Solo un deficiente

di Maurizio Murelli

Solo un deficiente (cioè, colui che è manchevole di supporto cognitivo e capacità di ragionamento) può negare che gli USA stanno incendiando il mondo.

Solo un deficiente non capisce che le basi militari americane in Siria, Iraq e altrove nel mondo sono gli avamposti di uno Stato coloniale imperialista e che le genti di quegli Stati hanno il dovere (e non il diritto) di cercare di liberarsene.

Solo un deficiente non capisce le ragioni per le quali gli oligarchi della UE difendono l’indifendibile Ucraina e la finanziano usando gli ucraini come carne da macello.

Solo un deficiente non capisce perché i paesi baltici più la Germania paventano un’aggressione russa alla NATO entro 5-8 anni e suonano la diana di quella che spacciano come guerra difensiva.

Solo un deficiente non capisce che quando Zelensky annuncia un cambio di strategia nella guerra di aggressione per procura contro la Russia intende adottare lo stile israeliano in voga a Gaza, là dove si bombardano asili, ospedali, centro rifugiati e persino cimiteri. Infatti, ieri ha cominciato a bombardare le panetterie causando 20 morti di ucraini russofoni in fila a comprare il pane. Per implementare questa nuova strategia, Zelensky vuole estromettere l’attuale capo di stato maggiore sostituendolo con il capo dei servizi segreti, l’artefice degli attentati terroristici in territorio russo, quindi anche in Crimea.

Solo un deficiente non comprende cosa ha in testa Netanyahu e come andrà a finire, al di là delle chiacchiere di mercato degli atlantisti.

Base USA colpita dalla resistenza

Solo un deficiente non ammette che il modello di sviluppo demoliberale è una catastrofe che ha generato nel mondo milioni di diseredati, altrettanti milioni di popolazione della classe media resa schiava di un inalienabile processo consumistico che la rende succube e ricattabile, creando al contempo un clan di plurimiliardari che determinano ovunque le politiche degli Stati asserviti all’egemonia americana.

Solo un deficiente non capisce che l’equazione “democrazia occidentale” uguale a libertà è un ossimoro.

Solo un deficiente non capisce che siamo sotto il tallone di un totalitarismo politico, economico, culturale chiamato liberismo.

Solo un deficiente può pensare “accada quel che accada, tanto io me la cavo”….

Deficienti ne abbiamo? Sì, milioni di milioni e nessun deficiente se la caverà. Certo, anche chi deficiente non è rischia (e magari anche senza “rischia”) di non cavarsela, ma quantomeno si riserva la prerogativa di cadere in piena consapevolezza, da uomo libero e verticale avendo ben chiaro il volto del boia.

Fonte: Maurizio Murelli (Arianna Editrice)

14 commenti su “Solo un deficiente

  1. Ma come ci si può arrogare di dire “gli altri sono deficienti e io no” quando si è distrutto un intero pianeta, il futuro della propria discendenza, ci si sono distrutte con le proprie mani tutte le cose più sane e valide che avrebbero potuto esserci, comprese le persone, e si sta circondati dal male e da ruffiani e serpi, certo, poi si dice che nessuno se la caverà, né deficienti né non-deficienti. Appunto.
    Ma non è di questo che volevo dire, ma rispondere ad una frase che diceva, in un commento: “perché dovrebbe arrivare la guerra da noi se non l’abbiamo cercata?” Si vorrebbe dire che vieni attaccato perché hai cercato in qualche modo l’attacco?
    Come negare l’evidenza, di secoli, millenni, di evidenze, di guerre, di assalti, di piraterie, di furti con scasso, violenze….. non ho parole

    1. Qui, in Italia, abbiamo un popolume ormai zombi che sta perdendo la partita sul piano socioeconomico, assiste al continuo impoverimento di massa, all’aumento insostenibile di tutti i prezzi, alla corruzione e alle ruberie di risorse pubbliche senza reagire, ma è persino scontato che sia così, perché gli zombi caracollano e non lottano, non hanno coscienza sociale e politica, hanno ancora un simulacro di vita ma sono morti.

      Diversa è la situazione di chi, in netta minoranza, non è zombi (nel bell’articolo “deficiente”), è superiore al predetto popolume zombificato, ma sconta una totale impotenza politica, che gli impedisce di reagire per le rime, magari sparando nelle strade … In poche parole, oggi qui non è possibile aggregare un’opposizione vera, perché manca tutto: programmi politici applicabili alla realtà, una nuova élite rivoluzionaria, i quadri e anche le armi (non tanto e non soltanto quelle da fuoco, ma l’accesso ai media, l’informazione, la possibilità di propaganda contraria a quella del sistema).

      Cari saluti

  2. Gran bell’articolo, come tutti quelli di MURELLI, chi non ha ancora maturato i concetti che esprime non può che farli propri, tanto sono inoppugnabili !
    Riporto quello che, secondo me, è il concetto essenziale, dal quale deriva tutto il resto ! Il modello di sviluppo demoliberale è una catastrofe ! Tutto ciò che abbiamo davanti è una conseguenza di ciò ! Unica consolazione, il modello liberal democratico non è in ascesa, ma in caduta libera, anzi in picchiata, quindi soccomberemo pure (alcuni si altri no) ma non ho dubbi sul suo tracollo epocale !
    Complimenti all’autore e alla redazione !

  3. Solo un deficiente non capisce che gli americani hanno i caratteri del fascismo : suprematismo, razzismo, attitudine ad escludere e a infierire sui più deboli. Il fascismo muta nel tempo e nei luoghi, ma ha sempre queste caratteristiche. Gli USA sono un paese fascista in cui si vota, apportatori di guerre, rapine, miseria e morte.

  4. Se non capire perché sono tanti quelli che offrono gli occhi alla benda della propaganda è essere deficienti allora confesso, io lo sono

  5. Qui in Italia di deficenti ignoranti che non trovano nulla da ridire sulle guerre USA & NATO né abbiamo diversi milioni !

  6. Per me tutto ha avuto inizio da quando gli stati hanno abdicato il potere alla finanza dando più valore al denaro che all’economia del lavoro, questo è il male dell’occidente, per fortuna non tutti i paesi si sono adeguati e per questo che sono scoppiate queste guerre locali per mettere in riga chi non si voleva adeguare e non accettava questo sistema, purtroppo come dice il proverbio con i (guadrini) si fanno ballare i burattini.

  7. Si chiama stoicismo, resilienza. Ci si Abitua a tutto. Tanti capiscono ma preferiscono non vedere, si girano dall’ altra parte. Tanti sono deficienti. Fatto sta’ che Draghi, il maledetto massone , una cosa vera l’ ha detta. Senza allargamento ad Est l’ Europa Unita crollera’, implodendo economicamente. E non sarà indolore.

  8. Non riesco a capire perche’ la Russia e’ ancora ferma alla cosiddetta ” operazione speciale” quando e’ sotto attacco della Nato sotto mentite spoglie , adesso anche sotto forme terroriste . Anche questo forse un deficente come puo’ darsi sia io non capisce se non sia arrivata l’ ora di alzare il mirino . Al mio paese c’e’ un detto : la serpe e’ meglio colpirla sulla testa , o no !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM