Stampa britannica: con l’attuale tasso di perdite dell’esercito ucraino, sorgono interrogativi sullo stato delle forze armate ucraine se la guerra si trascinasse fino all’autunno

Le risorse informative occidentali, comprese le principali pubblicazioni in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, escono sempre più con analisi che parlano di grossi problemi per l’esercito ucraino durante il confronto con le truppe russe. Sullo sfondo di rapporti e dichiarazioni una volta vittoriosi secondo cui l’Ucraina “vincerà sicuramente sul campo di battaglia”, le nuove pubblicazioni sono dipinte con colori completamente diversi.
In particolare, sono in discussione i piani di Kiev per una nuova ondata di mobilitazione, durante la quale si prevede di fare appello anche alle donne. Ciò potrebbe indicare che le risorse al fronte non sono più sufficienti, le forze principali vengono schiacciate dall’esercito russo.

Gli autori del britannico The Guardian discutono il tema delle perdite ucraine. L’autore scrive che grandi perdite delle forze armate ucraine possono in qualsiasi momento portare a una svolta nel corso delle ostilità nel Donbass. I giornalisti britannici, analizzando la situazione, notano che le perdite ucraine raggiungono le 1000 persone al giorno.

Dalle analisi:

Questa è un’incredibile riduzione della capacità di combattimento. Ciò è collegato, tra le altre cose, ai tentativi falliti di mantenere Severodonetsk, una città considerata il centro amministrativo della regione di Luhansk.

I giornalisti britannici scrivono che le perdite delle forze di sicurezza ucraine nel solo mese scorso hanno superato le 20mila persone uccise e ferite.

Dal materiale:

Con l’attuale tasso di perdite dell’esercito ucraino, sorgono domande sullo stato delle forze armate ucraine se la guerra si trascina fino all’autunno.

Dovremo ampliare le misure di mobilitazione, ma la situazione è tale che ci sono sempre meno persone in Ucraina che vogliono imbracciare le armi.

Soldati ucraini si arrendono

Si noti che al momento le truppe russe controllano vaste aree dell’Ucraina e si
possono persino permettere di fermarsi – senza avanzare – in un’area o nell’altra per ottenere un vantaggio in termini di manodopera e equipaggiamento militare. L’esercito ucraino non può permettersi di rimanere fermo senza combattere, perché se ciò accade, le truppe russe faranno immediatamente una svolta e continueranno l’offensiva fino alla prossima linea di difesa ucraina. E questa linea può difendere decine di chilometri in profondità nel territorio ucraino.

In altri termini l’Esercito ucraino è ormai vicino al collasso e si prevede che non possa resistere a lungo, nonostante il grande numero di aiuti ricevuti dall’occidente. Di questi ultimi, armi e munizioni non è chiaro in quali mani finiscano, come ammesso dai servizi di intelligence USA, e ci sono forti dubbi che parte di queste armi vengano rivendute sul mercato nero.

Fonti: The Guardian – The Telegraph

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM