Specialisti militari russi tovano le prove del sabotaggio contro le centrali elettriche in Venezuela


Specialisti militari russi hanno svolto una ispezione totale del sistema di produzione elettrica del Venezuela e della rete nazionale di distribuzione elettrica, le cui ripetute interruzioni hanno paralizzato il paese dal 7 di Marzo del 2019 e causato gravissimi disagi alla popolazione con conseguenze drammatiche negli ospedali. Gli specialisti russi hanno confermato l’utilizzo combinato di apparecchiature elettromagnetiche assieme ad altre forme più tradizionali di sabotaggio, come cortocircuiti provocati e incendi dolosi contro le centrali.
La creazione di bombe elettromagnetiche in grado di danneggiare le linee elettriche deriva da una serie di ricerche realizzate dal conosciuto fisico sovietico, Andrei Sajarov, negli anni ’50. Si stima che vari paesi, tra cui gli USA, dispongono attualmente di questo tipo di apparati.
Il presidente venezolano, Nicolás Maduro, ha accusato direttamente gli Stati Uniti di essere responsabili dell’attività di sabotaggio della rete elettrica e dei costanti incidenti che durante le ultime settimane hanno provocato gravi interruzioni dell’elettricità e pregiudicato il sistema nazionale di distribuzione.
Da parte sua, il consigliere alla Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Bolton, ha denunciato l’arrivo dei militari russi – meno di 100 -come una risorsa utilizzata dal regime di Maduro per mantenersi al potere con l’aiuto di forze militari straniere. Bolton è arrivato anche a invocare la “dottrina Monroe” ed affermare che le potenze extra continentali debbano asstenersi dall’interferire nelle questioni del continente Latino Americano, sulla base della teoria del loro “cortile di casa”.


Le denunce del Venezuela sugli attacchi elettromagnetici contro il suo sistema elettrico sono state sistematicamente ridicolizzate negli ultimi giorni dalla stampa nazionale e dai media atlantisti ed occidentali.
Tuttavia, nel voler prevenire una ipotetica risposta russa, il presidente USA Donald ‎Trump, ha appena firmato un “Ordine esecutivo” dove si stabilisce che le agenzie federali debbano predisporre difese per fronteggiare eventuali attacchi elettromagnetici contro le principali infrastrutture del paese. Cosa che rappresenta una conferma tacita del fatto che Washington sa bene che gli attacchi elettromagnetici non sono una finzione.

Fonte: Red Voltaire

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • Mardunolbo
    5 Aprile 2019

    Accidentaccio, dunque oltre alla incapacità di gestori nominati dalla polotoca incapace, ci sono stati veri e propri sabotaggi ! Scrissi tempo fa che dalle informazioni dirette che avevo sul Venezuela, vi sarebbe una quasi cronica incapacità gestionale delle centrali perchè Maduro nominò amici degli amici come funzionari. Evidentemente le mie fonti si sono sbagliate parzialmente e chiedo scusa di aver scritto assicurando come fosse solo incapacità gestionale. evidentemente , come succede, in tutte le macchine, il guasto non è mai dovuto ad una sola causa, ma a cause molteplici…, La carogneria di aver provocato appositamente guasti, oltre a quelli inevitabili per incapacità, è veramente spregevole per i danni di ogni genere provocati alla popolazione.

    • atlas
      7 Aprile 2019

      sei sulla buona strada per diventare finalmente un Uomo

Rispondi a Mardunolbo cancella risposta

*

code