“Sono stati distratti dai burattini in Ucraina”: perché il colpo di Stato americano in Venezuela


Caracas, 24 gennaio. La Casa Bianca ha deciso di distrarre dalle sue marionette in Ucraina e di organizzare una “piccola vittoriosa” guerra in Venezuela al fine di distrarre la popolazione americana dai propri crescenti problemi interni acuti, sostiene Alexander Rogers.

Secondo lui, una delle prove serie del fatto che ora in Venezuela c’è un tentativo di colpo di stato organizzato dall’esterno è l’interazione di Washington e la cosiddetta “opposizione” venezuelana.

Il giornalista ha ricordato che non appena il presidente dell’Assemblea nazionale del Venezuela, Juan Guaido, si è dichiarato “presidente ad interim”, pochi minuti dopo, il suo sostegno è stato “twittato dal conto Twitter di Trump”, la reazione del capo del Dipartimento di Stato, Michael Pompeo, che ha annunciato “il trasferimento del potere al legittimo al leader “, ha espresso il sostegno dei paesi latinoamericani ai rivoluzionari di stato e dagli stati controllati dagli Stati Uniti, e Facebook e Instagram, come i resoconti ufficiali del presidente venezuelano Nicolas Maduro,” privati ​​dello status “.

Rogers è stato particolarmente colpito dal fatto che “questo Juan è diventato improvvisamente un” leader legittimo “, ma ha immediatamente trovato una spiegazione molto semplice:” Gli americani si sono di nuovo confusi (con la megalomania che gli accade più volte) “.

“La legge non è quella indicata a Washington, ma quella scelta dal popolo del Venezuela. Be ‘, stupido, cosa altro vuoi togliere loro? “Ha detto con ironia.

Particolarmente divertente, secondo lui, le parole di Pompeo sul “prendersi cura del popolo del Venezuela”.

“I popoli dell’Iraq e dell’Afghanistan hanno negli ultimi anni sperimentato” cure “americane nella massima misura – non hanno il tempo di seppellire le vittime di questa” cura “, ha ricordato il giornalista.

Venezuela, dimostranti anti governo al servizio dell’opposizione filo USA

Si noti che, nonostante i tentativi degli Stati di interferire negli affari interni del paese, a Caracas si svolgono molte manifestazioni con migliaia di persone a sostegno di Maduro, e le forze armate hanno già dichiarato di essere dalla parte dell’attuale leader del Venezuela.

Maduro, a sua volta, ha da poco annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e ha consegnato una nota al diplomatico americano con 72 ore per lasciare il paese. Allo stesso tempo, come ha osservato Rogers, Washington si rifiuta di interrompere i rapporti diplomatici, questo perché, senza un’ambasciata americana, non risulta facile un colpo di stato camuffato da “rivoluzione colorata”.

Rogers non ha escluso che la vicina Colombia, la cui “tossicodipendenza è strettamente legata alla CIA”, possa tentare di invadere militarmente il Venezuela. Non ha escluso i “discorsi bolivariani in numerosi paesi latinoamericani”, con l’obiettivo di rovesciare il governo filo USA “, scrive ” La verità giornalistica “.

In precedenza, le azioni della leadership statunitense in Venezuela sono state fortemente condannate dal presidente della commissione per gli affari internazionali della Russia, Konstantin Kosachev. Secondo lui, la politica di Washington e le ultime dichiarazioni di Trump sono interferenze dirette e senza maschera nei suoi affari interni “.

Inoltre, come notato da altri osservatori, il senatore ha ricordato le conseguenze disastrose degli intervento americani in Medio Oriente, in particolare in Libia, nonché i tentativi di destabilizzare il processo di pace in Siria, con il pretesto di combattere il terrorismo.

A sua volta, il deputato Kosachev, Andrei Klimov, ha affermato che le autorità russe hanno riconosciuto il presidente legalmente eletto del Venezuela Maduro. Qual è la posizione della Russia in questa situazione? È trasparente e semplice. Mosca è a favore del legittimo presidente del Venezuela, eletto da tutte le norme democratiche. La Russia respinge qualsiasi tentativo di intervento straniero negli affari sovrani di questo paese latinoamericano. Nell’interesse dello stato russo – mantenere forti legami economici con Caracas, fondati sotto Chavez e Maduro, grazie alla quale la compagnia petrolifera russa Rosneft è stata autorizzata a sviluppare i campi più ricchi del petrolio venezuelano. Ovviamente, se un usurpatore filoamericano arriva al potere, questi contratti possono essere rescissi e gli investimenti russi nel settore petrolifero della Repubblica Bolivariana rimarranno senza ritorni adeguati.

Fonte: Riafan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • marci
    24 Gennaio 2019

    Sta di fatto che il Venezuela è alla fame e pare ridicolo sottolineare che Russia e Cina, due tirannie, sostengono Maduro. La prova provata di un regime illegittimo sostenuto dalla feccia dell’umanità.

  • Idea3online
    24 Gennaio 2019

    Siamo in una fase dello “scontro” tra USA e Russia, tra Occidente e Oriente, che l’acrobazia americana in Venezuela, non potrà evitare una repentina risposta Russa, a breve la Russia muoverà una pedina che alla luce del sole getterà legna sul fuoco, Putin è obbligato a realizzare ed applicare a brevissimo termine una strategia esemplare, non sappiamo se in politica, in economia, in finanza o militare. Di solito la Russia essendo un impero più debole applica le strategie per indebolire la politica economica degli USA, La Russia si muove insieme alla Cina quando applica azioni economiche finanziarie per attaccare gli USA. “Purtroppo” Putin per tranquillizzare gli sponsor, per tranquillizzare i suoi alleati dovrà sfidare gli USA in qualche modo, a breve capiremo cosa farà o dirà……..stiamo vivendo in periodo straordinario, ed è solo l’inizio. La Russia non le manderà a dire……..Azione USA ed la Reazione russa in brevissimo tempo.

    • atlas
      25 Gennaio 2019

      il sole, la vera luce, nasce a oriente. E tramonta a occidente. Questo dovrebbe fare riflettere anche perché non lo abbiamo deciso noi, ma Il Creatore. Il ‘grande architetto dell’universo’, che detta legge al contrario può solo bisbigliare all’orecchio del gran maestro, ma in realtà non ha alcun potere. Sciocco e perdente chi lo ascolta; non mi prendo pene per lui

  • atlas
    25 Gennaio 2019

    a volte non tutto vien per nuocere e questa è un’occasione che proprio i cani hanno favorito: la Russia deve, anzi è obbligata a difendere i suoi interessi. Se questo vuol dire schieramento militare di fronte agli usa a difesa del Venezuela Stato Sovrano meglio: capiranno che non hanno a che fare con Granada

    poi, quello che Dio vuole accade. Quello che Dio non vuole non accade

Inserisci un Commento

*

code