"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Sovranismo inattuabile”: così Mattarella ci piega all’UE e non rispetta il popolo

di Simone De Rosa

“Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale. Può inviare messaggi alle Camere. Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione. Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo. Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti. Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione. Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato. Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l’autorizzazione delle Camere. Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere. Presiede il Consiglio superiore della magistratura. Può concedere grazia e commutare le pene. Conferisce le onorificenze della Repubblica. “

Così recita l’art. 87 della Costituzione, che chiarisce i compiti fondamentali del Presidente della Repubblica a cui affida il ruolo di capo dello Stato e garante ultimo della stessa carta costituzionale.

Non si trova voce però, nell’intero dettato della fonte suprema del nostro ordinamento, che indichi, in merito a poteri affidati alla prima carica dello Stato, una funzione di indirizzo politico.

Non si spiega allora, se non con l’ipotesi di una palese invasione di campo, la sparata del presidente Mattarella che, in occasione della conferenza “The State of Union” tenutasi a Firenze, ha voluto, forse preoccupato dall’imminente accordo di governo Lega – 5 Stelle, ribadire come il sovranismo e il rigetto del sistema europeo non siano elementi da dover prendere in considerazione.

“Pensare di farcela senza l’Europa significa ingannare i cittadini. Il sovranismo è inattuabile“ ha dichiarato lapidario.

E poco importa se, da garante della Costituzione, uno dei principi da tutelare sia proprio quello della sovranità popolare. Poco importa anche il fatto che il governo che sta per formarsi abbia ottenuto la piena maggioranza del popolo italiano e che debba avere, di conseguenza, il sacrosanto diritto, nel rispetto delle norme costituzionali, di scegliere le azioni di governo che ritenga più opportune. Quando si parla di UE proprio non si riesce, anche in una fase delicata come questa, a tenere a freno le opinioni personali.

Perché quella espressa da Mattarella altro non è che una posizione politica personale e palesemente di parte. Intendiamoci, il presidente può legittimamente esprimere pareri, non è quello il punto. Ciò che stona è per lo più la tempistica con la quale la massima autorità dello Stato, nelle imminenze della formazione di un nuovo esecutivo decide di esprimere considerazioni che potrebbero screditare e minare alcuni punti di un governo legittimamente espressione della volontà popolare.

E visti i precedenti nel rapporto tra istituzioni italiane e vertici europei ciò non può che preoccupare. Non sarebbe questa di certo la prima invasione da parte dell’UE nel nostro sistema politico. Ma l’aura di sacra devozione nei confronti di Bruxelles che avvolge alcune figure del mondo politico e istituzionale sembra proprio inscalfibile. E se nel pensiero liberale uno dei capisaldi è stato sempre il coltivare il dubbio, di fronte a mamma UE anche il più liberale dei liberali diventa un dogmatico di matrice quasi religiosa.

Così Mattarella incassa gli applausi dell’ex premier Letta e di gran parte del mondo liberale di matrice europeista, senza che nessuno dei sempre attenti feticisti della “Costituzione più bella del mondo” ponga l’accento sul rispetto dovuto da parte del presidente per le componenti politiche e i loro programmi.

A fagiolo casca poi l’ennesimo grande successo delle politiche di derivazione europea: grazie infatti proprio alle clausole di salvaguardia (misure prese per garantire il rispetto dei vincoli comunitari), si avverte in queste ore l’impellente necessità per il governo che si formerà di trovare (in qualche modo) la bellezza di 12,4 miliardi.

È dietro l’angolo infatti lo spauracchio di un ulteriore aumento dell’IVA al 24%, col rischio di doverla portare al 25 entro il 2020. Con tanti ringraziamenti, da parte dell’economia reale, all’intoccabile totem di Bruxelles da proteggere dal pericolo sovranista.

Fonte: Oltre La Linea

*

code

  1. Mardunolbo 3 mesi fa

    LEGGERE QUESTO IMPORTANTE articolo sulla situazione economica italiana, cosa che quel presidente eletto da nessuno e traditore della nazione italiana, non leggera’ MAI !
    https://www.maurizioblondet.it/inattuabile-e-la-narrativa-europeista-presidente-legga-cesaratto/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 3 mesi fa

    Dobbiamo smetterla con le elucubrazioni da ragionieri sulla situazione economica, che non e’ peraltro peggiore di quella di vai altri Paesi ai quali nessuno fa le pulci, perche’ questo i distrae dal nocciolo dei problemi. Serve coesione tra le persone senza inutili personalismi e soprattutto anacronistiche divisioni destra sinistra. Chi non lo comprende e’ un agente del mondialismo, della globalizzazione e quindi un nemico della pace e del perseguimento degli obiettivi di benessere e armonia sociale verso i quali urge ricominciare a incamminarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max Tuanton 3 mesi fa

    IL tracollo del sistema Democratico e’ imminente si tengano pronti I Fascisti olio di Ricino e manganello Camicia Near e per Natale si ritorna , Il Generale Pappalardo ha gia arrestato Mattarella e Vai !! La Boldrini pleeease a me a me !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicholas 3 mesi fa

      Speriamo avvenga al più presto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. 9+3-6=6 3 mesi fa

      E che ci faresti con la Boldrini?…un libro di poesie?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Citodacal 3 mesi fa

    https://www.dailymotion.com/video/x6jaq91
    Alla trasmissione Agorà il Prof. Antonio Maria Rinaldi, sovranista e docente di Finanza Aziendale presso l’Università degli Studi ‘Gabriele d’Annunzio’ di Chieti-Pescara, riferisce correttamente il concetto di sovranità del popolo come esplicitato nell’art. 1 della Costituzione, creando il senso del “jet lag” tra gli ospiti filoeuropeisti presenti al dibattito; stendiamo il solito compassionevole velo sulla Malpezzi e godiamoci il volto esterrefatto di Gianni Riotta, che ignora il testo completo del citato art.1…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. STREICHER 3 mesi fa

    Cito a me dailymotion funziona ma parlano lenti con lavoce da uomini delle caverne tutti I video di dalymotion avro un virus giudeo impestato nei miei cell.Comunque approfitto per suggerire digitate” I sopravvissuti serie film completi ” di questi tempi puo tornar comodo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 3 mesi fa

      Il presidente mattarello e tutti quelli della sua cricca possono dire quello che vogliono ma non saranno certo le loro chiacchiere a fermare la Storia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. The roman 3 mesi fa

    “Mattarella” è un buffo nomignolo che di solito si affibia a quelle donnette un po’ bizzarre che combinano spesso casini. In effetti ben si accompagna a questo enucoide con aspetto da vecchia signora incipriata e laccata, che per nostra disgrazia rappresenta gli italiani. C’è chi alambicca sugli articoli della costituzione , peraltro documento fazioso e difettoso, cercando prove di una violazione e di una “invasione di campo” . Ci sono poi quelli di : “siamo al limite di…” oppure “siamo sull’orlo ” . .. o melensaggini tipo ; “é in pericolo la sovranità del popolo ” “è a i rischio la democrazia “. La verità è che siamo come quello che prende gli schiaffoni e mentre li prende esclama : ” Lei mi sta mettendo le mani addosso .”. Quando si sveglieranno questi italiani ? AI posteri , l’ardua sentenza e l’ inevitabile amaro giudizio.l

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 3 mesi fa

      Se gli italiani si ribellassero (cosa tra l’altro poco probabile) o se il nuovo governo si opponesse ai diktat di UE, NATO ecc., ci sarebbe una bella “rivoluzione colorata” organizzata dalla CIA e tutto ritornerebbe a posto, come in Ucraina. In Crimea e’andata diversamente perche’ sono vicini alla Russiana

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eugenio Orso 3 mesi fa

        Sono in sintonia.
        Purtroppo, oltre a non essere possibile alcuna ribellione diffusa, in simili condizioni, nel caso di rischi che l’Italia diventi sovrana e rompa le catene delle “alleanze occidentali”, se andrà bene faremo la fine dell’Ucraina, altrimenti, quella della Siria …

        Cari saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 9+3-6=6 3 mesi fa

          Tranquillo, abbiamo troppi debiti per fare la fine della Siria. Se distruggono tutto è come distruggessero le garanzie.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Anonimo 3 mesi fa

    In una società sana e democratica i vari Mattarella starebbero a chiedere la grazia al presidente della repubblica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. STREICHER 3 mesi fa

    LA Silvia non so chi lei sia ma lei cerca sempre in due righe di demoralizzare render ridicole le idee altrui ecc le Ricordo Silvia o chi lei rappresenta che I’ll popolo ItaliaNo quando si e’ svegliato non si e mai svegliato in modo cialtronesco anzi ,gli italiani coi tedeschi Fecero tremare il mondo chiedere ai vari Massoni Ebrei democratici politici in fuga com Conigli che ora spadroneggiano , nel 45 se LA sono scapolata per un pelo ,60 milioni di Italiani incazzati sono un bel problema altroche’ ,I beduini dalle parti di Israele a confronts sono un passatempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 3 mesi fa

      Io non vorrei demoralizzare. E’ vero che sono un po’ pessimista, ma la situazione non favorisce molto l’ottimismo. Non capisco cmq che cosa c’entrino Israele e i beduini. Qui si parla dell’Italia e dei suoi legami con la UE e la NATOstaes

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Eugenio Orso 3 mesi fa

    La merda Mattarella ha in tasca la tessera del piddì, cioè dell’entità collaborazionista (che era la ) preferita dalla troika.
    Agisce e parla contro il popolo per conto dei padroni sopranazionali, che vogliono decidere il prossimo presidente del consiglio (non ostile a loro) e, credo, anche i ministri più importanti (economia!).
    La cosa più grottesca è che Di Maio per il cinque stalle (non la Lega!) ha dichiarato che l’1,5% sarà rispettato e che si discuterà “con garbo” con i “partners europei” …
    Una sorta di Gentiloni-bis sostenuto incautamente da 5s e Lega, con persdelcons gradito a Matterella e, quindi, alla troika ?

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Fumagalli 3 mesi fa

    Per chiudere il quadro sarebbe opportuno che coloro che ancora si fidano di Mattarella, vedessero questo video, dove incensa la Trilaterale:

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. playblack 3 mesi fa

    Cio’ che stupisce e’ il tempismo di questi Zombie,stanno rassicurando gli occupanti del 25 aprile,hanno riabilitato anche il Cavaliere.sara’ dura ragazzi,i Viscidors del PD,le iene di FI,si cristallizzeranno,sara’ il ritorno all’unita’ massonico giudaica che ha guidato questo paese da sempre.ecco la preoccupazione del sovranismo,ecco il pericolo antieuropeista,cio’ che pensa il paese non interessa a nessuno di questi politici dal volto responsabile.hanno paura ,forse avremo un altra sigonella,o forse cominceremo arivendicare la sovranita’ del nostro territorio.siamo occupati da forze ostili alla civilta’ umana,e noi rivendichiamo l’umanita’ con i suoi errori contro ilGolem che si illude di aver raggiunto la perfezione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. giannetto 3 mesi fa

    – “È dietro l’angolo infatti lo spauracchio di un ulteriore aumento dell’IVA al 24%, col rischio di doverla portare al 25 entro il 2020”. (cit.) – Dimostrazione evidente che lo STATO continua ad esistere e a operare. Chi se ne frega del suo NULLA POLITICO (che è l’essenza CONDIVISA delle élite e del poppppolo)?
    – Finché continuano a funzionare il Fisco e la Polizia, l’Italietta Unita è viva e vegeta…. E’ un cadavere di nazione e di popolo, ma sfiderà i secoli. Solo Franza e Spagna, con invasione dal di fuori, potrebbero distruggerla e spartirla…
    – Il popppolo ciarla, le élites inculano, il Fisco riscuote dagli inculati a pro’ degli inculanti… e avanti così con sta farsa feroce, che ogni tanto bisogna massaggiare con la vaselina delle “elezioni democratiche”!
    – Le quali trovano nel popppolo il primo supporter. Perfino adesso!!! Sta smaniando per nuove elezioni!!! Presto! Prestissimo!! – Vabbé… contento il popppolo!
    – Ha detto qualcuno che il popppolo è bue proprio perché è popppolo. Dunque ben gli starebbe l’IVA anche al 50%.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 3 mesi fa

      D’accordissimo con Giannetti, purtroppo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. XD 3 mesi fa

        Giannetto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. giannetto 3 mesi fa

          Le alternative elettorali cosiddette “antisistema”
          (anche se per esser “antisistema” ci sarebbe voluta ben altra azione politica, dal basso, che non la recita, dall’alto, di rispettivi “programmi” su un futuro da ipoteca)
          erano due: 5S e Lega. Con rispettivi programmi direi opposti, che sembravano concepiti per paesi diversi.
          – Risultato delle elezioni: 1.nessuno dei due può fare governo da solo. 2. L’inciucio tra i due è molto problematico, e destinato a fallire in breve tempo, a meno che Salvini non faccia il solito asino padano che porta il basto (o meglio: lo fa portare ai suoi).
          – Meta-risultato delle elezioni: si torna agli inciuci dei soliti notabili che dalle elezioni son stati bastonati. Quod erat in votis. D’altronde i soliti notabili hanno nelle mani da almeno mezzo secolo l’intera amministrazione dello Stato, che essi ora gestiscono nel ruolo di casta compradora della finanza internazionale. I nostri notabili vivono su un doppio aggio: 1. la cresta sulla ricchezza nazionale prodotta dagli autoctoni – 2. i favori garantiti dai loro padroni internazionali, per agire da grands commis locali.
          – Tutta questa dinamica post-voto era stata ampiamente prevista e pre-calcolata. Un trucco ab origine. Non occorreva essere Tiresia per accorgersene.

          – Tutto inutile, finché la gente non si muove. Le tastiere dei computers non provocano terremoti, anche se possono risvegliare coscienze (ed è per questo che, nonostante tutto, fan paura) . – Ma finché la gente non si muove non serve a niente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. giannetto 3 mesi fa

            Più che rispondere mi auto- confermo. Mi conforta molto che la sostanza di quanto ho espresso nel mio precedente post un paio di giorni fa sia stata oggi (14 Maggio) pienamente confermata da Marco della Luna (cf. sul suo sito l’articolo “il Sovrano e il Presidente”). E il tema è stato da lui opportunamente sviluppato, poiché, avendo il suo sito, ha a disposizione spazi che io non ho.
            Insomma, il sottoscritto e Marco Della Luna sono in telepatica sintonia (anche se non proprio su tutto-tutto, come ovvio, ma lo sono almeno sulla realtà pseudo-nazionale, pseudo-democratica e pseudo-politica dell’ Italietta ).
            So che il Della Luna non va molto a genio a molti commentaristi sedicenti “alternativi”… ma pazienza… preferisco trovarmi d’ accordo con lui che con loro.
            Nel suo succitato articolo considerate la chicca, tra l’altro, della…..”logica quantistica”, stupendamente verificata nella nostra pseudo-politica e pseudo-democrazia.

            Mi piace Non mi piace
          2. Citodacal 3 mesi fa

            Rammentiamo le parole di Jacques Attali, tra i principali artefici di questa UE e vero mentore di Macron: “Cosa credono, che l’euro l’abbiamo creato per la felicità della plebaglia europea?”. Aggiungiamoci il fatto che, come il neo-senatore Bagnai, da economista, ha sempre illustrato con dovizia di particolari, l’euro non sia una semplice moneta, bensì un sistema di governo; con questi presupposti progettuali, la scacchiera si cui giocare fu allestita: venivano dunque richiesti i singoli pezzi per esservi mossi sopra, che fossero ossequianti delle nuove regole. E al corpus dei cittadini ora non tocca nemmeno più la parte dei pedoni.

            Mi piace Non mi piace
          3. giannetto 3 mesi fa

            Non avendo altra chance, rispondo qui, di straforo, al post del: /Citodacal – “9 ore fa” / (quello che inizia: “Rammentiamo la replica di Jacques Attali..ecc…”,) che suppongo rispondesse al mio post datato “un giorno fa”, quello che che inizia: “Le alternative elettorali cosiddette antisistema”.
            Dunque Citodacal non replicava, se non erro, al mio ultimo intervento di “5 ore fa” (quello che che inizia: ” Più che rispondere mi auto-confermo”) ma a quello anteriore, anche se la sua replica è stata impaginata a seguito dell’ultimo mio post “5 ore fa”, come se essa gli fosse posteriore, invece che anteriore.
            – Al di là dell’acribia filologica voglio dirti in breve, Citodacal: pensa che il mio ultimo intervento (quello di 5 ore fa) non ha collazionato neppure un (+) dai mirabili commentaristi di questo sito, ma soltanto un (-)… sicché hai quel che bastaper nutrire grandiose speranze sulle dirompenti forze del nazionale “pensiero alternativo”.

            Mi piace Non mi piace
  13. Max Tuanton 3 mesi fa

    Quanti pessimisti berlusca lo zombie Massone Della P2 ormai e’ un Rifiuto nessuno lo vuole ports scalogna tutti I suoi amici vanno in Valera o soon indagati Previti Dell’utri bondi lupi ecc . Con The Roman non soon d’accordo sul nome di Mattarella magari deriva da mattarello chissa’ e poi Comunque non stiamo parlando di pistolini da obitorio questo e’ il Presidente d’Italia sempre meglio di Niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      presidente del cazzo ! NON e’ presidente di nulla, poiche’ eletto da partiti votati secondo una legge dichiarata NON costituzionale da togati della Corte Costituzionale !
      Ovvero secondo questi togati che di Costituzione italiana si intendono, da 15 anni a questa parte TUTTI i GOVERNI, leggi comprese, sono ILLEGITTIMI.
      Quindi pure il “presidente” non ha alcun potere. Il gen Pappalardo ha espresso chiara la opinione , che e’ certezza, che dovrebbero essere azzerate tutte le cariche.
      Ed ha detto pure che se polizia e magistrati non fanno il loro dovere di arrestare questi figuri, sono anche loro complici.
      Aggiunse anche, a gioia di chi non ha votato, che lui disse chiaramente di non votare poiche’ e’ tutto falso ed illegale. Quindi il 31% dei non votanti hanno seguito il suo consiglio e Mattarella, se fosse presidente reale dovrebbe chiamare il suo movimento (Movimento Italia Libera) per dare incarico di governo.
      Il ragionamento fila liscio.
      Salvini , a questo punto, dovrebbe pubblicamente dichiarare illegale ogni autorita’, presidente compreso, e minacciare di denuncia per tradimento della sovranita’ del popolo italiano, il Mattarella. Solo un gesto forte puo’ scuotere i rincitrulliti italiani (da Gran Premi, Formula 1 ed altre amenita’ emesse dalla flatulente TV per rabbonire e rincretinire alla domenica)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. STREICHER 3 mesi fa

    Digitate :” il generale pappalardo arresta il ministro lorenzin video ” GRANDE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. andrea 3 mesi fa

    Spero che vadano avanti e che alla fine mettano mattarella con le spalle al muro in modo che sia costretto ad avallare le scelte fatte da lega e m5s. Non sarà facile data la connivenza dello stesso presidente con le organizzazioni sovranazionali (vedi in rete il video del suo discorso all’assemblea plenaria della trilateral ad inizio anno dove ne magnificava gli intenti) non sarà facile ma non è impossibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Tania 3 mesi fa

    Che differenza tra fratelli… Questo mollusco è il fratello di Piersanti Mattarella… è la vita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Tania 3 mesi fa

    La politica è una buffonata, mettono uno qualunque di quelli che hanno in cantina, hanno la cantina piena di Mattarella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 3 mesi fa

      piena di Sergio Mattarella, che Piersanti era un altra cosa, di questi in cantina non ne tengono nemmeno uno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Se Napolitano nel 2011 ha fatto il basista istituzionale della troika facendo entrare in breve tempo Monti, mandando il Cav a nascondersi (miliardario, venditore di pentole e vigliacco), Mattarella – piddino anche lui! – sta facendo qualcosa di simile, arrogandosi il diritto, come “prerogativa del presidente”, di scegliere il presdelcons e, credo, i ministri più importanti, in modo che non siano sovranisti e sgraditi ai poteri finanziari e alla lobby ebraica …
    In prospettiva futura hanno già “riabilitato” Berlusconi, che ora è purtroppo canadidabile, mentre l’infame piddì aspetta …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Tania 3 mesi fa

    Una buona politica per un paese significa fare alcune cose ben precise sapendo da subito che non si potranno fare felici tutti, se accontenti uno scontenti l’altro, quindi la politica deve essere sopra le parti, deve essere fatta da persone lungimiranti e spietate, vorrà dire che qualcuno ne gioverà di più, e nessuno verrà demolito. Paletti, dissuasori, semafori, per le regole della collettività.
    Oggi non esiste la politica, oggi semplicemente la cupola della cosca mafiosa del pianeta Terra gestisce la riscossione del PIZZO MAFIOSO MALAVITOSO, lo dice apertamente il nostro presidente-verme Mattarella, non lo dico io, lui parla con linguaggio siciliano ben chiaro, il PIZZO VA PAGATO ai riscossori della UE, pena…
    Quale pena? Cosa ci fanno, e chi, se non paghiamo il pizzo? Ci scatenano una pandemia di colera attraverso le chemical trails? Ci scatenano contro la furia degli elementi attraverso la guerra climatica? Che ci fanno?n Totò sul sederino? Sarebbe interessante la cupola mafiosa fosse costretta a mostrarsi, sempre così attenta a non scoprirsi…
    L’IVA è roba stile MAFIA, il sistema mondiale messo in piedi dagli ebrei e loro amici di merende, cioè case reali del pianeta e Vaticano, è mafioso, parla di “protezione”… in cambio di che? Come la mafia ci promettono protezione ogni secondo quando altro non fanno che OBBLIGARCI alla loro “protezione”, e questo è esattamente il sistema mafioso. Mattarella da buon siciliano quaqquaraqquà, per non dover dire colluso, questo ci dice, dobbiamo accettare la “protezzione”…
    Suo fratello non la pensava come lui…
    Cosa vuol dire lottare contro la Mafia e intanto votare allegramente per l’esistenza dellaUE? Vuole dire non aver capito un cavolo di niente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace