SOLO I COMBATTENTI STRANIERI PIÙ ESTREMISTI ORA ENTRANO IN UCRAINA PER COMBATTERE I RUSSI

Con l’apparato dei media occidentali che bombarda il pubblico con una narrativa secondo cui un’Ucraina liberale sta lottando contro una Russia autoritaria per preservare la sua democrazia, le forze ultranazionaliste di estrema destra, inclusi i battaglioni neonazisti, sono state normalizzate e glorificate al punto che migliaia di gli stranieri si sono riversati in una zona di guerra per combattere.

Molti di questi stranieri non hanno un’adeguata formazione ed esperienza militare. Poiché non possono combattere adeguatamente, i comandanti delle forze armate ucraine si lamentano di loro perché non sono utili allo sforzo bellico. Per questo motivo, sono schierati nei punti di combattimento più pesanti, incluso il Donbass, e di conseguenza hanno un tasso di sopravvivenza breve poiché le truppe russe altamente professionali li stanno ingaggiando attivamente.

Al 16 aprile, secondo i dati della Repubblica popolare di Donetsk, c’erano circa 6.800 combattenti stranieri provenienti da 63 paesi. Di questi, più di 1.000 combattenti stranieri sono stati uccisi e più di 900 sono fuggiti dall’Ucraina. Dei combattenti stranieri, c’erano 1.800 dalla Polonia, circa 500 ciascuno da Stati Uniti, Canada e Romania ciascuno, 300 ciascuno dalla Gran Bretagna e Georgia, 127 dalla Francia e 50 dalla Germania.

Sebbene si trovino principalmente nelle città di Kiev e Kharkov, con il quartier generale del coordinamento della legione internazionale situato a Belaya Tserkov, compaiono sempre più spesso nei fronti di battaglia del Donbass. Circa 200 sono stati fatti prigionieri dai militari della Repubblica popolare di Donetsk e contro di loro sono stati avviati procedimenti penali. Almeno 72 mercenari hanno combattuto a Mariupol, l’ex roccaforte del battaglione Azov, a metà aprile.

Poiché i cittadini di Gran Bretagna, Danimarca, Polonia e Croazia godono di regimi di esenzione dal visto per l’arrivo in Ucraina, c’è stato un numero maggiore di combattenti stranieri provenienti da questi paesi. Ci sono compagnie militari private americane in Ucraina: Academy, Cubic, Din-corporation, Lancaster, consulenti per la sicurezza indipendenti, appaltatori di supervisione professionale. Dalla Gran Bretagna, c’è Halo Trust. Tuttavia, combattenti stranieri arrivano anche da Italia, Spagna e Turchia.

Con la guerra in Ucraina che entra nel suo quarto mese, ora ci sono una miriade di testimonianze di orrori affrontati. Ciò è in netto contrasto con le prime settimane di guerra, quando sembrava quasi “alla moda” o “spigoloso” offrirsi volontari per combattere i russi. La Legione Internazionale dell’Ucraina ha anche un proprio sito web dove fornisce istruzioni per aspiranti combattenti stranieri su come entrare nel paese e cosa mettere in valigia. Entro il 6 marzo avevano ricevuto più di 20.000 domande, secondo il ministro degli Esteri .

Il numero di combattenti stranieri attualmente in Ucraina è un segreto di stato, ma il colonnello Anton Myronovych ha detto alla CNN che: “Il meglio del meglio si unisce alle forze armate ucraine. Questi sono stranieri con una vera esperienza di combattimento, questi sono cittadini stranieri che sanno cos’è la guerra, sanno maneggiare le armi, sanno come distruggere il nemico”.

Mercenari in Ucraina

Sebbene non sia confermato, allude forse al fatto che forse le forze speciali delle forze armate di paesi stranieri stanno operando in Ucraina sotto la bandiera della Legione Internazionale. Un altro motivo della politica ucraina del silenzio sui combattenti stranieri, a differenza delle prime settimane di guerra, è che possono limitare l’esposizione dei neonazisti tra le loro fila. Nonostante questo silenzio, non ha impedito di filtrare la notizia che neonazisti provenienti da Danimarca, Svezia e altri paesi europei si sono accalcati per combattere i russi in Ucraina.

In questo modo, i combattenti stranieri provenienti dall’Occidente sono costituiti in modo schiacciante da soldati delle forze speciali, estremisti di estrema destra e, almeno inizialmente, liberali ingenui. Ciò che rende unico l’arrivo dei combattenti dalla Turchia, tuttavia, è che sono anche motivati ​​dalla loro ideologia della supremazia etnica, ma attraverso la portata del panturkismo, che è tanto estremo quanto il neonazismo.

Sebbene questi combattenti siano indubbiamente altamente motivati, vengono effettivamente utilizzati come “carne da cannone”. Si ricorda che il 15 marzo il governo australiano ha emesso un avvertimento che i volontari potrebbero finire per essere usati come “carne da cannone” dall’esercito ucraino. Ciò corrisponde alla testimonianza di Matthew Robinson, un volontario britannico che ha sottolineato che gli stranieri “possono essere imbarcati in una legione e mandati in prima linea molto rapidamente. Anche se hai le migliori intenzioni per aiutare le persone, in pratica potresti essere carne da cannone.

Da parte sua, Kevin, pseudonimo di un “veterano” americano delle forze speciali, ha dichiarato alla CNN il 24 maggio che alcuni fronti di battaglia in Ucraina erano “letteralmente un incubo” e che alcuni degli altri stranieri erano “scioccati”. Con la guerra giunta al suo quarto mese, il flusso di combattenti stranieri è rallentato dopo l’entusiasmo iniziale, ma quelli che ancora si fanno strada sono o estremisti, come i neonazisti europei/americani e i lupi grigi turchi, o le forze speciali di Paesi occidentali che posano sotto mentite spoglie. Con testimonianze come Robinson e Kevin che stanno diventando fin troppo familiari ora, gli unici stranieri che si dirigono verso l’Ucraina oggi sono i razzisti e gli estremisti più russofobi

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Scritto da Paul Antonopoulos , analista geopolitico indipendente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM