Sta cadendo una seconda scarpa geostrategica (oltre all’Ucraina).

di Alastair Crooke (*)

I BRICS 11 stabiliscono un polo di influenza e di peso globale che ha il potenziale di eclissare per portata quello del G7.

Mentre è ormai chiaro ad un numero crescente di persone in Occidente che qualcosa è andato terribilmente storto nel progetto ucraino delle élite, e che le previsioni e le aspettative esagerate secondo cui le forze russe sarebbero state “messe al tappeto per sei” da un “pugno” corazzato, si sono rivelate spettacolarmente sbagliate, quelle stesse élite stanno sbagliando ancora una volta – su un’altra questione strategicamente decisiva: ignorano ancora in gran parte la “realtà” – per amore del controllo della “narrativa”. In questo caso, l’Occidente preferisce schernire le implicazioni delle nuove adesioni ai BRICS (per non parlare degli altri 40 stati pronti ad aderire): “Niente da vedere lì”.

I BRICS sono solo un miscuglio di stati privi di coesione o di filo comune, affermano i media occidentali. Non potranno mai sfidare il potere globale degli Stati Uniti, né il puro peso finanziario della sfera del dollaro. Tuttavia, il Global Times cinese spiega in toni miti, uno scenario diverso :

“Il motivo per cui il meccanismo BRICS ha un così grande fascino… riflette una delusione generale di molti paesi in via di sviluppo nei confronti del sistema di governance globale dominato e interferito dagli Stati Uniti e dall’Occidente. Come la Cina ha ripetutamente sottolineato, il tradizionale sistema di governo globale è diventato disfunzionale, carente e disperso, e la comunità internazionale si aspetta con urgenza che il meccanismo BRICS rafforzi l’unità e la cooperazione”.

Altri nel Sud del mondo lo dicono in modo più crudo: il meccanismo BRICS è visto come un mezzo per eliminare le ultime vestigia del colonialismo occidentale e acquisire autonomia. Sì, certo, BRICS 11 inizialmente sarà più cacofonia che opera tranquilla, ma rappresenta comunque un profondo cambiamento della coscienza globale.
Il “marasma” in Ucraina è comunemente attribuito a un semplice “errore di calcolo” da parte delle élite occidentali: non si aspettavano che la società russa fosse così robusta, né così salda sotto pressione.
Eppure non si è trattato di un piccolo errore da parte dell’Occidente, dal momento che il riconoscimento delle contraddizioni dottrinali della NATO, dei suoi armamenti di second’ordine e della sua incapacità di pensare in modo rigoroso – al di là delle frasi del domani – ha (inavvertitamente) puntato i riflettori sulla disfunzione più profonda in Occidente – una questione che va ben oltre la semplice situazione relativa al progetto Ucraina.
Molti in Occidente vedono le principali istituzioni della società rinchiuse in una soffocante ortodossia; in un intenso livello di polarizzazione politica e culturale; e con la riforma politica effettivamente bloccata.
La guerra per procura contro la Russia è stata tuttavia lanciata attraverso l’Ucraina, proprio per riaffermare il vigore globale dell’Occidente. Sta avendo l’effetto contrario.
La guerra finanziaria (al contrario della guerra di terra in Ucraina) è stata la contropartita al cambiamento di regime a Mosca: la guerra finanziaria aveva lo scopo di sottolineare l’inutilità di opporsi alla pura “forza” rappresentata dall’egemonia del dollaro – agendo di concerto. Era in sostanza l’egemone geloso che chiedeva obbedienza.
Ma questa presunzione si è ritorta contro in modo spettacolare . E tale situazione ha contribuito direttamente non solo all’espansione dei BRICS, ma anche a far sì che le risorse energetiche del Medio Oriente e le materie prime dell’Africa sfuggano al controllo occidentale. Piuttosto che le minacce occidentali di sanzioni e ostracismo finanziario che creano paura e riaffermano l’ossequio, tali minacce, al contrario, hanno mobilitato sentimenti anticoloniali in tutto il mondo; questo ha alimentato la comprensione che la costruzione finanziaria occidentale equivaleva a tutela e che qualsiasi acquisizione di sovranità richiedeva l’atto di de-dollarizzazione.

E anche qui sono stati commessi errori madornali: errori di portata geostrategica sono stati commessi quasi casualmente e senza la dovuta diligenza.
L’errore primordiale è stato quello del Team Biden (e dell’UE) che ha sequestrato illegalmente le riserve estere della Russia; espellere la Russia dal sistema di compensazione finanziaria, SWIFT; e l’imposizione di un blocco commerciale così totale che (si sperava alla Casa Bianca) i suoi effetti avrebbero abbattuto il presidente Putin. Il resto del mondo ha capito: potrebbero facilmente essere i prossimi. Avevano bisogno di una sfera resistente alle predazioni finanziarie occidentali.

Tuttavia, il secondo errore strategico di Biden (& Co.) ha amplificato l’errore del loro blitz finanziario iniziale “senza precedenti”. Questo errore ha segnato la “seconda scarpa da lasciare cadere” nella defenestrazione dell’impero finanziario americano da parte di Biden: ha trattato Mohammad bin Salman (e i sauditi in generale) con disprezzo: ordinando loro di aumentare la produzione di petrolio (al fine di abbassare il prezzo del petrolio), per l’effetto benzina prima delle elezioni del Congresso di medio termine), e minacciando sdegnosamente il regno di “conseguenze”, se non si fosse conformato alle direttive di Washington.

Forse Biden, così consumato dalle sue prospettive elettorali, non ci ha pensato a fondo. Anche adesso, non è chiaro se la Casa Bianca comprenda le conseguenze del fatto di aver trattato MbS come un subalterno aberrante. C’è un tentativo dell’ultima ora per dissuadere l’Arabia Saudita dall’adesione ai BRICS, ma è troppo tardi. La domanda di adesione è stata approvata e avrà effetto dal 1° gennaio 2024. L’Occidente ha interpretato male l’atmosfera.
L’etica condivisa all’interno degli Stati del Golfo è quella di leader sicuri di sé e assertivi, che non sono più disposti ad accettare le richieste binarie “con noi o contro di noi” degli Stati Uniti.

A scanso di equivoci, Biden, attraverso la combinazione di questi due errori strategici, ha lanciato l’egemonia finanziaria dell’Occidente su uno scalo di alaggio che porta alla liquidazione incrementale di gran parte dei 32mila miliardi di dollari di investimenti esteri in dollari fiat accumulati negli Stati Uniti dal sistema monetario negli ultimi 52 anni – con un’implicita accelerazione verso il “commercio di valuta propria” nella maggior parte degli stati non occidentali.
Alla fine, ciò probabilmente porterà a un mezzo di regolamento commerciale dei BRICS, possibilmente ancorato all’oro. Se una valuta commerciale fosse ancorata in qualche modo a un grammo d’oro, quella valuta acquisterebbe, ovviamente, lo status di riserva di valore, in base a quella della merce sottostante (in questo caso l’oro).

Il punto qui è che quando l’inflazione era vicina allo zero, i titoli del Tesoro USA erano visti come una riserva di valore (durevole). Tuttavia, un’ampia de-dollarizzazione mina la domanda artificiale (cioè imposta) di dollari, dovuta interamente agli accordi di Bretton Woods e del petro-dollaro (che richiedevano che le materie prime fossero scambiate solo in dollari USA) e alla comprensione implicita che i titoli del Tesoro statunitense venivano offerti come una certa riserva di valore.

Ma cosa ha fatto il Team Biden? Hanno spinto l’Arabia Saudita – il fulcro del petrodollaro e uno dei pilastri (insieme ad altri Stati del Golfo e alla Cina) su cui poggiano le enormi riserve di debito del Tesoro americano – tra le braccia dei BRICS. In parole povere, i BRICS 11 comprendono sei dei nove principali produttori di energia a livello mondiale, nonché i principali consumatori di energia . L’OPEC+, in effetti, è stata inghiottita per creare un circolo chiuso e autosufficiente di scambio di energia (e materie prime) che non ha bisogno di toccare i dollari. E nel tempo, ciò equivarrà a un grave shock monetario.

Le “conseguenze” minacciate dalla Casa Bianca nei confronti dell’Arabia Saudita sono state rese irrilevanti. L’Arabia Saudita e l’Iran possono vendere il loro petrolio ad altri consumatori BRICS (in valute diverse dal dollaro). I membri non devono più essere così preoccupati per le minacce occidentali: una delle disposizioni chiave dei BRICS è il rifiuto congiunto di tutti i membri di consentire o facilitare qualsiasi manovra di “cambio di regime” contro i membri BRICS.

Per essere chiari, tutto ciò significa un’ulteriore inflazione dei prezzi in Occidente, che riflette il calo del potere d’acquisto delle valute fiat mentre la domanda di dollari diminuisce. Inevitabilmente, un indebolimento del dollaro porterà a tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti. Questa – semplicemente – sarà una delle principali conseguenze della de-dollarizzazione. Tassi di interesse più alti imporranno grande stress alle banche statunitensi ed europee.

Il primo vertice BRICS 11 è fissato per ottobre 2023 a Kazan. Per “coincidenza”, la piena adesione dei nuovi stati coinciderà con l’assunzione da parte della Russia della presidenza annuale a rotazione dei BRICS il 1° gennaio 2024. Putin ha già chiarito la sua determinazione ad andare verso la risoluzione delle complessità di una valuta BRICS separata – “un modo o un altro ”.

*Alastair CROOKE
*Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Sta cadendo una seconda scarpa geostrategica (oltre all’Ucraina).

  1. i “risparmi” sequestrati mi sà che sono stati messi lì apposta come esca per pescecani…..e hanno abboccato! dopo questa mossa da “vermi” travestiti da giustizieri, l’occidente non vale più nulla

  2. il Grande Mario, principale suggeritore del sequestro russo, passera’ alla storia come l’idiota che ha innescato il processo di de-dollarizazione. Un primato conquistato con fatica e applicazione delle regole che gli valsero l’ambito premio Baphomet in quel di New York

  3. Sequestrare i soldi altrui secondo un proprio punto di vista è la più grossa porcheria che potevano fare. Chi avrà mai più fiducia a depositare capitali laddove essi possono sparire da un momento all’altro? Chi potrà più fidarsi? Una cosa da folli, che poteva farla solo chi ha una presunzione enorme tanto da sentirsi autorizzato a fare il bello e cattivo tempo. Del resto noi europei viviamo come sequestrati in casa, sotto il perenne ricatto di questa gente. E’ una cosa da suicidi rubare le riserve garantite. Vuole dire che il mondo occidentale, così com’è divenuto ormai, non tornerà più indietro e sarà condannato alla distruzione, come di fatto va avvenendo pian piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM