“Solntsepyok” ha attaccato le roccaforti delle forze armate ucraine vicino a KupyanskIl


Il “Solntsepok” russo ha colpito tre volte le roccaforti delle forze armate ucraine vicino a Kupyansk

Mosca , 28 gennaio 2024, – IA Regnum. Gli equipaggi dei sistemi lanciafiamme pesanti TOS-1A Solntsepek hanno colpito le roccaforti del plotone di una brigata meccanizzata delle forze armate ucraine in direzione di Kupyansk. Lo ha riferito il ministero della Difesa russo il 28 gennaio.
Secondo il dipartimento, il gruppo di truppe del distretto occidentale ha lanciato un totale di tre attacchi contro obiettivi dell’esercito ucraino.
“I lanci sono stati effettuati a una distanza di oltre 4,5 km “, ha chiarito il Ministero della Difesa.

Con l’aiuto degli aggiustamenti del fuoco effettuati dagli operatori dei droni, l’esercito russo ha colpito con successo tutti gli obiettivi previsti, ha affermato il Ministero della Difesa.
Come riportato da Regnum , il 9 gennaio l’esercito russo ha distrutto diverse roccaforti dell’esercito ucraino vicino a Kupyansk, utilizzando il sistema lanciafiamme pesante Solntsepek. Secondo il comandante del TOS-1A “Solntsepek” con il nominativo Cherny , i gruppi militari delle truppe russe “Ovest” hanno svolto un compito ordinario, fornendo supporto di fuoco alle unità di fucilieri d’assalto.

Missile russo

Il servizio stampa di Omsktransmash ha dichiarato l’11 gennaio che il Solntsepok proteggerà dai missili guidati anticarro e dai droni kamikaze. A tal fine, presso il TOS verranno installati schermi di protezione dinamica a bordo.

L’esperto militare, direttore del Museo delle forze di difesa aerea, il colonnello in pensione Yuri Knutov, ha affermato che gli Stati Uniti hanno sollevato la questione del divieto dell’uso del sistema lanciafiamme pesante russo Solntsepek a causa della sua potenza impressionante. Secondo lui, Washington voleva classificare il sistema come un’arma di distruzione di massa.

Fonte: Regnum.ru

Traduzione: Sergei Leonov

14 commenti su ““Solntsepyok” ha attaccato le roccaforti delle forze armate ucraine vicino a KupyanskIl

  1. Per prendere, in futuro, la strategica Kupyansk nell’Oblast di Char’kov la stanno approssimando da nord e da est , sud-est e la manovra di “aggiramento” è in pieno corso e sembra avere successo.

    Cari saluti

  2. Questi missili hanno una ogiva – una testata – che è una bomba termobarica; in frazioni di secondo l’ogiva nebulizza tutto intorno il contenuto e poi prende fuoco, a temperatura elevatissima (direi 4.000 gradi centigradi, data la composizione). Allora oltre che a bruciare e detonare violentemente, stermina tutto in una vasta area e distrugge pure le fortificazioni.

    1. Non a caso i TOS (e TOS 2, versione più evoluta) sono chiamati “lanciafiamme”, con i lanciarazzi installati sullo scafo di T-72.

      La termobarica sfrutta gli idrocarburi, oltre all’alto esplosivo, prima di toccare terra una spoletta fa detonare l’ordigno, rilasciando una nube di gas che si incendia, ovviamente chi è sul punto d’esplosione o molto vicino ad esso muore (e non gli importa se è bomba cosiddetta a vuoto o ad alto esplosivo …), ma a distanza chi ne subisce gli effetti avrà lesioni gravi agli organi interni, potrà perdere la vista e simili piacevolezze.

      I russi dispongono anche di grandi termobariche che possono essere caricate sui bombardieri strategici, del peso di oltre 7 tonnellate(!), che equivalgono a circa 44 tonnellate(!) di alto esplosivo, ma non mi risulta (o forse mi è sfuggito non essendo un analista militare/ esperto di sistemi d’arma) che le abbiano impiegate in ukraina.

      Cari saluti

      1. Tu parli de “il padre di tutte le bombe” ed, appunto, è la più potente bomba convenzionale esistente, superiore alla americana “la madre di tutte le bombe”. I gringos l’hanno usata in Afghanistan senza riuscire a sconfiggere i Guerrieri.

  3. Gli stati uniti comincessero ha pensare ai problemi di casa loro il Texas non molla,puo accadere una rivoluzione arancione.

    1. Personalmente spero in scontri a fuoco fra la guardia nazionale texana, schierata con il governatore e ben rappresentata fra gli indipendentisti, e i federali, anzi, se fossi credente pregherei che ciò accada, perché si aprirebbe un abisso sotto i piedi dell’élite finanz-globalista-giudaica dominante e sarebbe, probabilmente, l’anticamera della secessione e – se tutto andrà per il verso giusto – di una seconda guerra civile in usa.

      Cari saluti

        1. Speriamo che ci pensi il Texas a salvare il mondo, fecendo scoppiare la seconda guerra civile americana e azzerando il pericolo …

          Cari saluti

        2. cosa????? gli ebrei e gli anglosassoni sanno solo distruggere… il liberismo è la più malvagia tra le dittature…. come mai quasi nessuno conosce la Quarta teoria politica, di Alecsander Dugin!!!!
          Avremmo un mondo molto migliore… e i BRICS….. FINALMENTE AVREMMO UNA OTTIMA TEORIA POLITICA E NAZIONI LIBERE, SOVRANE E ALLEATE CONTRO IL MALVAGIO LIBERISMO EBRAICO ANGLOSASSONE

    2. Cara Genny,
      i tempi sono maturi per la grande Rivoluzione Populista Americana. Decine di milioni di paramilitari della classe media sono armati e organizzati. Non credo che il sistema del “deep state” – cioè dei banditi al potere – riuscirà fermarli, non credo proprio.

  4. Gli USA vogliono classificare il lanciafiamme pesante russo come arma di distruzione di massa ! Ci vuole una bella faccia di bronzo da parte di chi ha usato l’atomica contro inermi città giapponesi e i lanciafiamme contro i villaggi dei contadini vietnamiti, per non parlare delle bombe al fosforo in Iraq ! Certo se si aprisse un fronte interno (Texas o altri) sarebbe la fine, la conferma che gli USA sono un gigante dai piedi d’argilla, una tigre di carta destinata se non a sparire almeno a diventare irrilevante !

    1. Forse sono invidiosi delle bombe a vuoto russe, per non parlare degli ipersonici che loro non riescono neppure a progettare (hanno tentato, ma sono esplosi subito dopo il lancio).

      Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM