Spostamento sistemico

di Eamon McKinney (^)

Molto presto è probabile che la maggior parte dei paesi, per quanto con riluttanza, debba scegliere con quale dei due sistemi finanziari incompatibili vogliono allinearsi. E uno di questi è già obsoleto.

È accettato che cambiare un sistema complesso profondamente radicato sia praticamente impossibile. Il modello economico neoliberista occidentale ne è un ottimo esempio, anche se fallisce è incapace di adattarsi a quella realtà. È un sistema che è guidato dall’avarizia con l’esclusione di ogni altra considerazione, non c’è gratificazione ritardata, i ritorni ed i profitti devono essere immediati, perché la pazienza non è salutata come una virtù in questo sistema. Tale sistema è sempre stato gentile con coloro che lo hanno creato a proprio vantaggio.
Per un breve periodo aveva fornito un confortevole livello sociale ad una classe media occidentale. Ma è sempre stato crudele e brutale con coloro che vivono nelle nazioni “minori” del Sud del mondo.
Il sistema liberista aveva potere, un potere militare che era incontrastato fino a tempi relativamente recenti. I militari erano lì per garantire che le nazioni rimanessero nel modello neoliberista dominato dal dollaro. Anche quando un paese ha cercato di liberarsi dal modello dell’Impero, non aveva altro posto dove andare. Non c’era alternativa al sistema finanziario e bancario internazionale. Fino ad ora.

I sistemi raramente cambiano efficacemente, raramente si evolvono, vengono superati da sistemi migliori, sistemi che col tempo rendono obsoleti i vecchi sistemi. Stiamo assistendo a questo fenomeno attualmente, mentre il modello economico cinese sta guadagnando il favore in tutto il mondo. Con oltre 150 paesi ora partner della Cina nella BRI, l’approccio della Cina è nettamente in contrasto con le precedenti esperienze dei loro paesi partner con la mentalità dell’impero occidentale. L’approccio vantaggioso per entrambe le parti dei cinesi sta generando molta buona volontà a livello globale. Generare buona volontà non è mai stata una considerazione dell’Occidente, che non ne aveva bisogno, poteva solo fare pressione, ricattare o minacciare i governi affinché si piegassero alla sua volontà.

La BRI è stata calunniata in Occidente come una trappola del debito, come se i paesi del Sud del mondo non sapessero cosa fosse una trappola, quasi che non avessero tutti incontrato il FMI. Tuttavia, recentemente anche l’Università di Harvard ha dovuto ammettere con riluttanza che non era così. Tra il 2000 e il 2019 ha cancellato più di 3,4 miliardi di dollari di prestiti e ristrutturato oltre 15 miliardi di dollari di debito africano. Ha appena annunciato che ora sta cancellando 23 prestiti senza interessi a 17 nazioni africane. La Cina sta anche aumentando gli investimenti in Africa con più progetti infrastrutturali pianificati in tutto il continente. Le differenze tra gli approcci cinese e quello del FMI sono chiare qui. Il FMI è uno strumento del capitalismo finanziario occidentale, il suo modello Empire è sempre stato quello di mantenere il Sud del mondo impoverito e debole, e quindi più facile da sfruttare.
Il modello cinese è il contrario, dipende dalla prosperità per tutti. Più prosperità più clienti, più opportunità di business. Le motivazioni della Cina sono state a lungo messe in discussione, non è certo altruismo, ma non è nemmeno nefasto, la Cina dimostra in modo molto chiaro cosa si aspetta da loro e quanto investe per loro.

Il partito comunista governa ancora la Cina, ma poi l’economia è tutt’altro che comunista. Prima delle riforme introdotte da Deng Xiaoping nel 1979, la Cina aveva già abbandonato molti dei principi del comunismo. Avevano imparato dai propri fallimenti nel collettivismo e nel controllo statale della produzione, avevano assistito a questi fallimenti anche nella Russia sovietica. La lezione principale che hanno imparato è stata che la fissazione sulla “distribuzione della ricchezza” ha mancato il punto essenziale, devi creare ricchezza prima di distribuirla. E hanno capito che solo l’impresa privata forniva l’incentivo per la creazione di ricchezza necessaria. La crescita della Cina dal 1980 è stata guidata principalmente dall’impresa privata. Il settore statale cinese copre principalmente energia, istruzione, medicina, banche, trasporti e infrastrutture. Tutti gli elementi essenziali della vita quotidiana e degli affari, per essere chiari nessuno di questi è gratuito, ma sono abbordabili e le necessità di base della vita non rappresentano una parte enorme del reddito medio cinese. Liberare più reddito disponibile da spendere nell’economia. Lo stato fornisce l’infrastruttura di livello mondiale e l’energia a prezzi accessibili necessari per gestire un’attività funzionale.

In Cina, il settore statale è lì per consentire il business privato, non per competere con esso. I vantaggi competitivi che hanno guidato la crescita cinese a livello globale sono emersi dall’ambiente favorevole alle imprese creato dal governo. Lo stato fornisce l’infrastruttura di livello mondiale e l’energia a prezzi accessibili necessari per gestire un’attività funzionale. .

Tecnologia cinese

Il loro modello di “banca pubblica” consente alla Cina di costruire in modo conveniente enormi progetti infrastrutturali con prestiti a basso interesse a lungo termine. Non solo in Cina, ma in più di 100 paesi in tutto il mondo. Questi producono crescita, sviluppo e prosperità.
Purtroppo, in Occidente, il capitale privato evita lo sviluppo delle infrastrutture perché i rendimenti sono troppo bassi e impiegano troppo tempo a maturare. Vi siete mai chiesti perché in Occidente non si costruisce più nulla? Ecco perchè. Il modello occidentale di “capitalismo finanziario” incentiva tutte le cose sbagliate. I predatori finanziari sono stati staccati dall’economia reale, fisica per troppo tempo. È al centro dei problemi che l’Occidente sta affrontando. Il modello della Cina è più “capitalismo industriale”, come in Occidente, quando ancora investiva nell’industria. Quando investe, costruisce, si sviluppa e tutti vincono, tranne ovviamente i predatori finanziari. Il sistema bancario nazionale e pubblico è ciò a cui i poteri finanziari hanno resistito violentemente per secoli. Continuano a farlo.

Secondo la Banca Mondiale, più di 70 paesi sono pericolosamente vicini all’insolvenza sui loro debiti internazionali. Tradizionalmente, il FMI sarebbe già in quei paesi per amministrare alcune soluzioni neoliberiste ai loro problemi. Eppure non hanno soluzioni che forniscano alle persone affamate e sempre più arrabbiate che non possono permettersi i beni di prima necessità della vita. L’unica preoccupazione del FMI è che, indipendentemente dai problemi di un paese, il servizio del debito è la cosa più importante. Il FMI non è noto per la sua natura indulgente quando si tratta di debiti e, come ci si può aspettare, si preoccupa poco della buona volontà. La remissione del debito cinese in Africa ha dimostrato di essere ragionevole e comprensiva dei problemi di altre nazioni. Per molti paesi sofferenti, la Cina potrebbe essere la loro ultima, migliore speranza di evitare un futuro di controllo finanziario del FMI.

Molti paesi dell’Africa e dell’America Latina si stanno allontanando dal sistema finanziario occidentale e stanno sviluppando le proprie valute regionali. Questi paesi non hanno mai avuto l’opportunità di sviluppare le proprie economie indipendentemente dall’interferenza occidentale. Per loro l’esempio dato dal modello economico cinese mostra come un Paese possa uscire dalla povertà assoluta per diventare l’economia più dinamica del mondo in sole 3 generazioni. Non è necessario adottare il modello politico cinese, e la Cina non lo suggerirebbe. Tuttavia, le lezioni economiche apprese dalla Cina su come gestire un’economia politica, come industrializzare e sviluppare, saranno utilizzate da molte delle nazioni recentemente indipendenti.

Cina, records export industriale

Il modello neoliberista è in agonia, sta per scatenare un cataclisma finanziario globale su tutti e tuttavia pretende ancora di tenere conferenze ai paesi sulle loro economie. È un sistema che non può proteggersi dalla propria avidità e arroganza, e ora tutti pagheranno. Quel modello è stato smascherato di tutte le sue fragilità. Come il modello cinese, il modello neoliberista dipendeva dalla prosperità delle loro economie nazionali, ma a differenza dei cinesi non hanno mai investito in quella prosperità. Per decenni sono state costruite poche o nessuna infrastruttura in Nord America o in Europa occidentale, le prove di ciò sono ovunque e possono fungere da metafora del più ampio decadimento della società. Il neoliberismo non scomparirà dall’oggi al domani, ma si è dimostrato obsoleto, smascherato da un modello e una mentalità più equi e produttivi.

Nel 2008, quando il sistema finanziario occidentale è crollato l’ultima volta, ha minacciato di portare con sé l’economia mondiale.
Mentre in Occidente la risposta è stata austerità e tagli, la Cina ha invece lanciato l’iniziativa BRI e ha aumentato gli investimenti in tutte le aree. All’inizio della crisi ha perso 30 milioni di posti di lavoro in Cina, li ha sostituiti in un anno. Le politiche della Cina hanno salvato l’economia mondiale dal collasso totale grazie ai suoi maggiori acquisti di materie prime e generi alimentari. Ora si trova di fronte a un dilemma simile. Con una filosofia economica che dipende dalla prosperità globale cosa fai quando tutti sono al verde? Se non assiste i paesi partner nella ricostruzione delle loro economie, il suo stesso modello sarà in pericolo.

Il lungo discorso del disaccoppiamento sta già accadendo. Blocchi distinti stanno formando Stati Uniti/Europa, Russia, Cina, paesi sono sotto pressione dall’Occidente per non fare affari con l’altra parte. La minaccia di sanzioni non ha il peso di una volta e viene ampiamente risentita e ignorata. La maggior parte delle nazioni proclama la neutralità, almeno pubblicamente. Tuttavia, abbastanza presto è probabile che la maggior parte dei paesi, per quanto con riluttanza, debba scegliere con quale dei due sistemi finanziari incompatibili vogliono allinearsi. E uno di loro è già obsoleto.


Eamon MCKINNEY
*Il Dr. Eamon McKinney è un eminente sinologo con più di 40 anni di coinvolgimento negli affari esteri della Cina. È CEO e fondatore (1985) di CBNGLOBAl, la sua azienda ha gestito più di 300 grandi progetti Cina-Estero. Vive a Qingdao, in Cina.

2 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 19:42h, 03 Settembre Rispondi

    Solo un piccolo consiglio alle industrie globali: sono un fanatico del design minimalista, vedo in giro troppi oggetti pieni di dettagli meccanici ed altro che potrebbero essere benissimo ottimizzati e ridotti considerevolmente di numero lo considero un grande spreco oppure dei dilettanti come progettisti, un altro punto è quello di usare il legno se è possibile al posto della plastica ecc..

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 15:26h, 04 Settembre Rispondi

    Ho letto che in Cina al fine di produrre ricchezza e di cercare l’equilibrio sociale sono state poste in concorrenza tra loro le imprese statali e le imprese di municipalità e di villaggio. Efficienza e equilibrio sociale in un mercato interno immenso .Una economia sociale di mercato per una accumulazione senza spoliazione, quindi opposta al liberismo finanziario che spoglia il mondo

Inserisci un Commento