Sorpresa, HTS (terroristi) rifiuta il cessate il fuoco russo-turco a Idlib


Sapremo rapidamente dove si trova la Turchia nella sua risposta o mancata risposta alle violazioni jihadiste del cessate il fuoco.

Nota del redattore : beh, sembra che i jihadisti HTS vogliano continuare a combattere, il che significa che vedremo se i turchi continueranno a tenerli riforniti per farlo.

Non ho notato una parola nell’accordo di cessate il fuoco che sia sancita per impedire ai jihadisti di violare l’accordo secondo cui la Turchia è tenuta a non rifornirli di armi e munizioni, neppure quali azioni i comandi russo e turco avrebbero intrapreso per colpire i responsabili come disincentivare a il loro cattivo comportamento, in caso di violazioni.
Non ricordo di aver letto l’accordo che richiede ancora una volta il tentativo della Turchia di assumersi la responsabilità di separare i cattivi terroristi da quelli buoni, sebbene la Jihad islamica turca non sia coperta dal cessate il fuoco, il che indicherebbe che sono una zona di fuoco libero .

Queste sono le persone che lanciano un altro attacco di droni alla base russa a Latakia il primo giorno del cessate il fuoco, e in linguaggio militare descriviamo come troppo stupidi per vivere. Il fuoco russo potrebbe colpire le forze turche se i jihadisti rinnegati dovessero attaccare le pattuglie congiunte sull’autostrada M4 e uccidere sia i russi che i turchi …

di Jim W. Dean

Hay’at Tahrir al-Sham (HTS), affiliato ad Al Qaeda, ha ufficialmente respinto il recente accordo russo-turco sulla Grande Idlib, promettendo di continuare a combattere.

In una dichiarazione ufficiale, il gruppo terroristico ha affermato che l’accordo avrebbe consentito all’esercito arabo siriano (SAA) e alle forze russe di riprendere le operazioni militari nella regione. Il gruppo ha anche osservato che la maggior parte dei termini dell’accordo non sono “implementabili”.

“Questo accordo si tinge di ambiguità e frasi fluttuanti e fluttuanti che consentono all’occupante russo di usarlo di nuovo per l’aggressività, e ci sono anche termini che non possono essere implementati affatto, di fronte, sono considerati un insulto e un’umiliazione del sangue di i martiri e i sacrifici di dieci anni consecutivi ”, recita la dichiarazione del gruppo terrorista HTS, rilasciata il 7 marzo.

Terroristi a Idlib

Il gruppo terroristico ha anche ringraziato il governo turco per essersi impegnato direttamente nella recente battaglia contro l’SAA e i suoi alleati nella Grande Idlib.

HTS ha concluso la sua dichiarazione promettendo di combattere contro l’ASA e i suoi alleati, promettendo che non ci sarà “nessuna pace o sicurezza” fino a quando il governo siriano non sarà rovesciato.

“Sappi che non esiste un linguaggio che funzioni con l’occupante (?) se non il linguaggio della forza e delle armi, quindi cerca l’aiuto di Dio Onnipotente, il grande”, ha detto HTS.

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan hanno finalizzato il nuovo accordo su Greater Idlib durante una riunione faccia a faccia a Mosca il 5 marzo. In base al nuovo accordo, è stato messo in atto un cessate il fuoco e sono iniziate le pattuglie comuni molto presto sull’autostrada Aleppo-Lattakia.

Il rifiuto di HTS dell’accordo era ampiamente previsto. Il gruppo terroristico ha già violato diverse volte il cessate il fuoco. Questo comportamento ostile potrebbe sabotare l’accordo. In questo caso, l’SAA e i suoi alleati probabilmente riprenderanno le operazioni militari nella Grande Idlib.

Fonte: Veterans Today https://www.veteranstoday.com/2020/03/07/surprise-surprise-hts-rejects-russian-turkish-ceasefire-in-idlib/

Traduzione: Lisandro Alvarado

3 Commenti

  • Cagliostro
    8 Marzo 2020

    Questi terroristi hanno davanti a sé solo la strada x l,’inferno.
    E li finiranno.

  • eusebio
    8 Marzo 2020

    A me viene da ridere, probabilmente ErdoCane ha concluso una tregua perchè ha finito le munizioni e spera che gli USA lo riforniscano, e comunque questi capiscono solo la legge della forza, nelle recenti battaglie sono morti forse 5-6000 terroristi, e quello che vogliono Putin e Assad è farli attaccare fanaticamente sotto l’effetto della droga e senza copertura aerea, in modo da macellarli come i capretti.
    Erdogan sa che non può sostenerli sul piano dell’aviazione e se gli USA non li riforniscono di granate per l’artiglieria nemmeno con un fuoco di sbarramento, e di conseguenza se Trump non dovesse ottemperare, e forse non lo vuole fare, i jihadisti andranno a farsi macellare quasi all’arma bianca.

    • atlas
      8 Marzo 2020

      è proprio così. E credo che anche la situazione degli altri differenti ameri cani che si assembrano ai confini russi per ‘esercitarsi’ sia la stessa. Faranno un botto solo

Inserisci un Commento

*

code