Spaccatura negli USA fra Casa Bianca e Pentagono sul ritiro truppe dalla Siria


di Nauman Sadiq

In uno sviluppo prevedibile, giovedì, James Mattis ha offerto le sue dimissioni per l’annuncio del presidente Trump sul ritiro delle truppe americane dalla Siria, anche se continuerà a svolgere il suo ruolo di segretario alla Difesa fino alla fine di febbraio fino a quando non verrà trovato un sostituto adeguato. Le speculazioni su come sostituirlo sono cresciute per diversi mesi, quindi la notizia non è una sorpresa.

Sarebbe pertinente notare qui che, per quanto riguarda la politica in Siria, siamo in presenza di uno scisma tra la Casa Bianca e lo stato profondo americano (il deep State) guidato dal Pentagono. Dopo l’insediamento di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti, questi aveva delegato al Pentagono le decisioni a livello operativo in zone di conflitto come Afghanistan, Iraq e Siria.

Il segretario alla Difesa James Mattis e l’ex consigliere per la sicurezza nazionale, HR McMaster, hanno rappresentato la logica istituzionale dello stato profondo dell’amministrazione Trump e sono stati utili nel consigliare a Donald Trump di intensificare i conflitti in Afghanistan e Siria.

Avevano consigliato al presidente Trump di aumentare il numero di truppe americane in Afghanistan da 8.400 a 14.000. E in Siria, erano favorevoli alla politica del Pentagono di addestrare e armare 30.000 guardie di frontiera curde per pattugliare il confine settentrionale della Siria con la Turchia (la Turchia non era certo d’accordo).

Entrambe le decisioni sono state drammaticamente controproducenti per l’amministrazione Trump. La decisione di addestrare e armare 30.000 guardie di frontiera curde ha fatto infuriare l’amministrazione Erdogan nella misura in cui la Turchia ha montato l’Operazione “Olive Branch” nell’enclave curda di Afrin nel nord-ovest della Siria il 20 gennaio. Si ricorda che è stata questa la seconda operazione militare delle forze turche contro le aree tenute dai curdi nel nord della Siria. La prima operazione “Euphrates Shield” a Jarabulus ed a Azaz è durata da agosto 2016 a marzo 2017.

Ciononostante, dopo aver catturato la città di Afrin il 18 marzo, le forze armate turche e i loro delegati dell’Esercito Siriano Libero hanno ora spostato il loro sguardo più a est su Manbij, dove le Forze Speciali USA stanno cooperando strettamente con le forze democratiche siriane a guida curda, in linea con la lunga dottrina militare turca di negare ai curdi ogni territorio siriano a ovest del fiume Eufrate.

Dopo l’annuncio di Donald Trump sul ritiro delle truppe americane dalla Siria mercoledì, è stata chiaramente raggiunta un’intesa tra Washington e Ankara. Secondo i termini dell’accordo, l’amministrazione Erdogan ha rilasciato il pastore americano Andrew Brunson il 12 ottobre, che era stata la richiesta da lungo tempo dell’amministrazione Trump, e Ankara ha anche deciso di non rendere pubbliche le registrazioni audio dell’omicidio di Jamal Khashoggi, che avrebbero potuto “sputtanare” e implicare un altro alleato degli Stati Uniti, il ​​principe ereditario saudita Mohammad bin Salman nell’assassinio; e in cambio, l’amministrazione Trump ha dato mano libera ad Ankara per organizzare un’offensiva nelle aree curde curde nel nord della Siria e ha anche deciso di ritirare 2000 truppe statunitensi dalla Siria settentrionale e orientale.

Un altro motivo per cui l’amministrazione Trump ha dato mano libera all’amministrazione Erdogan per organizzare un’offensiva contro le aree curde curde nel nord della Siria è che Ankara si sta allontanando dall’orbita di Washington nella sfera di influenza del Cremlino.

La Turchia, che ha il secondo più grande esercito nella NATO, ha cooperato con la Russia in Siria contro gli interessi di Washington dallo scorso anno e ha emesso un ordine per il sistema missilistico S-400 prodotto in Russia, anche se anche questo accordo è stato messo in dubbio dopo Il recente annuncio di Washington di vendere $ 3,5 miliardi di dollari di sistemi missilistici Patriot ad Ankara.

Per quanto riguarda il fattore curdo nella guerra civile siriana, sarebbe pertinente menzionare che, a differenza dei curdi iracheni filo-americani guidati dalla famiglia Barzani, i curdi siriani PYD / YPG e il governo siriano sono stati ideologicamente allineati perché entrambi sono socialisti e tradizionalmente sono stati nella sfera di influenza russa.

La guerra civile siriana (per quanto sia una guerra per procura sobillata dall’esterno) è, in origine, un conflitto a tre tra i militanti arabi sunniti/salafiti, il governo a guida alawita e i curdi siriani, e i beneficiari netti di questo conflitto sono stati i curdi siriani che hanno ampliato le loro aree di controllo allineandosi prima con il governo siriano contro i miliziani arabi sunniti/salafiti, dall’inizio della guerra civile siriana nell’agosto 2011 all’agosto 2014, quando la politica americana in Siria era “cambio di regime” e la CIA stava addestrando e armando indiscriminatamente i miliziani arabi salafiti contro il Governo guidato da alawiti nelle regioni frontaliere della Turchia e della Giordania, con l’aiuto degli alleati regionali di Washington: Turchia, Giordania e Stati del Golfo, tutti appartenenti alla confessione sunnita, wahabita e salafita.

Nell’agosto 2014, tuttavia, gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra a una fazione dei militanti arabi sunniti/salafiti, lo Stato islamico, quando quest’ultimo ha invaso Mosul e Anbar all’inizio del 2014, e Washington ha fatto un apparente voltafaccia alla sua precedente politica di “cambio di regime” e ha iniziato a condurre attacchi aerei contro lo Stato islamico in Iraq e in Siria. Quindi, spostando gli obiettivi in ​​Siria dall’obiettivo impossibile del “cambio di regime” all’obiettivo ufficiale, realizzabile. quello di sconfiggere lo Stato islamico, anche se le armi fornite a quest’ultimo provenivano dalle stesse fonti: Stati Uniti e Arabia Saudita.

Dopo questo apparente capovolgimento della politica da parte di Washington, i curdi siriani hanno approfittato dell’opportunità e hanno stretto un’alleanza con gli Stati Uniti contro lo Stato islamico su richiesta di Masoud Barzani, rafforzando ulteriormente la loro posizione contro i miliziani arabi sunniti/salafiti e il governo siriano.

Più precisamente, per i primi tre anni della guerra civile siriana da agosto 2011 ad agosto 2014, è esistito un patto informale tra il governo siriano ei curdi siriani (YPG) contro l’assalto dei miliziani arabi salafiti, fino a quando i curdi non hanno interrotto questo accordo per diventare il fulcro della politica di Washington nella regione.

In conformità con il patto summenzionato, il governo siriano ha riconosciuto informalmente l’autonomia curda; e in cambio, le milizie curde hanno difeso congiuntamente le aree nel nord-est della Siria, in particolare al-Hasakah, a fianco delle truppe del governo siriano contro i gruppi miliziani arabi che avanzavano, in particolare lo Stato islamico.

Miliziani curdi dell’YPG in Siria

Il fatto è che la distinzione tra jihadisti islamici e presunti “ribelli moderati” in Siria è più illusoria che reale. Prima di trasformarsi in predone e invadere Mosul in Iraq nel giugno 2014, lo Stato islamico (armato da Arabia Saudita e Qatar) era parte integrante dell’opposizione siriana e tuttora gode di stretti legami ideologici e operativi con altri gruppi miliziani in Siria.

Vale la pena notare che, sebbene le guerre sul tappeto erboso siano comuni non solo tra lo Stato islamico e altri gruppi miliziani che operano in Siria, ma anche tra i gruppi ribelli stessi, l’obiettivo ultimo dello Stato islamico e il resto degli eserciti militanti operanti in Siria è stato lo stesso: rovesciare il governo di Bashar al-Assad.

Riguardo all’opposizione siriana, una piccola parte di esso è composta da soldati siriani defunti che si chiamavano Free Syria Army, ma la stragrande maggioranza è composta da jihadisti islamici e membri delle tribù armate che sono stati generosamente finanziati, addestrati, armati e internazionalmente legittimati dai loro patrocinatori regionali e globali.

Lo Stato Islamico non è altro che uno delle numerose formazioni miliziane compopsta da jihadisti provenienti da vari paesi, altri sono: Fronte al-Nusra, Ahrar al-Sham, Jaysh al Islam ecc. Tutti i gruppi miliziani che operano in Siria sono altrettanto fanatici e brutali dello Stato Islamico . L’unica caratteristica che differenzia lo stato islamico dal resto è che questo è più ideologizzato e indipendente.

Il motivo per cui gli Stati Uniti si sono rivoltati contro lo Stato islamico è che, mentre tutti gli altri eserciti miliziani siriani hanno solo ambizioni locali limitate a combattere il governo siriano, lo Stato islamico ha stabilito una rete globale di terroristi transnazionali che include centinaia di cittadini occidentali che sono diventati un rischio per la sicurezza nazionale per i paesi occidentali. “Lo abbiamo creato noi ma ci è sfuggito di mano”, disse la Hilary Clinton in un famoso video.


Circa l’autore:
Nauman Sadiq è un avvocato di base a Islamabad, opinionista e analista geopolitico incentrato sulla politica delle regioni Af-Pak e del Medio Oriente, neocolonialismo e petro-imperialismo.
Nota: Importante osservare che numerosi analisti riportano che la complicità degli USA con i miliziani dello Stato Islamico è continuata ancora oggi attraverso i servizi di intelligence statunitensi (CIA) che hanno protetto alcuni dei capi e miliziani dell’ISIS e li hanno trasferiti a bordo di elicotteri privi di insegne in altre zone (Pakistan e Afghanistan) per utilizzarli in funzione anti Iran.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Mardunolbo
    23 Dicembre 2018

    Mirabile articolo che ricorda le tempistiche ed i passaggi di alleanze ! Questi passaggi rendono quindi benissimo l’idea di quanto è successo e rendo il quadro molto più chiaro. Mi erano sfuggiti gli ultimi avvenimenti inerenti il rilascio da Ankara , del pastore protestante americano e la mancata esposizione dell intercettazioni sul giornalista Kashoggy. Questi incastri sono preziosissimi, infatti per capire certe dinamiche di posizioni Usa, che altrimenti desterebbero solo sconcerto ed incomprensione ! Grazie dell’articolo !

Inserisci un Commento

*

code