"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Stampa britannica: territorio italiano a rischio tribalizzazione

di  Bruno Battaggia Bandolino

Secondo la stampa inglese il territorio italiano sarebbe a forte rischio di tribalizzazione, che tradotto in termini semplici significa che le bande di migranti potrebbero appropriarsi di aree più o meno vaste delle nostre città (come in parte hanno già fatto) e difenderle come fossero una loro proprietà, proprio come si usa fare nelle zone africane attraversate da guerre civili e conflitti tribali.

A fare questa rivelazione è un articolo del “Times”, datato 29 giugno 2017, e un altro del “The Guardian” dell’agosto scorso. Entrambi i giornali parlano di gang di criminali africani, perlopiù nigeriani e centrafricani, operanti in Italia e già all’attenzione dell’intelligence britannica, che inizialmente collaboravano con le mafie locali per lo sfruttamento della prostituzione e il traffico di droga, ma che ora si stanno organizzando sotto forma di gruppi paramilitari per controllare il territorio italiano.

I membri di queste gang sono solite usare il machete come arma (oltre a coltelli, asce e bastoni) e oggi usano il Sud-Italia, specialmente la Sicilia e la Campania, come punti di reclutamento per centinaia di migliaia di immigrati clandestini. Rodolfo Ruperti, capo della polizia di Palermo, aveva dichiarato proprio al Times che è estremamente complicato sgominare le gang di immigrati (suppongo data la scarsità di mezzi, l’eccessiva presenza di immigrati irregolari, l’inefficienza del sistema giudiziario e l’atteggiamento punitivo della politica e dei magistrati nei confronti delle forze dell’ordine invece che dei delinquenti), e che soprattutto queste stanno conoscendo un rapido radicamento sul territorio. Il rischio paventato dalla stampa inglese è che tali organizzazioni criminali possano armare gli ospiti dei numerosissimi centri d’accoglienza o gli occupanti abusivi degli edifici cittadini, proprio al fine di dare vita a fenomeni di guerriglia urbana.

Sarebbero queste le ragioni che avrebbero spinto il governo britannico ad un ulteriore stretta sui flussi migratori, in special modo quelli provenienti dall’Italia: pare che Scotland Yard abbia consigliato all’esecutivo maggiori controlli sui voli e sui mezzi su gomma e rotaia provenienti dal Bel Paese.

Tuttavia la politica italiana sembra non essere affatto allarmata da una situazione che va rapidamente degenerando e che rischia di deflagrare da un momento all’altro. Anche se il fenomeno delle bande di criminali che controllano interi pezzi del territorio italiano sarebbe già una realtà e che ora la cosa rischi di aggravarsi ulteriormente visto il flusso incontrollato di migranti africani, le indicazioni, secondo autorevoli fonti della polizia, sarebbe quella di sorvolare sulla questione al fine di non allarmare la popolazione e di non suscitare scompiglio tra gli immigrati. Capite? Lo Stato si è arreso alla delinquenza e ritiene la sensibilità e i diritti degli immigrati più importanti della sicurezza e del mantenimento dell’ordine nelle nostre città.

A quanto pare non bastano gli stupri, le rapine e le violenze diffuse a svegliare i nostri governati: bisogna forse aspettare che i profughi si armino ed inizino a terrorizzare intere comunità, appropriandosi di pezzi interi del nostro Paese, perché i benpensanti della sinistra mondialista che (ancora per poco) ci governano si decidano a fare qualcosa? Ma forse anche allora i compagni di sinistra proporranno come soluzione il dialogo con gli invasori, l’educazione civica nei centri d’accoglienza, i corsi di integrazione e cultura africana nelle scuole, l’elargizione di sussidi e case popolari agli immigrati e l’accoglienza diffusa.

Le notizie che giungono dall’Inghilterra (e che in Italia i media politicizzati si guardano bene dal divulgare) sono drammatiche: ci dicono che sul nostro Paese si addensano minacciose le nubi della guerra civile e che gruppi di criminali armati si preparano a costituire delle enclavi etniche. Questo governo idiota ha avuto un ruolo centrale nel favorire questo rischio. Quello stesso governo che pensa di prevenire episodi di violenza regalando case e sussidi ai profughi prima di sgomberarli dagli edifici occupati abusivamente.

Migranti violenti ed arrabbiati

Per quello che mi riguarda ritengo intelligente correre ai ripari prima che la situazione degeneri ulteriormente, ed è per questo che suggerisco di commissariare militarmente le zone rurali e i quartieri delle città ad alta concentrazione di immigrati, naturalmente dando pieni poteri ai nostri soldati e ai loro comandanti e sospendendo la giurisdizione ordinaria, al fine di riportare ordine, regole e pulizia nelle zone d’Italia che l’alleanza Pd-Vaticano-Cooperative-Ong ha sostanzialmente regalato a bande di clandestini violenti e pericolosi.

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali: la sicurezza è un bene primario che lo Stato ha il dovere di garantire, a prescindere da considerazioni boldriniane sui presunti diritti degli immigrati. Il primo diritto è quello degli italiani alla sicurezza e alla vita: uno dei tanti di cui questo governo catto-comunista si è dimenticato.

Bruno Battaggia Bandolino

*

code

  1. SEPP 3 settimane fa

    Lo stato non esiste piu’, anzi direi che lo stato per il cittadino di questa penisola
    non e’ mai stato a suo favore, una chiesa che nel suo vangelo elogia il figliuol
    prodigo, il suo capo si fa crocifiggere con i ladroni, una dottrina che disarma
    i suoi fedeli, una chiesa che benedice due eserciti cattolici affinche’ si scannino
    meglio.
    Gli stati passati erano stati che si sostenevano sulla schiavitu’ permanente delle
    popolazioni, basta vedere che l’agricoltura era solo di sostentamento e che mai
    si era evoluta, l’industria inesistente, si comprava e si copiava dall’estero,
    i suoi regnanti vivevano di rendita cone oggi fanno i fazenderos sudamericani
    sotto il giogo della ciquita.
    Con capi cosi’ dove si vuole andare? gente che pur di non essere toccata darebbe in
    pasto i suoi figli, gente senza valori e che non ne trasmette, famiglie regnanti con
    tare genetiche, sterili di pensiero.
    Cosi’ governati da omuncoli dobbiamo subire inermi la loro impotenza, perche’
    alla fine anche se chi decide per loro sono parenti, loro sono e rimangono i parenti
    deficienti ed inetti.
    Non e’ colpa nostra come l’autorita’ vi vuol fare credere, i traditori sono all’interno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mardunolbo 3 settimane fa

      Un’accozzaglia di idee raffazzonate, ma il finale e’ buono…Teniamo conto solo del finale del SEPP !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 3 settimane fa

        Idee? Quali idee?!
        Un florilegio di spropositi che sarebbero più appropriati, se riferiti al Ruanda Burundi…
        Ma di quale Paese parla, costui?!
        Sa cosa sia la Chiesa Cattolica? E’ riuscito a capire perché “il capo che si fa crocifiggere con i ladroni”?
        Ha mai letto la Dottrina Cristiana?
        “Schiavitù” negli Stati Italiani? Ma quando mai?!
        Ha mai letto -non dico studiato- la Storia d’Italia?
        “… l’agricoltura era solo di sostentamento e che mai si era evoluta”…
        Lo sa che già dal tardo Medioevo, grazie allo sfruttamento delle acque Po, in Pianura Padana si produceva grano, frutta e verdura su larga scala?
        Sa che in tutta Italia, già da allora, l’allevamento era particolarmente intensivo, e si distingueva per una forte produzione di materie tessili e che, già da allora,
        lana e formaggi di inimitabile qualità venivano esportati in tutta Europa?
        “…l’industria inesistente, si comprava e si copiava dall’estero”…
        L’avrà capito o no, che il Regno delle Due Sicilie era la terza potenza industriale in Europa e che erano gli Inglesi che “copiavano” l’Industria siderurgica Borbonica?
        Glielo hanno detto che l’Italia ha regalato al Mondo “un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori”?
        Si è mai reso conto che, durante il Ventennio, l’Italia era una Nazione stimatissima nel Mondo intero? Che persino in Inghilterra furono fondati i Fasci di Combattimento?

        Se tutte le sue affermazioni si riferiscono al periodo buio, dal 1945 ad oggi, allora sì che si può tener conto di ciò che scrive…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Aldus 3 settimane fa

      Purtroppo lo Stato esiste ancora, ma impedisce alla gente comune di difendersi, e all’esercito di agire e all’Italia di essere Stato sovrano. Finirà all’opposto di adesso, col ritorno di leggi alla Rocco e col rigetto di tutta la dottrina dal 45 a oggi. E si sputerà su tutta la storia ultima e sui suoi politici e intellettuali. Ma dopo chissà che disastro, ed è questo, che spiace, perché si finirà all’opposto completo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 3 settimane fa

    Ripeto ancora, in sintesi, un discorsetto che sto facendo da veruni anni.
    Quello che abbiamo davanti ai nostri occhi, in Italia, è un semi-stato neoliberista privato di sovranità effettiva, monetaria e politica.
    Questo semi-stato è retto da collaborazionisti sub-politici dei poteri esterni global-finanziari e, come tale, non si occupa del controllo del territorio, dell’affermazione della legalità e della sicurezza (anche fisica) dei cittadini, avendo ben altri scopi …
    La “tribalizzazione” paventata nell’articolo, che riguarderebbe l’Italia, è un rischio concreto, anzi, in alcune parti del paese già una realtà.
    La presenza di torme di immigrati clandestini, arrivati con i barconi in questi ultimi anni, non fa che amplificare a dismisura il rischio “tribalizzazione”, visto che l'”accoglienza” – che dovrebbe avvenire con conseguente sistemazione civile per gli stessi – è soltanto uno slogan politicamente corretto che nasconde la volontà si sostituzione progressiva della popolazione autoctona.
    Compito del semi-stato retto da collaborazioni, cui è ridotta l’Italia, è quello di servire gli interessi privati delle Aristocrazie globali del denaro e della finanza, nonché di agevolare la sostituzione e il meticciato della popolazione, distruggendo le tradizioni e l’identità nazionale italica …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maboba 3 settimane fa

      In fatti gli episodi in cui militari e carabinieri nell’esercizio delle loro funzioni (avevano fermato un immigrato per controlli) sono
      stati circondati da gruppi di clandestini senza che vi siano stati provvedimenti immediati di espulsione rivela che ormai questo
      “stato” ha ormai abdicato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Renè 3 settimane fa

    Secondo me il Sig. Bruno etc… non ha capito un kazz… anzi, pensavo scherzasse: il governo italiano non si è “arreso alla delinquenza” ne deve “svegliarsi”
    Il governo di sinistra VUOLE stupri, le rapine e le violenze diffuse i compagni VOGLIONO IL CAOS, perchè sono servi e glielo hanno ordinato e gl’hanno fatto credere che servirà a mantenere il potere, il denaro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ubaldo Croce 3 settimane fa

    Sarà dura svegliare gli italioti inboldrinati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio 3 settimane fa

    “Questo governo idiota…”, probabilmente un refuso di stampa, ” si voleva scrivere “Questo popolo idiota….”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Werner 3 settimane fa

    Il rischio di “tribalizzazione” del nostro paese a causa di questa feccia negroide di cui parla il Times, è sicuramente concreto, ma a coloro che scrivono per quello che è il più prestigioso quotidiano, sarebbe consigliabile prima guardarsi in casa loro, visto che nei quartieri periferici di Londra e delle altre grandi città inglesi come Birmingham, Liverpool, Manchester o Leeds, non vi abita più neppure un nativo inglese e sono abitati quasi esclusivamente da afro-caraibici, indiani e pakistani. Orbene, costoro si sono impadroniti di quelle aree periferiche e per un nativo inglese sono praticamente inaccessibili e se osa mettervi piede viene picchiato selvaggiamente dalle gang di figli di immigrati, che ricordiamo, sono cittadini britannici per ius soli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aldus 3 settimane fa

    E’ da più di dieci anni che lo si paventa, e hanno ragione quelli che dicono che alla sinistra e ad altri non gliene frega un cazzo, perché odiano l’Italia e la vogliono distrutta e pure guadagnarci sopra. Così è per il Vaticano degradato e corrotto in fase terminale. Del resto giornali e TV dicono niente e distraggono la percezione del pericolo. E’ lo specchio della morte organica di una nazione sorta dal dopoguerra a base di bugie e mafie e colonialismo americano e inglese. Non si progredisce con i venduti e con politici che si rassegnano metaforicamente a frugare anche nell’immondizia pur di tirare avanti. La nave affonda, ma nella sala dei signori croceristi si continua a ballare e cantare e ubriacarsi. Sarà interessante vedere quanta forza neurica e psichica è rimasta nei giovani Italiani quando si vedranno sottrarre campagne e città da un esercito armato di negri drogati e bastardi. Giovani attuali con fisico da atleta etesta da uccello, che a quanto pare neppure sanno quanto siano furbi questi negri e arabi che stanno impadronendosi del territorio sotto il loro naso. E’ caduto il mito dell’eterno progresso e benessere e pace: tutto va difeso, e se l’Italia non combatte in sé stessa, corre il rischio di sprofondare nel medioevo postcontemporaneo, ove i pc sono accesi nelle case blindate e sotto le finestre la gente viene ammazzata anche solo per capriccio. Quando spunteranno predoni e banditi a svaligiare autobus e tir, quando ci saranno mura alte dieci metri per proteggersi da negri e arabi, quando gli scontri a fuoco fra carabinieri e bande di immigrati saranno all’ordine del giorno, allora sarà troppo tardi. Troppo tardi, perché la devastazione sarà tale da essere inestinguibile. Ma dato il carattere sciagurato di tanti Italioti che pensano sempre che certe cose possano capitare solo agli altri e mai a loro, o che preferiscono rubare e gozzovigliare perché servi del loro vivere anarchico, è probabile che solo di fronte alla distruzione, cioè alle bande armate di questi immigrati, alla morte di tanti di loro italioti, allora si desteranno senza più rispetto a loro volta per nessuno, e ci vorrà del bello e del buono per infine calmare gli italioti armatisi a propria volta, mentre tantissimi altri italioti staranno tappati in casa a morire di paura nascosti dietro finestre tappate e porte rinforzate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Werner 3 settimane fa

      Condivido in pieno. Complimenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. animaligebbia 3 settimane fa

    Che maleducati, ma non dovevano pagarci la pensione? Scherzi a parte,non credo che la situazione sia cosi’ grave.Vivo da qualche anno nella periferia romana da un po’ al centro dell’attenzione (la famosa via del frantoio) e la situazione non e’ ancora fuori controllo,ma il pericolo paventato dall’articolo e’ ben presente e non dobbiamo sottovalutarlo.Per quanto riguarda il sud,non credo che gli africani vadano oltre ill piccolo spaccio di piazza e la prostituzione,attivita’ che la mafia ha sempre disprezzato,e chiunque voglia armarsi a sud deve passare per la mafia,senza eccezioni.Credo che la stampa estera sia fautrice di una campagna di propaganda contro il nostro Paese,allo scopo di danneggiare l’industria turistica a forza di stupri sulle turiste addirittura da parte di carabinieri ,adescati sapientemente da “universitarie ” americane.Anche questo e’ terrorismo,e una campagna di stampa ben orchestrata puo’ fare piu’ danni di un attentato.Cordialmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. SEPP 3 settimane fa

    Lister,
    il tuo ardore nelle cose sacre e’ degno
    di un cavaliere templare.
    Ti chiedo: tu c’eri ai tempi di joshua?
    c’eri quando attila scese in italia?
    c’eri allo sbarco dei mille a marsala?
    Io non c’ero, se permetti mi pregio di
    dubitare di tutto, specie di quello che
    viene propagandato come santo e bello.
    Se veramente eravamo un posto cosi’
    paradisiaco, oggi anche nelle avversita’
    ne vedremmo i resti.
    Pero’ da un attento esame sul campo,
    non trovo niente del passato, il po scorre
    li dove forse scorreva sempre, non so se
    i lombardi di oggi sono quelli che si legge
    nei libri, la chiesa era una ditta familiare,
    lo dice la storia, distrutto civilta’ intere,
    cancellato tradizioni e culture, assassinato
    popoli solo per una virgola fuori posto,
    alla faccia della religione dell’amore.
    Il fascismo di cartapesta, ha salvato
    dal fallimento innumerevoli italiani facoltosi,
    infatti era cosi’ solido che si squaglio’ come neve
    al sole.
    Ti rendi conto che la storia ce la raccontano come
    vogliono?
    O sei un romantico dei tempi andati?
    Dimmi, cosa vedi in questa italia che ti ricorda
    le vestigia antiche?
    Non so se sia mai esistito ma dicono che a delfi
    c’era un tempio con la scritta posta sul frontone “Conosci te stesso”
    Amen.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jane doe 3 settimane fa

      Bellissimo intervento….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. lister 3 settimane fa

      Ciò che ha fatto Gesù, me lo dicono quattro suoi Coevi.
      Ciò che ha fatto Attila e chi lo ha fermato e ricacciato, me lo dicono i testi dell’Epoca.
      La verità sullo sbarco dei Mille, me la dicono i suoi stessi “mille”.

      Resti del Paese “paradisiaco”?
      Tanto per partire dal Medioevo:
      -un Popolo di Poeti. Mai letta la Divina Commedia? Le poesie di Leopardi, Pascoli, Carducci, solo per nominarne tre?
      -un Popolo di Artisti. Mai visti i dipinti di Giotto, di Cimabue? Sai qualcosa della scoperta della Prospettiva da parte del Brunelleschi?
      Mai rimasto estasiato davanti alla Pietà, alla Cappella Sistina e migliaia di altri esempi della Scultura e della Pittura Rinascimentele?
      E dell’Architettura?
      -un Popolo di Eroi. Mai letta la storia di Ettore Muti? Mai lette le lettere dei condannati a morte della RSI?
      -un Popolo di Santi. Conosci San Francesco, San Benedetto? Santa Rita e, ultimo di una lunghissima lista, San Pio?
      -un Popolo di Pensatori. Hai notizie dei tanti filosofi italiani?
      -un Popolo di Scienziati, di Navigatori, di Trasmigratori? Sempre Italiani???

      Il Fascismo ha realizzato così tante opere in 20 anni che mai tutti i Governi messi insieme, dal ’46 ad oggi, sono riusciti a fare.

      Vedi bene che TUTTO in Italia, dalle Alpi a Pantelleria, mi ricorda le vestigia antiche!!!

      Prova a farti una cultura invece di sproloquiare…
      (lo stesso dicasi per Jane Doe)

      Rispondi Mi piace Non mi piace