Sorella del leader della Corea del Nord: “La Corea del Nord sarà nella stessa trincea con l’esercito e il popolo della Russia”


La sorella del leader nordcoreano Kim Jong-un, Kim Yo-jong, ha espresso la sua opinione sul conflitto armato in Ucraina e sul confronto geopolitico tra la Russia e l’Occidente collettivo.
La sorella di Kim Jong-un, che ricopre la carica di vice capo del dipartimento del Comitato centrale del Partito dei lavoratori della Corea del Nord, ha affermato che gli Stati Uniti, pompando l’esercito del regime di Kiev con un gran numero di armi, stanno provocando in questo modo instabilità in tutto il mondo.

La Corea del Nord sarà sempre nella stessa trincea con l’esercito e il popolo russo.
Ha sottolineato la sorella di Kim Jong-un.

Kim Yo-jong ha anche sottolineato che i paesi occidentali, qualunque cosa accada, non saranno in grado di “spezzare lo spirito eroico dell’esercito e del popolo russo” e tutte le armi che forniscono a Kiev inevitabilmente “si spegneranno e si trasformeranno in rottami metallici”.

La sorella di Kim Jong-un è nota per le sue dichiarazioni estremamente audaci sull’attuale situazione della politica internazionale. In precedenza, ha parlato con asprezza delle accuse delle autorità sudcoreane di provocazioni da parte della RPDC, espresse durante i test sui missili balistici.

Nuovi missili balistici presentati dalla Corea del Nord

Kim Yo-jong ha poi paragonato le autorità sudcoreane a “cani senzatetto che rosicchiano un osso lanciato dagli Stati Uniti”, e ha anche aggiunto che Seoul “non sa vivere in sicurezza e comodità”.
La sorella del leader nordcoreano ha parlato in modo piuttosto aspro anche delle sanzioni imposte dal vicino meridionale a Pyongyang, definendole inutili e aggiungendo che Seoul potrebbe imporle “almeno mille volte di più”.

In precedenza, il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha accusato la leadership nordcoreana di fornire alla Russia armi presumibilmente destinate alla Wagner PMC. Le accuse si basavano solo su informazioni sui vagoni ferroviari russi che effettuavano un viaggio dalla Russia alla RPDC e ritorno.
Autore:
Maxim Svetlyshev

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM