"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Smontata dall’intelligence russa la campagna di falsificazione sull’attacco chimico a Idlib: il deposito di armi chimiche era dei terroristi

La Difesa russa commenta il presunto attacco chimico in Siria

L’aviazione siriana ha effettuato un attacco aereo contro un magazzino dei terroristi dove si fabbricavano munizioni chimiche per utilizzarle in Siria ed in Iraq, lo ha dichiarato il rappresentante della Difesa russa Ígor Konashénkov.

“Il giorno 4 di Aprile fra le ore 11,00 e le 12,30 gli aerei dell’aviazione siriana hanno attaccato un raggruppamento di veicoli blindati ed un magazzino dei terroristi ubicato nei dintorni della città di Jan Sheijun”, ha precisato Konashénkov, citando i dati forniti dai radar russi.
Il magazzino attaccato veniva utilizzato per la produzione di proiettili con ogive chimiche, ha sottolineato il militare, in una riunione con i giornalisti.

“Questa stessa fabbrica forniva armi chimiche per gli estremisti in Iraq. L’utilizzo di questi proiettili è stato confermato tanto dalle organizzazioni internazionali, come dalle autorità irachene”, ha spiegato il rappresentante russo.
Inoltre queste stesse munizioni sono state utilizzate ad Aleppo nell’autunno dell’anno scorso. In quell’occasione gli specialisti russi avevano consegnato i dati sull’utilizzo delle sostanze chimiche da parte degli estremisti all’Organizzazione per il divieto di Armi Chimiche (OPAQ), ha ricordato Konashénkov.

I sintomi di intossicazione riscontrati ad Aleppo erano gli stessi che si possono vedere nelle registrazioni diffuse nel caso di Jan Sheijun, attraverso i social media, ha aggiunto Konashénkov.
“Affermiamo che questa informazione è obiettiva e verificata”, ha dichiarato Konashénkov in conclusione.

Il Martedì l’Oservatorio Siriano per i Diritti (con base a Londra) aveva denunciato l’attacco chimico che aveva prodotto circa 80 morti e 200 feriti, secondo la versione della Coalizione delle Forze Oppositori ed avevano accusato di quello le truppe governative.
L’ONU ha iniziato una indagine sull’incidente mentre che l’OPAQ si è dichiarata preoccupata circa il presunto utilizzo di armi chimiche.

Nonostante questo gli USA, il Canada ed altri paesi dell’area NATO hanno immediatamente accusato il Governo della Siria, senza attendere i risultati dell’indagine degli specailisti dell’ONU e della OPAQ.

Il possente apparato dei media, TV e Giornali occidentali, come spinto da una unica regia, è immediatamente balzato sull’episodio per montare una impressionante campagna di accuse di “crimini di guerra” contro il Governo di Bashar Al-Assad e le forze siriane, omettendo di informare che le armi chimiche erano in possesso dei gruppi ribelli jihadisti, già usate da questi gruppi terroristi in altre occasioni, gli stessi che sono appoggiati e sostentuti dagli USA e dall’Arabia Saudita.

Fonti: Sputnik Mundo

RT News

Traduzione e sintesi: L.Lago

*

code

  1. Raffaele 6 mesi fa

    Ennesima mistificazione dei media di
    regime occidentali. Ora daranno minimo
    risalto a questa smentita e nella mente
    delle persone rimarranno i Russi e Siriani
    malvagi che gasano la gente…. Temo che
    siamo in piena propaganda pre bellica
    che precederà il terzo conflitto mondiale.
    Troppi gli indizi… Spero di sbagliarmi e
    che Dio ce ne scampi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 6 mesi fa

    I BUONI (USA, Canada, NATO, ed i figli di Davide) accusano a prescindere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mardunolbo 6 mesi fa

    E’ in atto una campagna mistificatoria spaventosa che,come dice Raffaele, può preludere ad una guerra mondiale
    Questo è quanto si trova sugli Usa e sul senso che danno nel mondo:

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nataliya 6 mesi fa

    Ma che strano! In Ucraina armi che finiti nelle mani di terroristi erano nascosti nelle miniere dei tempi della Seconda guerra mondiale… compreso carri armati…. In Siria erano depositi dei terroristi… Russia sa tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace