono continuati gli scontri ed i tiri di artiglieria con le formazioni della autoproclamata Repubblica di Donetsk.

di  Paul Antonopoulos

Il capo dell’ufficio stampa del comando operativo dell’esercito di liberazione popolare di Donetsk, Daniil Besnosov, ha dichiarato domenica che un gran numero di militari stranieri è arrivato nel territorio del Donbass, tra cui, hanno riferito, ufficiali militari di alto rango degli Stati Uniti e del Canada .

“I nostri servizi di intelligence hanno registrato l’arrivo di un gran numero di militari stranieri dalla 56a brigata di fanteria motorizzata e dalla 406a brigata di artiglieria, che si stanno concentrando sulla regione di insediamento di Urzuf”, ha detto.

“Inoltre, l’arrivo di un gruppo di militari di alto rango delle forze armate statunitensi e canadesi […] Non possiamo escludere che il personale militare straniero sarà direttamente coinvolto nella pianificazione e nella realizzazione di un’offensiva”, ha aggiunto Daniil Besnosov .

Il capo dell’ufficio stampa ha dichiarato che l’informazione era legata ai preparativi da parte dell’esercito ucraino per aggravare il conflitto nel sud della regione di Donetsk.

Venerdì, il leader della Repubblica popolare di Donetsk, Aleksandr Zakharchenko, è stato ucciso a seguito di un attentato terroristico a mezzo di un’esplosione in un ristorante della capitale della regione. Il giorno dopo, il rappresentante ufficiale del comando operativo della repubblica autoproclamata, Eduard Basurin, ha affermato che i militari ucraini stanno preparando un’offensiva a Donbass, ampiamente trattata dalla FRN nei giorni precedenti.

Nel 2014, le autorità ucraine hanno iniziato un’operazione militare contro la zona di Donetsk e la Repubblica popolare di Lugansk, che hanno dichiarato la loro indipendenza dopo il colpo di stato che ha avuto luogo in Ucraina nel 2014 da parte di forze reazionarie e filoamericane. Secondo le ultime stime ONU, le azioni militari dell’Esercito ucraino contro il Donbass hanno provocato la morte di oltre 10.000 persone.

Nel febbraio 2015, le parti in conflitto hanno firmato gli accordi di pace di Minsk per porre fine ai combattimenti nella regione, ma la situazione rimane tesa, con entrambe le parti che si accusano reciprocamente delle violazioni del cessate il fuoco, ma il governo di Kiev mantiene apertamente una retorica aggressiva e si rifiuta di riconoscere un sistema di autonomia federativa stabilito negli accordi.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • mosca tze tze
    4 Set 2018

    Il vero problema è che il popolo ucraino è alla fame e tolti i 4 nazifroci nessuno se la sente di morire x i ladri che la governano
    Cosi come le repubbliche separatiste non si prendono la briga di invadere i territori ucraini dovendo farsi carico della popolazione affamata.

  • Mardunolbo
    5 Set 2018

    Non v’è dubbio che vi siano ufficiali delle due nazioni criminali nord-ameri-cagne ! Da tempo risultavano presenti questi scagnozzi lacchè di Usraele, in Ucraina.
    C’è da chiedersi cosa facciano in una nazione che non è nemmeno nell’alleanza Nato. Forse i “supervisori” degli accordi di Minsk ? Ah,ah,ah !

Inserisci un Commento

*

code